PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Rtorno al mare

Guardava l'orizzonte, lasciandosi accarezzare dagli ultimi raggi di sole.
Gli erano rimaste solo quelle carezze, che per lui erano le più belle perché a senso unico.
Guardava l'orizzonte, cercando risposte alla sua solitudine.
Adesso, anche la sua gatta l'aveva lasciato. Era proprio solo il vecchio Giorgio.
Lui, di quella solitudine, aveva paura.
E pensare che l'aveva tanto bramata quando il suo locale sul mare si riempiva di gente.
In quei momenti di confusione si sentiva oppresso, nervoso, e avvertiva il desiderio di scappare per rimanere solo.
La moglie spesso gli ripeteva :
« Se questa gente non ci fosse, di cosa vivremmo? »
Lui annuiva, mentre continuava a impastare e infornare pizze fantastiche che la gente divorava con gusto.
Sembra che all'impasto aggiungesse un ingrediente segreto, capace di aumentarne la fragranza.
Quando la moglie morì, all'improvviso, rimase frastornato ed incredulo.
Lei, così solare... se n'era andata.
La loro gatta, enorme come una palla, si attaccò ancora di più a lui, e lui a lei.
Da alcuni mesi vivevano in simbiosi; non c'era un giorno che si staccassero l'uno dall'altra.
Adesso che il locale aveva chiuso i battenti in attesa della prossima stagione, nonno Giorgio si godeva le giornate andando a pesca con la sua barca, sempre in compagnia della sua gattona.
Tornava a casa la sera, quando il sole si tuffava nel mare. Mangiava qualcosa insieme alla gatta e
poi andava a dormire.
Non lo avevo mai visto versare una lacrima, per la moglie morta.
Lo andai a trovare nel suo locale, in novembre.
Le onde d'argento del mare, così simili nel colore ai suoi baffi ed ai suoi capelli, con il loro sciacquio smuovevano il grigiore del silenzio di quel mese di inverno.
Lui sembrava una creatura marina : il vecchio del mare, il dio del mare. Guardandolo, avvertivo fortemente come fra di loro esistesse un profondo ed intenso legame.
Non si poteva evocare la sua figura senza veder apparire in coppia il ricordo del "mare."
Parlammo... gli dissi che c'erano le nostre nipotine che lo aspettavano.
Lo sentii solo, distante. Lessi la disperazione, nei suoi occhi di mare d'inverno.
La morte della gatta gli aveva offerto, su un piatto d'argento, quella solitudine che lui andava cercando.
Adesso che aveva potuto vederla da vicino, sperimentarla e assaporarla, si era reso conto che la solitudine integrale non gli piaceva affatto, anzi lo angosciava. Questo stato d'animo l'aveva impaurito, e spiazzato.

12

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • nicoletta spina il 03/07/2011 22:44
    Bel racconto, fonde colori del mare con i suoi colori di grigio-azzurro e i colori della solitudine e dell'assenza della persona amata. Brava Serenella!!

  • Menichetti Serenella il 03/07/2011 22:22
    Grazie Isaia, può darsi che tu l'abbia veramente conosciuto.
  • Isaia Kwick il 03/07/2011 22:09
    Molto bello il racconto, la Versilia, mia amata Versilia, grazie per avermi riportato a miei luoghi di vacanza di quando ero un bambino, forse ho conosciuto anche io Giorgio. Bella complimenti.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0