PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi e aforismi su attualità

Pagine: 1234... ultimatutte

Non crediamo nelle istituzioni: esse sono formate da uomini come noi che il più delle volte mirano a interessi. Crediamo perciò esclusivamente a noi stessi...

   1 commenti     di: Linda Tonello


La società non è altro che un enorme carnevale di individui in maschera.



Sarebbe davvero bello se i ladri, gli assassini e i malviventi in genere fossero solo gli extracomunitari. Basterebbe serrare le frontiere e sparare a vista e saremmo al sicuro. Purtroppo, non è così. E chi la pensa diversamente, un giorno o l'altro, si ritroverà con la gola tagliata dal vicino di casa, italiano e, magari, anche "padano", come la cronaca ci ha già fatto vedere.

   5 commenti     di: Fiscanto.


La ragione per cui quest'uomo è così chiacchierato, enigmatico ed inquietante potrebbe essere semplice se esaminata dalla giusta angolazione. È una persona intelligente, senza però innalzarsi troppo al di sopra della media. Quella che è invece una sua caratteristica vincente e quasi unica è il suo autocontrollo eccezionale, grazie al quale è sempre riuscito a far confondere, stancare o irritare tutti i suoi accusatori e indagatori, prima che che costoro riuscissero ad incastrarlo.

   3 commenti     di: Luigi Lucantoni


La convivenza è la scelta di chi ha paura di star solo e, allora, finge di stare in compagnia.



Se in borsa le azioni sono volatili, è perché la finanza è fatta di rapaci.



Il 28 settembre 2012, alle ore 20. 00, un ascensore della stazione Trastevere funzionava. Sì funzionava, ed io l'ho utilizzato. Nell'ascensore vigeva un fetore di urina rappresa e mi sovrastavano scolature varie che, per l'altezza alle pareti, non potevano essere di urina. Mah, mistero. Il secondo ascensore, quello per risalire dal sottopassaggio e prendere il treno direzione Viterbo, non funzionava. Il tasto di chiamata aveva le scanalature riempite di grasso di dita multietnico, modellato da pressioni insistenti e stagionato dopo le calure estive. Sono salito a piedi con il mio fardello. Mi ci sono seduto sopra. L'Islam che abbondava lungo il binario faceva a pugni con l'afrore di prosciutto rancido. Sotto la pallida luna rilucevano vuote le bottiglie di plastica acciccate di sigarette spente, e quelle di vetro emananti retro-odori di birra sfiatata. I moderni schermi segnalavano "no signal". Ed improvvisamente, inatteso e scuro come una morte ingloriosa, ecco arrivare il treno.

   8 commenti     di: Nicola Saracino


Una volta gli asini ragliavano, oggi scrivono e purtroppo spesso commentano



Haitiani, Dio è con voi sempre, lo si vede nei vostri occhi infantili. Sono i potenti a fregarsene di voi, non piangete dunque, ma vendicatevi. Non lasciate la vostra terra, ma amatela sempre di più, e Lui ve ne renderà merito!



Quando leggi ti vesti, quando scrivi ti svesti, ma è nell'esprimersi oralmente che tutto diventa più difficile.

   7 commenti     di: Ada Piras



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Attualità.