PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Questa è la tua vita

Il problema è che ti sei dimenticato di tirare giù la tapparella della finestra. La luce ti colpisce in pieno viso ed è più fastidiosa dei versi di un gatto in calore alle quattro di mattina il giorno che hai il turno alle sei. La fortuna è dalla tua parte: è domenica. Nella tua stanza c'è un odore strano molto distante da quello che solitamente si definisce gradevole. Odore dei tuoi piedi sudati mischiato a quello di scorregge notturne, mischiato a quello di vomito, vomito che si trova esattamente alla tua sinistra perpendicolare al cuscino, nel quale altri rimasugli di sbocco sono rimasti appiccicati per accoglierti e dirti buongiorno. Chiaro! La prima cosa che fai è alzarti correre in bagno e, mentre stai rigettando un'altra volta, ti ricordi, come se non avessi abbastanza disgusto, che ieri sera hai beccato Ambra al Tube mentre infilava la lingua nella bocca di uno con cui non l'avevi mai vista prima ed è stato dopo che li hai adocchiati mentre andavano a chiudersi in bagno che hai iniziato a bere. Sei convinto che lei sia venuta al Tube proprio perché tu la vedessi e questo conferma quello che hai sempre pensato: amiamo così tanto alcune persone perche possano farci più male quando ci daranno il colpo di grazia. Guardi l'ora e sono le due del pomeriggio, vaghi flash della notte trascorsa percorrono le strade della tua mente, sono ricordi mutilati e paranoici come quelli di un reduce di guerra che si è dimenticato di prendere i suoi anti-psicotici. Vai in cucina. Il tuo coinquilino Tony è seduto al tavolo, sta guardano un video, dove una ragazza bionda è in ginocchio in una stradina di campagna, venti uomini sono riuniti intorno a lei, tutti le stanno sborrando addosso. Ha l'espressione felice, come se fosse una bambina di cinque anni che cavalca per la prima volta il suo pony.

Tony ti guarda e indicando con il dito lo schermo dice:- Questo video è la chiara dimostrazione di come passiamo la nostra vita a creare idoli. Vogliamo prostrarci, inginocchiarci davanti a qualcuno, stare ai suoi piedi, Umiliarci è l'unico modo che abbiamo per non sentirci soli al mondo. - Beve dal bicchiere che si trova sulla tavola e dice:- Non sei d'accordo?- Apri il frigo e ti incazzi perché lui ha finito tutto il latte che ti avrebbe permesso di chetare questo tuo dopo sbronza colossale, dici:- Fanculo, hai finito il latte e smettila di menarti il cazzo davanti al PC.- Lui ti guarda, con l'espressione offesa e dice:-Ti devi sincronizzare meglio con il pianeta terra o rimarrai sempre indietro bello e, fino a prova contraria, tra i due quello che ieri sera ha scopato sono io-. Per quanto ne sai, può esserselo benissimo inventato, il fatto è che Tony sa che Ambra ti ha lasciato e ha detto questa frase soltanto perché sapeva che non avresti avuto modo di replicare. Una volta scoperto il punto debole di una persona si aspetta soltanto la prima occasione per colpire. Mentre fai una doccia, provi a masturbarti in bagno, ma l'alcol che hai assunto t'impedisce di avere un'erezione che si avvicini alla decenza. 'L'unico rimedio che hai per fartelo diventare duro è pensare ad Ambra. La stai immaginando mentre scopa con un altro, il che fa di te un vero flippato mentale.
Quando torni in camera, l'odore rancido del tuo vomito ti riaccoglie. Devi pulire. Devi nascondere sotto il tappeto quello che hai fatto. Devi cancellare le tracce di un'esistenza che si è esaurita. La batteria che ti faceva andare avanti fino ad ora sta rilasciando acido, acido che ti sta perforando lo stomaco.

123

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Isaia Kwick il 05/07/2011 06:14
    Molto carino, comicità erotismo e paradosso in osmosi tra loro.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0