PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi e Aforismi di Friedrich Holderlin

Ti piace Friedrich Holderlin?  


Pagine: 123tutte

Vi sarà una sola bellezza, e umanità e natura si fonderanno in una universale divinità



Delle loro gesta si nutrono i figli del sole, essi vivono della vittoria, nel proprio spirito si ricreano e la loro forza è la loro gioia



La seconda figlia della bellezza è la religione. Religione è amore della bellezza. Il saggio ama proprio lei, la infinita, che tutto abbraccia; il popolo ama i suoi figli, gli dei, che gli appaiono in varie fogge



È bello quando due esseri uguali si uniscono, ma che un uomo grande innalzi innanzi a sé chi è inferiore a lui, è divino



Il comporsi delle dissonanze in un determinato carattere non è cosa per la sola riflessione, né per il vuoto diletto



Noi compiangiamo i morti, quasi sentissero la morte; e i morti hanno pur pace. Ma questo, questo è il dolore, che non ha uguali, questo è il senso dell'annullamento totale, che non dà tregua; quando la nostra vita perde così il suo significato, quando il cuore dice in tal guisa a se stesso: «tu devi cadere e nulla rimane di te; tu non hai piantato alcun fiore, non hai costrutto nessuna casa; oh, almeno potessi tu dire: io lascio sulla terra una traccia di me! Ahi! che l'anima può essere sempre sì piena di brama e nello stesso tempo, tanto scorata!»



La mia anima è fuori del suo elemento, come un pesce sulla riva sabbiosa, e si avvolge e si agita, di qua di là, finché non si dissecchi nell'ardore del giorno



Voi errate in alto, nella luce su molle suolo, geni beati! Splendenti aure divine vi sfioran lievi, come le dita dell'artista sfioran le sacre corde Sciolte dal fato, come il dormiente poppante respirano i celesti; pudico avvolto in boccio timido fiorisce eterno a lor lo spirito e gli occhi beati guardano in calma chiarezza eterna. Ma a noi è dato in nessun luogo posare; scompaion, cadono soffrendo gli uomini ciecamente di ora in ora, com'acqua da masso a masso lanciata senza mai fine, giù nell'ignoto



Ciò che ha reso lo Stato un inferno è il fatto che l'uomo ha voluto farne il proprio Paradiso



Vi è un tempo dell'amore come v'è un tempo in cui si vive nella culla felice. Ma la vita stessa ce ne sospinge fuori





Pagine: 123tutte

Potrebbero interessarti anche