username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La Fiaba della Foresta del Tempo

Colei che viene dal non luogo cerca nel luogo il senso.
Ha incontrato molti viandanti nella foresta del tempo.
Tutti l'amarono, ma non ne compresero la fonte e fuggirono per altri sentieri, senza rendersi conto che sarebbero poi tornati in quella foresta. Ma la foresta è così grande che non riuscirono a trovare mai più colei che viene dal non luogo.
Un giorno un viaggiatore speciale disse a colei che viene dal non luogo il senso di questo suo passaggio e la guardò nel suo vero volto. Si amarono nell'uno e nell'altro mondo, in tutti i modi sconosciuti e inesplorati.
Lui chiese a Lei di muovere il cielo e Lei lo mosse, chiese a Lei di muovere la terra e Lei la mosse, chiese a Lei di muovere l'universo intero e anche questo fece.
Ma quando vide che tutto muoveva, ebbe paura che l'Amore avrebbe potuto muovere anche Lui e lasciò la foresta del tempo.
Colei che viene dal non luogo continua a camminare nella foresta del tempo, perchè nel comprendere il senso, ora deve accettare il non senso.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Marcello Piquè il 06/11/2016 16:19
    Non so come non scrivere ub non commento.
  • Ugo Mastrogiovanni il 22/09/2011 19:53
    In poche righe, Angela Verardo è in grado di sublimare filosoficamente concetti non facili e affronta finemente le immagini di un Lui e Lei scritti rispettosamente con l'iniziale maiuscola. La mia sarà un'interpretazione estrema, però mi piace. Vi scorgo due componenti: una divina e un'altra terrena. Chi potrebbe, infatti, muovere il cielo e la terra e l'universo? Una figurazione esemplare alla quale si somma quel "Amore avrebbe potuto muovere anche Lui". Sembra che si pardi quel Lui "nato prima di tutti i secoli" e che, come Amore assoluto e Creatore Unico, non poteva in alcun modo "restare sulla terra e lasciò la foresta del tempo", tempo ben delimitato, naturalmente, da non confondere con il Suo Essere concepito senza tempo prima di tutti i tempi.
  • Anonimo il 25/07/2011 12:58
    non preoccuparti cara angela non commento per essere commentata... a meno che non capisco che la cosa è voluta, ma non è il caso tuo cara amica... quando potrai sarò ben lieta di leggerti un grosso abbraccio carla
  • ANGELA VERARD0 il 25/07/2011 12:47
    bravissima Carla da dove siamo partiti hai compreso senso e non senso...
    (ne approfitto per chiedere scusa della mia assenza, per non leggere e non ringraziare per i commenti ricevuti, ma sono presissima con il lavoro e l'unica cosa che posso concedermi è dar voce a quello che spontaneamente esce, come questa fiaba) grazie Carla un abbraccio
  • Anonimo il 25/07/2011 12:37
    solo lei riesce ad comprendere il senso... poichè essendo lungimirante può accettare il non senso... la vita con i mille sentieri che ci troviamo a percorrere non rendendoci conto poi... che tutto finisce da dove siamo partiti... bella metafora angela
    complimenti

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0