PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Seduti sulla riva del mare

5 minuti.

Ryan: Cristo santo! Quella roba è spaventosa! E sta arrivando a una velocità incredibile! Che cazzo di fine...
Deamanta: Amore... Non voglio finire là dentro. Non voglio finire da nessuna parte! Perchè? Cazzo! Perchè?!
R: Non credo sia saggio sprecare il tempo con domande inutili. Ce ne rimane così poco.
D: Sì, hai ragione. E poi ne abbiamo già parlato a lungo. È inutile chiedersi perchè. Molto meglio chiedersi come.
R: Già. Come? Tutti vorrebbero la possibilità di scelta su come morire, e noi che ce l’abbiamo non siamo ancora riusciti a sfruttarla.
D: Bhe, io un’idea ce l’avrei...
R: Certo. Sarebbe bello. Fare l’amore un’ultima volta, terminare come una cosa sola, uscire da questo mondo come un solo essere. Sarebbe perfetto, ma non è possibile.
D: Non capisco perchè ti ostini...
R: Lo sai perchè. Te l’ho già spiegato. Con quella roba che arriva alle nostre spalle non riuscirei mai. È un problema fisiologico, fanciulla, non mi va di spirare bestemmiando.
D: Ma sarebbe comunque stupendo... Sarebbe comunque...
R: Cazzo! Ne abbiamo già parlato! Resta il fatto che non voglio finire là dentro! E non voglio che ci finisca nemmeno tu! Non voglio che ci prenda. Non voglio. Non ci è dato sapere cosa succede dentro quella roba.
Oh, sì, di sicuro è la morte quel che succede, ma come? Cosa si nasconde in quella tenebra? Non voglio sentire i tuoi strilli di dolore come ultimo suono.
D: Forse hai ragione. Non potremmo sfuggirgli. Non ci fermeremmo in tempo. Ma non credo potrà andare diversamente.
R: Hai preso le pistole?
D: Sì...
R: Allora non ci prenderà.


4 minuti

Deamanta: Non lo farò.
Ryan: Lo farai.
D: Ma come posso?! Come posso spararti?! Io ti amo!
R: Anch’io fanciulla.
D: È assurdo.
R: L’amore?
D: L’idea di ucciderci. È assurda.
R: È più assurda quella roba.
D: Ti amo. Voglio il tuo bene. Voglio vederti sorridere. Voglio la tua vita. Non posso darti la morte.
R: Il mio bene in questo caso è la morte.

1234

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Vincenzo Mottola il 09/05/2009 00:08
    Niente male. Niente, niente male. Eppure... qualcosa manca.
  • sara rota il 20/07/2007 18:59
    Sembra qualcosa scritto per una recita teatrale... non mi convince. Alla prossima lettura.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0