PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi e aforismi su attualità

Pagine: 1234... ultimatutte

Pensiamo ai vari programmi della tv spazzatura come a dei profumi scadenti: ce li spruzzano in faccia per coprire l'odore di questa società in putrefazione. Non contenti, suggeriscono anche che siamo in errore, questo mondo non puzza affatto, siamo noi a doverci lavare di più.

   7 commenti     di: Alessandro


Non di rado le ragazze dicono di essere fidanzate solo per neutralizzare corteggiamenti indesiderati.

   0 commenti     di: Luigi Lucantoni


Mi capita la sera prima di addormentarmi di pensare a quel volo maledetto. Non sembra vero ma solo un videogame. Tutta quella gente che in un attimo si trasforma in pezzi di carne bruciata. La vita è davvero questa? Cinica e crudele? Spietata? O forse le anime di 150 persone in un attimo si son messe a volare come rondini? Questa è la fede: capovolgere l'orrore affinché ne fuoriesca uno stormo di uccelli in volo.

   3 commenti     di: vincent corbo


Quando cadono gli dei, i sacerdoti tremano!



Il dialogo non è un lusso, è parte integrante dell'essere umano. Con il fallimento della politica, i giovani si sentono sempre più isolati. Mai come oggi, i giovani, hanno bisogno di dialogare e di acquisire fiducia in loro stessi: un lavoro (possibilmente umano) aiuterebbe. Una società senza spazio per i giovani, è una società già morta.

   6 commenti     di: rea pasquale


La società non è altro che un enorme carnevale di individui in maschera.



Perché nessuno ha fin'ora criticato la Relatività di Einstein? Semplicissimo: al riguardo non ci sono ancora lamentele da parte del clero.



L'uomo temuto, oggi, da tutti è rispettato.



Proprio ieri mi son trovato con amici, seduto a bere qualcosa in un pub affollato. Ed il livello di emissione del suono delle casse d'amplificazione era tale da impedirci di comunicare:Avremmo dovuto urlare, far fatica, non essendo neanche certi che ciò che dicevamo sarebbe arrivato in modo comprensibile alle nostre orecchie. A quel punto, mi sono interrogato su quale poteva essere il movente psicologico che spinge chi sta nei locali pubblici a subire un simile ambiente, e chi li gestisce a spingere in questa direzione, abbandonando l'ipotesi strettamente commerciale,(segretamente svelatami da un noto barista) secondo la quale al cliente che urla, si secca la gola, e quindi beve di più, consumando di più. Ho cominciato a riflettere sul fenomeno Paura di comunicare? Succede quando non si ha niente da dire e si cerca l'annichilimento come forma sostitutiva della condizione cosciente-attiva... O sto invecchiando?? Forse... Ma almeno sono certo di una cosa:Amo la musica, quanto amo stare con la gente... Quindi m'imporrò il boicottaggio dei luoghi pubblici rumorosi che impediscono la socialità... Almeno fino al ravvedimento ed alla presa di coscienza degli stessi fruitori e gestori. Propongo un po' a tutti anche il silenzio, l'osservazione, il sussurro, la dolcezza della chiacchera, l'ascolto consapevole del mondo e dei suoi suoni e musiche, anche prodotte dall'essere umano..! Senza urlare ovviamente..!! Ppppssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssss...!!!!!!!!!

   2 commenti     di: Auro Lezzi


Se invece di creare la macchina del tempo si pensasse a custodire le città del tempo.. sarebbe molto più bello, alcune già si prestano a d esserlo moltissime sono state già rovinate.. ma altre si possono ancora trovare e preservare... CITTA'PASSATO... PRESENTE E FUTURO... non servirebbe nessuna macchina per viaggiare indietro nel tempo... perche sulla terra esiste già... togliendone le varie brutture che la storia ha insegnato. Questo mondo sta andando a rotoli perchè si vuole portare qualcosa che non serve dove invece c'è già.

   5 commenti     di: Ada Piras



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Attualità.