PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Eduardo De Filippo

Ti piace Eduardo De Filippo?  


Pagine: 1234tutte

'a seggia

'A primma pazziella
ca cchiù te piace e ca te dà cchiù gioia...
e ca pirciò t' 'a danno
... è 'a siggiulella.
Tiene n'anno
e capisce ch'è 'a toja.
Nun parle ancora,
e pure:
guaie chi 'a tocca.
Tutt' 'a stessa mesura,
no una chiara e una scura:
songo tutte tantelle
' e ssiggiulelle
d''e piccerille e d''e piccerenelle.
Pò addeventa siggione,
pò se trasforma a sseggia;
e nun t' 'a danno cchiù:
te ll'j' a piglià.
Ma nun songo cchiù eguale,
nonzignore.
Ce sta chella mpagliata,
lucida 'e pulitura,
mpellicciata
e allustrata;
e chella adderittura
c' 'a spallera ndurata,
tapezzata 'e velluto.
Dint' 'a cantina
o ncopp' 'o Tribunale,
addò s'assett' 'a Legge;
dint' a nu vascio, dint' a dò barbiere,
a Palazzo Riale,
dint'a dò pasticciere,
ce truov' 'e seggie.
E mmiez' 'e seggie, 'a seggia,
chella ca tu vulisse:
'a pazziella
d''e piccerille
gruosse.



'o cunto

Cielo
ca puntualmente
'o mes' 'austo
abbremecato
'e stelle
te presiente,
e ca te faie
cchiù blù
pecché
cchiù argiento
cchiù splendente
e brillante
sti meliune
'e stelle
'anna parè...
cielo,
tu saie che ssì
pè chistu munno,
pè nnuie ca t'aspettammo
e te vedimmo?
Sì 'o finale
ncantato
'e nu cunto
ca nuie stesse ammentammo,
e sulitariamente
c' 'o core
e c' 'o penziero
nce cuntammo.
cumme se specchia a mmare
dint' 'o cuntammo.
Cumme se specchia a mmare
dint' 'o scuro
'o ffuoco d''e granate!
Se spara p' 'a custiera,
tuorno tuorno...
Pè San Giuvanne,
Puortece,
Resina,
Torre 'o Grieco,
Pumpei,
Castellammare...
'A rimpetto
risponne
Vico Equense,
Sant'Agnello,
Surriento...
Aret' a na muntagna
nu bagliore:
spara Massa Lubrense.
Marciano pure spara...
e appriesso appriesso
sant'Agata
crapolla
Pusitano...
Spara Furore
Vietri
e sparano a Praiano.
Cielo,
sò 'e stelle noste,
sò 'e pparole mbrugliate
'e nu discorso
ca sultanto sparanno
trova 'o filo,
pè te dà na risposta
pè te dà segno 'e vita
pure nuie...
E ogn'anno,
'o mes' 'austo,
puntualmente
ognuno conta 'o cunto
a modo suio...



'o mare

"'O mare fa paura"
Accussì dice 'a ggente
guardanno 'o mare calmo,
calmo cumme na tavula.
E dice 'o stesso pure
dint' 'e gghiurnate 'e vierno
quanno 'o mare
s'aiza,
e l'onne saglieno
primm' a palazz' 'e casa
e po' a muntagne.
Vergine santa...
scanza 'e figlie 'e mamma!
Certo,
pè chi se trova
cu nu mare ntempesta
e perde 'a vita,
fa pena.
e ssongo 'o primmo
a penzà ncapo a me:
"Che brutta morte ha fatto
stu pover'ommo,
e che mumento triste c'ha passato".
Ma nun è muorto acciso.
È muorto a mmare.
'O mare nuna cide.
'O mare è mmare,
e nun 'o sape ca te fa paura.
Io quanno 'o sento...
specialmente 'e notte
quanno vatte 'a scugliera
e caccia 'e mmane...
migliara 'e mane
e braccia
e ggamme
e spalle...
arraggiuso cumm'è
nun se ne mporta
ca c' 'e straccia 'a scugliera
e vveco ca s' 'e ttira
e se schiaffea
e caparbio,
mperruso,
cucciuto,
'e caccia n'ata vota
e s'aiuta c' 'a capa
'e spalle
'e bracce
ch' 'e piede
e cu 'e ddenoccie
e ride
e chiagne
pecché vulesse 'o spazio pè sfucà...
Io quanno 'o sento,
specialmente 'e notte,
cumme stevo dicenno,
nun è ca dico:
"'O mare fa paura",
ma dico:
"'O mare sta facenno 'o mare".



L'esportazione

Per i problemi del meridione
c'è stato un certo riconoscimento
che da quando ci fu il risorgimento
con ansia s'aspettava 'a decisione.
Finalmente è arrivata! Il milanese,
che esporta e importa e nun le mporta niente
si tu te muore 'e famma e te lamiente,
si è commosso e ci ha detto: "Questo mese
daremo al meridione la patente
di terzo grado come esportatore:
che volete esportare, buona gente?"
E il meridione ha detto: "'O core è core.
Quello che il settentrione ci consente:
nu poco di colera di strafore".



Penziere mieje

Penziere mieje, levàteve sti panne,
stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.
Si nun tenite n'abito sicuro,
tanta vestite che n'avit' 'a fa?

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,
e si facite folla, cammenate.
Si sentite strillà, nun ve fermate:
nu penziero spugliato 'a folla fa.

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,
e quanno 'e piede se sò cunzumate:
un'ànema e curaggio, e ve menate...
nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.
Ce sta sempe nu tizio canusciuto,
ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...
e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

-------

Pensieri miei, levatevi queste panni
Stracciatevi la camicia e uscite nudi.
Se non avete un abito sicuro,
che farsene di tanti vestiti?

Andatevene spogliati per le strade,
e se fate folla, camminate.
Se sentite strillare, non fermatevi:
un pensiero spogliato fa la folla.

Correte sulla cima di una montagna,
e quando i piedi si sono consumati:
un'anima e coraggio, e vi gettate...
serrando gli occhi, prima di gettarvi!

Che vi trovano nudi? Non fa niente.
Ci sta sempre un tizio conosciuto,
che non lo dice... che resta muto...
e che vi veste, prima di sotterrarvi





Pagine: 1234tutte

Potrebbero interessarti anche

Libri di Eduardo De Filippo

Le poesie
 
commenti0