PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Frasi e aforismi sulla solitudine

Pagine: 1234... ultima

Nel mio interno c'è amore per la bellezza della vita ma anche stanchezza. Scavando ancora, attraverso tunnel oscuri dove polvere e ragnatele proliferano da anni. Infine, al termine dell'oscurità, ci sta lui, il figlio che non è mai nato, che attende da vent'anni di venire alla luce.

   2 commenti     di: vincent corbo


A volte è difficile, scrivi qualcosa che a te sembra importante e scritto abbastanza bene, ma nessuno commenta. Quindi ti senti incompreso e non sai se quello che scrivi è bello, o comunque scritto decentemente. Chissà?

   6 commenti     di: daniela


Sembro incapace di fronte a un mondo che comando io...



non voler mai possedere tutto di una persona: capirai prima che non sei poi così fondamentale come credevi.

   4 commenti     di: J B


Quando sei infelice arrivi a odiare chi non lo è e ti rendi conto che sarebbe preferibile non soffrire per non odiare nessuno, quanto non soffrire per fregarsene nel resto dell'umanità. Sarebbe meglio odiare gli altri per il solo desiderio di stare lontano da tutti fino alla fine della propria vita.

   1 commenti     di: Luigi Lucantoni


Ascoltar una canzone, assaporarne ogni nota, ogni variazione perdersi per qualche secondo in una melodia che ti distacca dalla realtà facendoti volare al di là dell'orizzonte. Osservi dall'alto il mondo, come son piccoli gli uomini da lassù, spii i loro più insisti segreti protetto da nubi che ti celano alla vista, volando con angeli che ti indicano la strada seguendo la scia di Maestrale. Nota dopo nota veleggi allontanandoti da te stesso, perdendo quei pezzi dai quali vorresti scappare e che ancorati alla pelle ti trascinano verso il basso avvicinandoti sempre più a quel mondo mortale, di flebili spoglie e di involucri che a stento contengono l'anima. Annaspi, non vuoi perdere le tue ali che secondo dopo secondo svaniscono attraverso il cielo, una mano allungata cercando di salvar qualcosa che sai di dover a tutti i costi proteggere. Ci provi e ti senti cadere sempre più in basso, puoi osservare la cruda realtà che ti saluta con quell'aria spocchiosa di chi la sa lunga. Ed ecco che i nodi vengono al pettine, ti trovi di fronte a ciò che non volevi vedere e che ti deride per esserci cascato ancora. Cerchi di essere una persona migliore ma vecchie ferite cosparse di sale bruciano l'anima graffiata e ancor ti portano a commettere un inconfutabile errore che distrugge tutto ciò che ha il coraggio di avvicinarsi a te. Un'altra tacca da appuntare sul petto del più vile tra gli uomini, si nasconde dietro un muro fatto di spine e di rovi taglienti piuttosto di vivere fin all'ultimo respiro.

   0 commenti     di: alexandra


Lei ti ha lasciato: ti senti solo. Lei ritorna. Preferiresti sentirti solo.

   7 commenti     di: Rocco Burtone


Io diventerò un grande... e questo perchè continuerò a combattere per quello in cui credo anche se c'è gente che mi sottovaluta e che mi scoraggia... ma, quando diventerò qualcuno, per quei falsi amici che stanno circondando la mia Vita non ci sarò più...



Voi che ritornate la sera a casa è dopo avete chiuso la porta dite buona sera, Voi non sapete che significa entrare su la porta in Silènzio.



Forse un domani mi scoprirò un alieno al quale è stato inflitto l'atroce castigo di provare sentimenti umani.

   2 commenti     di: Luigi Lucantoni



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Solitudine.