accedi   |   crea nuovo account

Il nulla più totale

Essere ultimi del mondo, litigarsi la mondezza con i cani per mangiare, vivere su un cartone lurido dividendo con gli scarafaggi le notti sudicie, di questo sudicio mondo, infettato dall'arroganza dei potenti, il bene di pochi, controbilanciato alle miserie di tanti, un fiume di liquame che si abbate sui poveri, rovesciatagli dai plutocrati maniaci sessuali che con i milioni di dollari si riconquistano la liberta', maiali, sciacalli viziosi, che si scandalizzano per un niente, che vivono un quitidiano surreale, che non allungano una mano ai quei bambini affamati, pisciosi che sono vita come lui, cagnaccio rognoso di un potente che ti riunisci in faziosi hotel pieni di cibo per parlare della fame del mondo, ti odio e se ti incontro ti uccido.
Dedicato a tutti coloro che non possono nemmeno pensare di scrivere una poesia, per quel miliardo di persone che vivono con meno di un dollaro al giorno.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0