PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Concentrazione, il ritorno

"Cosa ho ottenuto da tutto ciò? Nulla...
Sono solo un fuggitivo. Che sia colpevole di un omicidio o meno non ha importanza: sono ben più colpevole di tutte le mie azioni che mi hanno portato fuori dalla retta via relegandomi in questo sommesso profondo dolore che sopporto da ben 26 anni. Che vita sprecata in virtù della più atroce invidia. E il risultato pessimo che ne deriva è una triste realtà di prigionia mentale".

Cominciare con il nuovo intento di non ricadere più nella trappola mortale della malvagità e superando lo stupore e quindi la facilità di farsi beccare dai suoi conoscenti, decise sapientemente di camuffarsi come meglio poteva. Assunse un nuovo look, passando da trasandato ad elegante con quel tocco d'innovazione da non sembrare troppo formale. (L'esagerazione era un'altra delle sue problematiche).
Maglioncino, cappotto, sciarpa, pantalone, scarpe di pelle. E per finire, un cappello: forse troppo classico, ma perfetto per coprire la sua acconciatura. Tocco finale: occhiali da sole.
Scese dalla macchina. Respirò profondamente per un istante, raccolse le forze e si fece strada tra la gente.
Discrezione era il suo motto. Con quella ventiquattrore ore in mano che pendolava ad ogni suo passo, poteva si dar nell'occhio ma almeno sapeva di non esser preso più di tanto in considerazione.
Molti lo scambiarono per un venditore porta a porta, altri per un assicuratore. Chi invece ci vedeva un retrogusto religioso. Andava bene tutto. Il tragitto per la casa della sua amata era breve. Vi arrivò subito.
Il cuore pulsava. Non era facile fingere e non sarebbe stato facile nemmeno rovistare tra i ricordi della sua amata. Tirò fuori un mazzo di chiavi e guardandosi intorno aprì velocemente il portone della casa, quindi lo richiuse subito con molta velocità.
Era dentro. Sospirò.
Tutto era paurosamente in ordine come sempre. E mentre si dirigeva al piano superiore ansimava sempre più. Ogni gradino di quella scala era un ricordo a lui fatale, in positivo o in negativo. Ma si trattava sempre di ricordi di una breve parentesi in cui era stato felice e forse per la prima volta amato.
Avrebbe voluto piangere per quelle emozioni rievocate ma non era il caso. Doveva sbrigarsi.
Arrivò sull'uscio della porta della camera da letto, infilò un guanto in lattice, esitando un momento e si preparò al peggio. Sussultò...
A differenza del resto dell'abitazione quella camera era disordinata all'inverosimile. Non sembrava nemmeno ricordarla più. Le prove e le evidenze erano state cancellate e il dubbio era che quel qualcuno che cercava di incastrarlo doveva esser stato già lì, poco prima di lui.
Si senti in pericolo. In estremo pericolo. Ed osservato.
Era pronto a fuggire, quando con la coda nell'occhio in un angolo notò una chiave. La raccolse e uscì dalla camera. Lesse la scritta attaccata con un filo "FLU, l'amore che ci ha uniti non potrà mai separarci. XJZ6LP".
Ebbe uno scatto improvviso.
Scappò di fretta portando con se quella chiave strana...
Si diresse alla macchina velocemente dando visibilmente nell'occhio agli abitanti. Qualcuno lo aveva notato uscire sommessamente di fretta da quella abitazione.
In macchina si spogliò di quel travestimento, accese il motore e partì velocemente.

Fine nona parte

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Felice Scala il 26/07/2011 18:40
    forse si, chissà dove mi porterà la mia mente
  • Anonimo il 26/07/2011 17:22
    sai cosa? rischia di essere solo un pelino troppo, come dire, veloce...
  • Felice Scala il 22/07/2011 21:54
    ti ringrazio molto yuri
  • yuri deriu il 22/07/2011 17:33
    ... ma non hai ancora un editore?? , tutti questi spezzettamenti spezzano un po troppo! spero anche io che ti pubblichi qualcuno.
    Sei un buon "affare".
  • Felice Scala il 19/07/2011 16:23
    Cara Bianca, hai ragione, sotto ogni opera c'è scritto fine prima parte, seconda ecc ecc. Inoltre ho appena pubblicato un'altra opera che si pone tra il "mondo non è abbastanza" e "le frequenti rinunce". Purtroppo non esiste altro modo per riordinare le opere e so che in questo modo ho finito per creare solamente confusione. Ad ogni modo quest'altra opera che spero venga pubblicata cerca di colmare il vuoto di continuità tra tutte. Sono state riclassificate, inoltre, tutti come racconti drammatici. Spero che continuerai a leggermi e se hai altre questioni, lieto di risponderti per crearti meno disordine possibile.
  • Bianca Moretti il 19/07/2011 12:54
    Scusa Felice, ma dovresti davvero fare qualcosa per chiarire la successione delle varie parti del tuo racconto, basterebbe semplicemente dargli lo stesso titolo e accanto scrivere parte prima, seconda ecc...
    Poiché tu cambi spesso genere (dal surreale, alla poesia, al drammatico ecc.) questi tuoi voli rendono ancor più difficile raccapezzarsi. Sicuramente questo tuo post è il seguito di "Le continue rinunce" ma non sono riuscita ad individuare l'inizio dell'intera storia... Ripeto, sei molto bravo a scrivere e riesci a catturare l'attenzione ma se proprio vuoi spezzettare in più parti un tuo racconto, dovresti curare di più l'aspetto della successione, aiutando il lettore (soprattutto quello che ti legge per la 1à volta e sceglie a caso dalle tue opere) ad orientarsi tra il prima e il dopo, altrimenti ci si ritrova davanti ad un racconto con la sensazione che sia compiuto e unico e lo trova... mancante di qualcosa (da qui il mio primo commento in cui dicevo che mi sembrava il prologo di un romanzo e alla fine lo lasciavi per strada). Tu dici che ci hai provato ma te lo hanno rifiutato. È vero, il titolo non puoi cambiarlo ma puoi mettere una nota sotto all'opera. Tu, però, cerca di mantenere lo stesso titolo per la stessa opera, non titolare i capitoli... Spero di esserti stata di aiuto.
    P. S. Qual è l'inizio?

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0