PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Eduardo De Filippo

Ti piace Eduardo De Filippo?  


Pagine: 1234tutte

'o munno d''e pparole

Si t' 'o ddico nun me cride
manco si pittass' 'o sole
pecché 'o munno d''e pparole
mpara ll'arte d''o pparlà.
E tu saje ca st'arte è l'arte
ca se sceglie 'o traditore
pecché l'ommo senza core
fa furtuna c' 'o pparlà.
Io, gnorsì, pire sò chillo
c'ha liggiuto e s'è applicato;
c' 'o mestiere s'ha 'mparato,
e se serve d''o pparlà...
Se capisce ca parlanno,
nciucio, mbroglio... e faccio 'ammore.
Ma però tengo nu core
e cu te, che vuò parlà!



Penziere mieje

Penziere mieje, levàteve sti panne,
stracciàtev' 'a cammisa, e ascite annuro.
Si nun tenite n'abito sicuro,
tanta vestite che n'avit' 'a fa?

Menàteve spugliate mmiez' 'a via,
e si facite folla, cammenate.
Si sentite strillà, nun ve fermate:
nu penziero spugliato 'a folla fa.

Currite ncopp' 'a cimma 'e na muntagna,
e quanno 'e piede se sò cunzumate:
un'ànema e curaggio, e ve menate...
nzerrano ll'uocchie, primm' 'e ve menà!

Ca ve trovano annuro? Nun fa niente.
Ce sta sempe nu tizio canusciuto,
ca nun 'o ddice... ca rimmane muto...
e ca ve veste, primm' 'e v'atterrà.

-------

Pensieri miei, levatevi queste panni
Stracciatevi la camicia e uscite nudi.
Se non avete un abito sicuro,
che farsene di tanti vestiti?

Andatevene spogliati per le strade,
e se fate folla, camminate.
Se sentite strillare, non fermatevi:
un pensiero spogliato fa la folla.

Correte sulla cima di una montagna,
e quando i piedi si sono consumati:
un'anima e coraggio, e vi gettate...
serrando gli occhi, prima di gettarvi!

Che vi trovano nudi? Non fa niente.
Ci sta sempre un tizio conosciuto,
che non lo dice... che resta muto...
e che vi veste, prima di sotterrarvi



'a... b... c... d...

Nu fugliett' 'e quaderno aggiu truvato
ncopp' a nu marciapiede. Pè capì
che steva scritto me l'aggiu piglaito.
Lettere grosse e storte: A... B... C... D...
Mille quaderne, mille guagliuncielle:
scriven' eguale, 'o stesso, a chell'età.
Però quanno se fanno grussicielle,
stu carattere eguale chi t' 'o dà?
Nun capisco, se guastano p' 'a via,
nun trovano cchiù pace... ma pecché?
Stùriano pè cagnà calligrafia
e ognuno scrive cumme vò parè.
Ce hanno criato ' na manera sola,
chi cagne è pè superbia,
t'ho dich'j'...
'E guaglinucielle, quanno vann'a scola,
scriveno tutte eguale: A... B... C... D...



'E mmargarite

Na margarita 'o nnammurato 'a coglie
e a' sfronna... Si, ma no cumme facc'j'...

Me faccio 'o cunto, conto tutt' 'e ffoglie
e so' sicuro ca me dice: "Si!"

E tutt' 'e juorne, faccio 'o sulitario,
ne saccio tante, a modo mio, gnorsì.

Si nun me torna, si vene cuntrario,
j'mbroglio 'c ccarte e' o faccio dì ca sì.

Si 'o sulitario 'o faccio senza mbroglie,
che dice tu? Putesse riuscì?

E si 'a sfrunnasse senza cuntà 'e ffoglie,
faie tu c' 'a margarita dice: "Si?"



'O pparlà nfaccia

Io chesto tengo:
tengo 'o pparlà nfaccia.
Pure si m'aggia fa nemico ' Ddio
e me trovo cu "isso"
faccia a ffaccia,
nfaccia lle dico chello c'aggia dì.
Se scummoglia 'o fenucchio?
E se scummoglia!
Ccà, pè tenè cupierte st'altarine,
se sò mbrugliate 'e llengue
e nun se sàpe
chi te fa bene
e chi
male te fa.
Si nun se mett' 'o dito ncopp' 'a piaga
e se pulezza scafutann' 'a rinto
fino a che scorre 'o sango
russo e vivo
cumm' a chello 'e Giesù
nostro Signore
'a piaga puzza!
E siente nu fetore
ca t'abbelena ll'aria
'a terra
'o mare.
E nuie vulimmo ll'aria fresca e pura
celeste e mbarzamata
e chillu viento
ca vulanno
e passànno
a rras' 'e mare
se piglia 'addore
e 'a mena int' 'e balcune
pè dint' 'e stanze
e arriva ncopp' 'e lloggie
d''e case noste.





Pagine: 1234tutte

Potrebbero interessarti anche

Libri di Eduardo De Filippo

Le poesie
 
commenti0