PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Eduardo De Filippo

Ti piace Eduardo De Filippo?  


Pagine: 1234

Roma

L'orario
e 'a strada
pè truvà pace
e cammenà cuieto,
pè fa capì a te stesso
cumm'è 'o penziero
ca tu tiene ncapa,
si sàpe 'e sale
si ha pigliato 'e fummo
si vale 'a pena
invece
d''o penzà,
a Roma chesta strada ce sta sempe.
'A truove sempe 'a strada
'a piazza
'o vico:
se trova all'alba
'e juorno
'e notte, sempe.
Attuorno siente 'a musica d''e vvoce,
pè ll'aria
'a luce e ll'ombra d''e pparole:
parole grosse e chelli piccirelle.
Truove 'e mountagne
'o verde d''a campagna
'e ccase d'oro
ca se fanno rosse

'e ramma,
cumm'attone
e doppo 'argiento...
Te truove overamente ncopp' 'o munno
cuieto e sulo
e stienne 'o passo nzieme c' 'o nzieme c' 'o penziero.



'O rraù

'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
Io nun sogno difficultuso;
ma luvàmell''a miezo st'uso.
Sì, va buono: cumme vuò tu.
Mò ce avèssem' appiccecà?
Tu che dice? Chest'è rraù?
E io m'a 'o mmagno pè m' 'o mangià...
M' 'a faje dicere na parola?
Chesta è carne c' 'a pummarola.



Bene mio e core mio

Se tiene 'o desiderio 'e 'na canzone...
sa' che vuò fa?...

Càntale 'e stienne a voce quanno ammore
te fa cantà!...

Si sto durmenno, me sceto
e nun trovo arricietto...

Quanno me songo scetato,
me votto d''o lietto!...

Che staje miezz' 'o mare?
- me mengo! -

Che staje 'mparaviso?
- nce vengo!... -

Senza scala si voglio... nce saglio!
pecchè saglio, penzanno... si voglio!

Miezz' 'e nuvole 'a strata m' 'a sceglio...
Me sbaglio, me mbroglio,
ma saglio e te piglio!

Sott' 'a l'acqua, sott' 'o viento,
sott' 'o nuce e Beneviento,
pe' cantà 'nzieme cu te:
"Bene mio e core mio!"...
pe' cantà 'nzieme cu te!...



'a fenesta

E tengo na fenesta a pianterreno,
c'affaccia int' a na strafa scanusciuta;
cu n'aria profumata, e na veduta,
ca si t'affacce, nun t' 'a scuorde cchiù.
Si stongo 'e buonumore, affacci' a mmare,
e veco semp' 'o stesso bastimento
ca parte chin' 'e fede e sentimento,
e c' 'a bandiera d''a sincerità.
Parte ciuro, e nun arriva maje.
Quanno s'abbìa, sabbìa c' 'o maistrale;
ma ncòccia sempre 'o stesso tempurale,
'o stesso maletiempo, e adda turnà!
Quanno senza speranza, e senz'ammore
m'affaccio e vec' 'o stesso bastimento,
nce mengo dinto 'o core mio scuntento,
e c' 'o mare ntempesta dico: "Va".
Quann'è bontiempo, ognuno è marenaro
e se vulesse mettere a temmone...
C' 'o mare ncalma, tutte songo buone
'e purtà nu vapore a passià.
Miéttece a buord''o bene ch' 'e vuluto,
e tutt' 'o chianto amaro ch'è custato...
Nisciunu bastimento s'è affunnato
quanno ce' 'e miso a buordo 'a Verità.



A paura mia

Tengo nemice? Faccio 'o paro e sparo...
'E t tengo mente e dico: «Stongo ccà! »
E nun tremmo si sent' 'e di: «Te sparo! »
Chillo c' 'o ddice, '0 ddice, nun '0 ffà.
Si è p' 'o buciardo, nun me movo, aspetto.
('A buscia corre assaie, ma campa poco).
'O vuò vedè? '0 canusce comm' 'o «sette»,
va pè parlà, se fa una lamp' 'e fuoco.
'A calunnia? E chella «è un venticello»,
dico vicin' a 'o viento: «Nun sciuscià? »
Quann'ha fatt' 'a sfucata vene 'o bello,
allor' accuminciamm' a raggiunà.
E manco 'a morte, si me tene mente,
me fa paura. ' A morte è generale.
Ll'uommene sò rumanze differente,
ma tènen' una chiusa, unu finale.
M'arròbbano? Arreduco mmiez' 'a via?..
J' fatico e addevento chillu stesso,
ma, quanto voglio bene a mamma mia,
a mme me fa paura sul''o fesso!





Pagine: 1234

Potrebbero interessarti anche

Libri di Eduardo De Filippo

Le poesie
 
commenti0