PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il gran desiderio d'un cuore inquieto è di possedere interminabilmente la creatura che ama o di poterla immergere, quando sia venuto il tempo dell'assenza, in un sonno senza sogni che non possa aver termine che col giorno del ricongiungimento

 


5
4 commenti    

4 commenti:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Donato Delfin8 il 15/08/2011 01:09
    interessante
    ma sarà mai giusta la temperatura?
  • Antonella Murabito il 31/03/2011 10:44
    io allora sonoinquieta in altro modo... alla pessoa diciamo!
  • il 25/02/2011 21:30
    è fatto...è vero, quindi condivido!
  • il 14/12/2010 12:32
    Generalmente tale concetto vale quando si concretizza una sincronia tra due persone con identico sentimento ed identiche passioni. Invece, quando le parti in causa sono animata da passioni diverse e simulano i loro affetti, ma una delle due è protesa solo al puro edonismo ed alla soddisfazione dei sensi, in tal caso questo concetto risulta sfalsato e produce danni e squilibri intellettuali che possono ingererare rancori e vendette che fanno scattare un meccanismo perverso di rancore e vendetta con risultati finali devastanti per le due parti in causa. E nel mondo della poesia queste situazioni si verificano con più intensità di quanto si potrebbe immaginare dal momento che nei portali letterari si infiltrano persone deviate mentalmente che "usano" la parte più debole per soddisfare i loro bassi istinti utilizzando il sentimento e l'affetto per camuffare le proprie depravazioni e soddisfare i propri bassi istinti. Ed io ne potrei anche fare un elenco, ma tanti hanno già capito di cosa io stia parlando ed a chi mi stia riferendo.