PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi di Indro Montanelli

Ti piace Indro Montanelli?  


Pagine: 1234... ultimatutte

Noi dobbiamo metterci in testa che la lotta alla corruzione la si fa in un modo solo: cambiando gli italiani, non cambiando le classi politiche. Le classi politiche, anche quelle nuove, si corrompono, è inevitabile



Mi piacerebbe molto aver la fede, magari avessi la fede, ma non ce l'ho! E.. penso che se per caso mi sbagliassi, non sara dio a chiedermi conto del fatto che non ho la fede ma sarò io a chierdere a dio conto del fatto che non me l'ha data!



In un'intervista alla Stampa, Giorgio Bocca ha detto che io sono un bravissimo giornalista che non capisce nulla di politica. Bocca non mi delude mai: riesce sempre a dire di me quello che io penso di lui



I mariti italiani, per comprar la pelliccia alle mogli, spendono più di tutti i loro colleghi europei. Poveri, ma pelli



[Su Lucio Battisti] Ho amato molto le sue canzoni e il suo desiderio di vivere appartato



Churchill diceva che i panni dei servizi segreti si possono, anzi si devono lavare più spesso degli altri; ma, a differenza degli altri, non si possono mettere ad asciugare alla finestra. Dello stesso parere era Stalin che regolarmente, ogni tre o quattro anni, il lavaggio lo praticava facendo accoppare al buio i capi della sua polizia, nel presupposto - probabilmente fondato - che a far quel mestiere non potevano essere che arnesi da forca, e quindi era giusto che ci finissero. Gli americani seguono tutt'altro criterio. Essi hanno trascinato la Cia [Central Intelligence Agency, l'ente USA deputato alle operazioni di spionaggio e controspionaggio] in televisione denunciandone coram populo fatti e misfatti. I suoi capi ne hanno commessi, dicono, di grossi. Ma il più grosso è forse quello di non aver capito che l'America non li paga per svolgere servizi segreti, ma per offrire agli americani il pretesto per vergognarsene. È l'unico popolo che goda più nel pentimento che nel peccato



Se riuscirò ad affezionare alla storia di Roma qualche migliaio di italiani, sin qui respinti dalla sussiegosità di chi gliel'ha raccontata prima di me, mi riterrò un'autore utile, fortunato e pienamente riuscito



Un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente



È pericoloso porre in modo sbagliato questioni sostanzialmente giuste



La vita è come il pane: col trascorrere del tempo diventa più dura, ma quanto meno ne resta tanto più la si apprezza





Pagine: 1234... ultimatutte