PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Niente è per caso

Vieni fuori e va per la tua strada. - Uscì dalla grotta e fu accecato dalla luce, meccanicamente alzò il braccio e si coprì gli occhi, dopo un po' si abituò alla luce ed iniziò a distinguere le persone. Aveva trascorso quattro giorni nelle caverna, aveva ascoltato i pianti ed i lamenti dei suoi familiari. Davanti a lui c'erano le sue sorelle in lacrime, le abbracciò ed asciugò loro le lacrime. - Non piangete, sto bene e sono di nuovo qui con voi.



Alzò la testa e lo vide, voleva dirgli molte cose, tutto quello che aveva visto e sentito, un fiume di emozioni si susseguirono una dietro l'altra, ma disse solo: - Perché? - Lui lo guardò con dolcezza e gli rispose: - Le tue sorelle hanno bisogno di te.



Si fece largo tra la folla che lo guardava tra stupita e incredula, le sue sorelle lo seguirono colme di gioia e felicità. Era un miracolo, si era svegliato dal sonno eterno. Passò una settimana e Marta la sorella maggiore di Lazzaro si recò dal Maestro.



- Rabbi sono preoccupata per mio fratello.

- Perché?

- Non è più lui, prima era sempre allegro, socievole, adesso non parla con nessuno, sta sempre da solo.

- Dagli tempo Marta, tornerà quello di prima.

- Non dorme e non mangia se non fosse per quegli occhi sempre in movimento penserei... no, non voglio neanche dirlo.

- Marta, tuo fratello ha visto cose che nessuno è dato sapere, ora vai da lui e stagli vicino presto tornerà come prima.



Trascorsero molti mesi e Lazzaro tornò alla vita di sempre, le sorelle Marta e Maria furono felici perché finalmente il loro fratello era di nuovo con loro. Tuttavia qualcosa in lui si era spezzato, l'entusiasmo, la voglia e la gioia se ne erano andati per sempre. Se assapori la felicità solo per pochi istanti una vita intera non ti basterà per dimenticare quei momenti.



Niente è per caso e tutto ha un fine, una sera Lazzaro fu invitato ad un cena dal Maestro è capì finalmente il motivo di quello che gli stava capitando. Comprese che era stato prescelto come esempio per le generazioni che sarebbero venute dopo. Lazzaro sarebbe sopravvissuto fine alla fine dei tempi. Da quel giorno si perse ogni traccia di Lazzaro, ed ebbe iniziò il suo pellegrinaggio in giro per il mondo.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • ELISA DURANTE il 04/07/2011 10:47
    Interessante. Avevo capito subito di chi si trattava ma la fine mi ha sorpreso!
  • Isaia Kwick il 04/07/2011 04:40
    Lazzaro in giro per il mondo, bhe' forse lo incontrero' un giorno.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0