Frasi e Aforismi di Luis Sepulveda
PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi e Aforismi di Luis Sepulveda

Ti piace Luis Sepulveda?  


Pagine: 123tutte

Solo sognando e restando fedeli ai sogni riusciremo a essere migliori e, se noi saremo migliori, sarà migliore il mondo

   6 commenti     di: Luis Sepulveda


Immagino che lo spaccio gli abbia reso qualcosa. Sapete che faceva dei soldi? intervenne di nuovo il ciccione. Soldi? Se li giocava a dadi, lasciando appena il necessario per rifornirsi di merci. Qui è così, nel caso non lo sapesse. È la foresta che ci entra dentro. Se non abbiamo una meta precisa a cui arrivare, continuiamo a girare a vuoto. Gli uomini annuirono con una specie di orgoglio perverso

   0 commenti     di: Luis Sepulveda


In un angolo del campo di concentramento, a un passo da dove si innalzavano gli infami forni crematori, nella ruvida superficie di una pietra, qualcuno, chi?, aveva inciso con l'aiuto di un coltello forse, o di un chiodo, la più drammatica delle proteste: "Io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia"

   0 commenti     di: Luis Sepulveda


Antonio José Bolìvar Proaño si ritrovò con tutto il tempo a sua disposizione, e scoprì che sapeva leggere nello stesso periodo in cui gli marcirono i denti

   1 commenti     di: Luis Sepulveda


L'America Latina confina a nord con l'odio, e non ha altri punti cardinali

   1 commenti     di: Luis Sepulveda


Lei è sotto la doccia. L'acqua le cade sul corpo e vi indugia formando repentine stalattiti nell'abisso di quei seni che hai baciato per ore e ore

   1 commenti     di: Luis Sepulveda


E nella sua impotenza scoprì che non conosceva abbastanza bene la foresta da poterla odiare

   0 commenti     di: Luis Sepulveda


Durante la sua vita tra gli shuar non ebbe bisogno dei romanzi per conoscere l'amore. Non era uno di loro, e pertanto non poteva avere mogli. Ma era come uno di loro, e quindi lo shuar anfitrione, durante la stagione delle piogge, lo pregava di accettare una delle sue spose per maggiore orgoglio della sua casta e della sua casa. La donna offertagli lo conduceva fino alla riva del fiume. Lì, intonando anents, lo lavava, lo adornava e lo profumava, per poi tornare alla capanna ad amoreggiare su una stuoia, coi piedi in alto, riscaldati dolcemente da un fuoco, senza mai smettere di intonare anents, poemi nasali che descrivevano la bellezza dei loro corpi e la gioia del piacere, aumentato infinitamente dalla magia della descrizione. Era amore puro, senza altro fine che l'amore stesso. Senza possesso e senza gelosia

   0 commenti     di: Luis Sepulveda


Un professionista vive solo, e per dar sollievo al corpo il mondo offre un'ampia scelta di puttane

   1 commenti     di: Luis Sepulveda


Forse tutti i dubbi che pone questa relazione sono già stati risolti e riformulati migliaia di volte nei bianchi labirinti di Moxoxomoc

   1 commenti     di: Luis Sepulveda




Pagine: 123tutte