PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Charles Bukowski

Ti piace Charles Bukowski?  


Pagine: 1234567tutte

Che cosa diranno i vicini?

i miei genitori erano sempre dietro a
chiederlo,
naturalmente non mi importava un fico di
che cosa diranno i vicini.
mi facevano pena i vicini,
codardi che spiavano da dietro le
tendine.
l'intero quartiere si spiava
addosso
e negli anni trenta non c'era molto
da vedere,
eccetto me che tornavo a casa ubriaco
a tarda notte.

"finirai per uccidere tua madre,"
diceva mio padre,
"e inoltre che cosa diranno
i vicini?"

quanto a me pensavo di comportarmi
assai bene.
in un modo o in un altro
riuscivo a ubriacarmi
senza avere in tasca
il becco di un quattrino.
un trucco che mi sarebbe tornato
molto comodo
più avanti
negli anni.

a peggiorare le cose per i miei poveri
genitori
cominciai a scrivere lettere al direttore
di un giornale a larga tiratura,
che, per lo più, venivano pubblicate
e sostenevano tutte
cause impopolari.

"che cosa diranno i vicini?"
chiedevano i miei
genitori.

ma le lettere producevano risultati
interessanti - messaggi minatori,
incluse minacce di morte a mezzo posta.
inoltre mi misero in contatto
con certa gente stramba
convinta che io credessi a
tutto quello che scrivevo.

ci furono incontri segreti
in cantine e solai,
c'erano pistole,
patti,
discorsi.
quelli erano i posti
dove scroccavo da bere.
a molte di quelle assemblee
partecipavano i razzisti,
giovanotti tra
i 17 e i 23 anni.
"non vogliamo che i neri
ci fottano le donne!
devono morire!"
sfortunatamente
di donne
io non ne fottevo
proprio.
tutti gli incontri iniziavano
con il saluto sull'attenti
alla bandiera
che io giudicavo
dannatamente
infantile.
ma la maggior parte di quei giovanotti
venivano da famiglie
perbene
e dopo le assemblee
io bevevo con loro.
bevevo più che potevo
mentre blateravano.
non ho mai aperto bocca
ma non sembravano seccati.
ricordavano le mie lettere
e non sospettavano che
fossero un trucco.
non ero un essere umano
decente,
ma certo non ero in combutta
con ideologie
o gruppuscoli.
mi

[continua a leggere...]



Le ragazze

Contemplo
lo stesso
paralume
da
cinque anni
e s'è coperto
d'una polvere da scapolo
e
le ragazze che entrano qui
sono troppo
indaffarate
per pulirlo.
Ma io non ci bado
anch'io sono stato troppo
indaffarato
per accorgermi
finora
che la luce
balugina
fioca
dietro questi
cinque anni
di vita.



L'uomo del Signore

eravamo sui 10-11 anni
quando andammo
dal prete.

bussammo
aprì
una cicciona sciatta-
"sì?" domandò.

"vogliamo vedere
il prete," disse uno di noi.
penso fosse Frenk
che lo
disse.

"Padre," la donna
girò la testa,
"dei ragazzi vogliono
vederla."

"falli venir
dentro," disse
il prete.

"seguitemi" disse
la cicciona sciatta.

la seguimmo.
il prete era
nello studio.
seduto alla
scrivania.

mise via
delle carte.

"sì, ragazzi?"

la cicciona
se la filò.

"ebbene," dissi io.

"ebbene," disse Frank.

"sì, ragazzi, proseguite..."

"ebbene," disse Frank,"ci
chiedevamo se c'è davvero
Iddio."

il Padre sorrise.

"ma certo
che c'è."

"e dov'è?"
domandai io.

"voi ragazzi non avete
studiato catechismo?
Dio è ovunque."

"oh" fece Frank

"grazie, Padre,
volevamo solo
esser certi" dissi io.

"non c'è problema,
ragazzi, mi fa piacere
che abbiate chiesto."

"grazie, Padre,"
disse Frank.

facemmo entrambi una specie di
inchino, poi
girammo
e uscimmo
dalla stanza.

la cicciona sciatta
ci aspettava.
ci guidò lungo il
corridoio sino alla
porta.

passeggiammo su e giù
per la via.

"mi domando se
la chiava" chiese
Frank.

guardai intorno in cerca di Dio,
poi risposi:
"certo che no"

"ma cosa fa
quando è
eccitato?"
chiese Frank

"probabilmente prega"
dissi.

"non è la stessa
cosa" disse Frank

"lui ha Dio"dissi
"non ha bisogno
di quello."

"secondo me
la chiava" disse Frank.

"ah sì?"

"già
perchè non andiamo
a chiederglielo?"

"vacci tu a chiedere"
dissi"sei tu
il curioso"

"ho paura"
disse Frank

"hai paura di Dio"
dissi

"bè tu non ce l'hai?"
domandò

"sicuro"

poi ci fermammo a un
semaforo rosso, aspettando il
turno
nessuno di noi era stato
a messa da
mesi.
era noioso.
era più divertente
parlare col
prete.

venne il verde e
attraversammo



L'uomo dagli occhi meravigliosi

Quando eravamo bambini c'era una casa strana.
Gli scuri erano sempre chiusi.
Non sentivamo voci venire da dentro.
Il giardino era pieno di canne di bambù.
Ci divertivamo a giocare tra i bambù.
Fingevamo di essere Tarzan
anche se mancava Jane.
C'era un grande stagno
con i pesci rossi più grassi del mondo.
Erano addestrati.
Salivano in superficie
per prendere dalle nostre mani le briciole di pane.
I nostri genitori ci avevano detto:
"Non avvicinatevi a quella casa."
Naturalmente ci andammo.
Ci chiedevamo se qualcuno si abitasse.
Passavano le settimane, ma nessuno si vedeva.
Un giorno sentimmo una voce provenire dalla casa.
"Maledetta puttana!"
Era la voce di un uomo.
Poi la porta di casa si spalancò
e l'uomo ne uscì.
Teneva una pinta di whisky nella mano destra.
Avrà avuto 30 anni.
Aveva un sigaro in bocca e la barba non rasata.
I suoi capelli erano ribelli e spettinati
ed era scalzo in canottiera e pantaloni.
Ma gli occhi erano luminosi.
Splendevano.
E disse: "Signorini!
Spero vi stiate divertendo!"
Poi fece una risatina e tornò nella casa.
Ce ne tornammo nel giardino dei miei genitori
per riflettere sulla cosa.
Arrivammo alla conclusione che i nostri genitori
volevano tenerci lontani da lì
perché non volevano che vedessimo un uomo come quello,
un uomo forte dagli occhi meravigliosi.
Si vergognavano di non essere come lui,
per questo volevano tenercene alla larga.
Ma noi tornammo a quella casa e alle canne di bambù
e ai pesci addomesticati.
Tornammo tante volte e per molte settimane di seguito,
ma non vedemmo né sentimmo più quell'uomo.
Gli scuri erano chiusi come sempre
e tutto era silenzioso.
Un giorno mentre tornavamo da scuola
vedemmo la casa.
Era bruciata, non era rimasto niente.
Solo delle fondamenta fumanti.
Corremmo allo stagno dei pesci rossi e non c'era più l'acqua.
I grassi pesci rossi erano morti.
Tornammo al giardino dei miei a parlarne.
Secondo noi i nostri genitori avevano bruciato l

[continua a leggere...]



Curriculum

Devi bruciare
da cima a fondo
e poi magari per un poco
da sinistra a destra
e devi farti strapazzare
le budella
da un teppista
e da dame
indemoniate,
devi correre
sul ciglio della follia
barcollando,
devi bere
un fiume d'alcol,
devi patire la fame
come un gatto randagio
in inverno,
devi vivere
con l'imbecillità
di almeno una dozzina
di città,
e allora forse
forse
forse
per un fugace
maledetto
momento
puoi capire
dove sei.





Pagine: 1234567tutte

Poesie Charles Bukowski (1920 - 1994) è stato un poeta e scrittore statunitense. La produzione di Charlese Bukowski è stata particolarmente intensa, arrivando a pubblicare oltre sessanta libri comprendendo sei romanzi, centinaia di racconti e addirittura migliaia di poesie. La sua narrazione riguarda prevalentemente la sua stessa vita, caratterizzata dall'abbinamento di scrittura, sesso, alcol, scommesse e massacranti lavori manuali. Bukowski viene spesso associato al movimento della "Beat generation" dato il suo l'anticonformismo verso la letteratura. Dalle poesie e racconti di Bukowski sono anche stati tratti diversi film.