PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi di Fernando Pessoa

Ti piace Fernando Pessoa?  


Pagine: 1234

La morte è la curva della strada, morire è solo non essere visto

   1 commenti     di: Fernando Pessoa


Viaggiare? Per viaggiare basta esistere

   4 commenti     di: Fernando Pessoa


Il mio male peggiore è di non riuscire mai a dimenticare la mia presenza metafisica nella vita. Di qui, la timidezza trascendentale che terrorizza tutti i miei gesti, che toglie a tutte le mie frasi la linfa della semplicità, dell'emozione diretta.

   2 commenti     di: Fernando Pessoa


Non cantare più! Voglio il silenzio per dormire qualsiasi ricordo della voce udita incompresa che fu perduta perché l'ho udita.

   1 commenti     di: Fernando Pessoa


La mia anima è una misteriosa orchestra; non so quali strumenti suoni e strida dentro di me: corde e arpe, timpani e tamburi. Mi conosco come una sinfonia.

   2 commenti     di: Fernando Pessoa


C'è, tra me e il mondo, una nebbia che mi impedisce di vedere le cose come veramente sono - come sono per gli altri.

   6 commenti     di: Fernando Pessoa


A volte, quando alzo la testa stanca dai libri nei quali segno i conti altrui e l'assenza di una vita mia, avverto una sorta di nausea fisica che forse deriva dalla posizione curva, ma che trascende i numeri e la delusione. La vita mi disgusta come una medicina inutile

   0 commenti     di: Fernando Pessoa


Un tramonto è un fenomeno intelettuale

   4 commenti     di: Fernando Pessoa


I fuochi fatui della nostra putredine, sono almeno luci nelle nostre tenebre

   1 commenti     di: Fernando Pessoa


Scrivere è necessario. Vivere non è necessario

   5 commenti     di: Fernando Pessoa




Pagine: 1234

Fernando Pessoa, nato a Lisbona nel 1888, poeta e autore di prosa, è uno dei più originali e sorprendenti protagonisti della letteratura mondiale. Attratto dall'occultismo e dall'esoterismo, Pessoa è una figura complessa, che incarna la frantumazione dei valori e la crisi dell'uomo moderno. Ha scritto anche sotto gli eteronimi di Alberto Caeiro, Alvaro de Campos e Ricardo Reis, ciascuno caratterizzato da un proprio stile e da una propria biografia. Le sue opere più note:Il libro dell'inquietudine di Bernardo Soares; Una sola moltitudine, raccolta in due volumi a cura di Antonio Tabucchi, e Lettere alla fidanzata. Tra le sue poesie più note:Il poeta è un fingitore / finge così completamente / che arriva a fingere che sia dolore / il dolore che davvero sente.

Potrebbero interessarti anche