PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Eduardo De Filippo

Ti piace Eduardo De Filippo?  


Pagine: 1234tutte

Fantasia

Pigliammoce sta vita cumme vene,
llassammo for' 'a porta 'a pucundria,
mparammece a campà c' 'a fantasia:
nce sta cosa cchiù bella pè campà?

'A fantasia se sceta ogne matina
comme si fosse prencepe rignante,
affonna 'e mane aperte int' 'e brillante
e nun s' 'e ppiglia: che s' 'e ppiglia a ffa?

E che curredo tene! Nu mantello
ca luce cchiù d''o sole e nun è d'oro;
quanno se mena ncuollo stu tesoro,
abbaglia 'a vista: nun se può guardà.

Pò tene nu relogio cumpiacente,
cu sissanta minute d'allegria,
mmiez' 'o quarante liegge: FANTASIA

e fa tà-tì, tà-tì, nun fa tì-tà...



'a vita

Io songo nat' 'o millenoviciento
e tengo n'anno.
Tu sì d''o sittantotto
e n'anno tiene.
Chillo che dice: "Sò arrivato a ciento!"
tene n'anno pur'isso.
'O calannario nun 'o date retta.
'O calannario è n'atu scucciatore,
ca vuluntariamente
nce 'accattammo
nuje stesse
e nce' 'o piazzammo
vicin' 'o muro
religiosamente.
'A vita dura n'anno.
Tutto 'o ssupierchio è na supirchiaria.
o, cumme fosse, inutile...
Dicimmo a lengua nosta:
"È p'ingiaria!"
Tu, quanno nasce, allora è primmavera.
E tutt' 'o vverde nuovo
'e chelli ffoglie nove
è na speranza!
È tutta na speranz' 'e vita allera.
Vide tanta faccell''e criature
ch' 'e scuffie culurate:
sò tutt' 'e ccriaturelle nate morte,
ca tenen' 'o permesso,
na vota all'anno,
'e s'affaccià p' 'o munno...
E teneno diritto a 'o primmo sole:
sò è primme viole!
Pò schiòppene garuofene schiavune
e giesummin' 'e Spagna.
'A miez' a mille sciure,
ca sò 'e mille sciure,
ca sò 'e mille culure,
ru sciglie 'a margarita,
ca t'add'accumpagnà
pè tutta 'a vita.
E; comme ch'è nu sciore
busciardo e traditore,
te dà 'o primmo delore...
te dice: "No!"
Te scite na matina e 'o sole coce.
Coce pecché è ll'està.
Te scite e durmarisse n'atu ppoco,
ma dint' 'o lietto nun ce se po' sta.
Nfra veglia e suonno,
ll'uocchie mieze nchiuse,
stienne na mana
e cuoglie na cerasa.
'A sera, 'o ppoco 'e frisco
e nun t'adduorme... pecché nun può durmì.
Pienze che vene autunno,
e tu ce pienze
pecché, po' doppo, vierno adda venì.
'E penziere sò assaie,
t'addubbechie.
Sient' 'a voce 'o puntone:
"Chin' 'e fuoco!"
Ma par' 'o boia ca taglia
e quanno taglia, sott' 'a curtella,
schioppa nu mellone.
Vene l'autunno te lass' appecundruto.
Già miezo cunzumato
te trova vierno.
acqua, trònole e viento,
e tu nzerrat' 'a dinto:
broro vullente!
Spara sti botte,
alluma sti bengale;
arrust' 'e capitune,
ch'è Natale!...

[continua a leggere...]



Quanno parlo cu te

A parlà c' 'a luna e ' sole
songo buone tutte quante:
nnanz' 'a luna tu te ncante
e te miette a ragiunà.

Spicialmente 'a luna chiena
me risponne a tuono, a ssisco,
e me dice: "Te capisco,
saccio che ne' vuluto dì".

Nnanze a te pure me ncanto,
tu però, quanno me siente,
nun capisce 'o riesto 'e niente!

Ma sta luna, fusse tu?



L'esportazione

Per i problemi del meridione
c'è stato un certo riconoscimento
che da quando ci fu il risorgimento
con ansia s'aspettava 'a decisione.
Finalmente è arrivata! Il milanese,
che esporta e importa e nun le mporta niente
si tu te muore 'e famma e te lamiente,
si è commosso e ci ha detto: "Questo mese
daremo al meridione la patente
di terzo grado come esportatore:
che volete esportare, buona gente?"
E il meridione ha detto: "'O core è core.
Quello che il settentrione ci consente:
nu poco di colera di strafore".



'O rraù

'O rraù ca me piace a me
m' 'o ffaceva sulo mammà.
A che m'aggio spusato a te,
ne parlammo pè ne parlà.
Io nun sogno difficultuso;
ma luvàmell''a miezo st'uso.
Sì, va buono: cumme vuò tu.
Mò ce avèssem' appiccecà?
Tu che dice? Chest'è rraù?
E io m'a 'o mmagno pè m' 'o mangià...
M' 'a faje dicere na parola?
Chesta è carne c' 'a pummarola.





Pagine: 1234tutte

Potrebbero interessarti anche

Libri di Eduardo De Filippo

Le poesie
 
commenti0