PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi e aforismi sulla morte

Pagine: 12345tutte

Quando si ha personalità allora si cerca di copiarne il Nick per confondere chi legge - adesso cercano di clonarmi con un nuovo Tore Martino - Ma la differenza è enorme, io sono (si legge in alto nella mia pagina iniziale in Trasparenza c'è scritto ToreMartino) il Clone che è sempre Lingua-lunga - che sporca senza Gu-anti in alto in trasparenza si legge MoreMartino - per la cronaca Morirà eccome se morirà, come era morto il clone del clone dell'arabesque con la foto di una scimmia. Namastè MoreMartino hai poca fantasia Linguaccia -

   8 commenti     di: Tore Martino


Il mio cuore quasi si è fermato, ad una tragedia che è l'anteprima dell'Apocalisse; fermatevi! Uomini del mio secolo, e guardate ciò che aspetta anche a noi, perché immuni non siamo e non saremo!



La condizione dopo la morte è la stessa del prima di nascere.



La morte è un punto:non ha dimesioni. Tutto il resto ne ha infinte.



A tutto c'è un inizio e una fine la vita e il tramite per arrivare da un punto all'altro



Qualcuno d'importante ha detto che ora il mondo è migliore... ho dubbi là dove aleggia sempre sentore di giustizia costruita con la vendetta della morte.

   2 commenti     di: Marhiel Mellis


Ognuno ha il suo vizio. Chi fuma, chi beve, le donne, le carte... Alcuni ne hanno più di uno. Chi non ne ha dovrebbe scegliersene uno e sperare che venga ucciso da esso. Credo non sia del tutto orribile poter credere di avere una chance sulla morte. Di potersi scegliere la propria sorte. Che poi alla fine ci investa uno scuolabus, o ci attacchi un cinghiale selvatico, o ci ammazzi il surriscaldamento globale, o un tornado, o un incendio, o la religione, o la povertà, o la guerra, o un anziano con un badile conta poco. Ma diamocela una possibilità di beffare il destino.

   2 commenti     di: Luca


In termini psicologici la paura della morte può essere assimilata alla paura che abbiamo nel dover interrompere un'abitudine ben radicata in noi; e la vita, in tal senso, è la più fissa delle nostre abitudini.

   4 commenti     di: Luigi Lucantoni


La morte ha le pupille larghe e la sicurezza sfacciata dell'abusivo.



Mi chiedo se il destino non sia regolato da un cieco sordomuto, questo spiegherebbe tutto.




Pagine: 12345tutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Morte.