PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Eduardo De Filippo

Ti piace Eduardo De Filippo?  


Pagine: 1234tutte

'a... b... c... d...

Nu fugliett' 'e quaderno aggiu truvato
ncopp' a nu marciapiede. Pè capì
che steva scritto me l'aggiu piglaito.
Lettere grosse e storte: A... B... C... D...
Mille quaderne, mille guagliuncielle:
scriven' eguale, 'o stesso, a chell'età.
Però quanno se fanno grussicielle,
stu carattere eguale chi t' 'o dà?
Nun capisco, se guastano p' 'a via,
nun trovano cchiù pace... ma pecché?
Stùriano pè cagnà calligrafia
e ognuno scrive cumme vò parè.
Ce hanno criato ' na manera sola,
chi cagne è pè superbia,
t'ho dich'j'...
'E guaglinucielle, quanno vann'a scola,
scriveno tutte eguale: A... B... C... D...



'O pparlà nfaccia

Io chesto tengo:
tengo 'o pparlà nfaccia.
Pure si m'aggia fa nemico ' Ddio
e me trovo cu "isso"
faccia a ffaccia,
nfaccia lle dico chello c'aggia dì.
Se scummoglia 'o fenucchio?
E se scummoglia!
Ccà, pè tenè cupierte st'altarine,
se sò mbrugliate 'e llengue
e nun se sàpe
chi te fa bene
e chi
male te fa.
Si nun se mett' 'o dito ncopp' 'a piaga
e se pulezza scafutann' 'a rinto
fino a che scorre 'o sango
russo e vivo
cumm' a chello 'e Giesù
nostro Signore
'a piaga puzza!
E siente nu fetore
ca t'abbelena ll'aria
'a terra
'o mare.
E nuie vulimmo ll'aria fresca e pura
celeste e mbarzamata
e chillu viento
ca vulanno
e passànno
a rras' 'e mare
se piglia 'addore
e 'a mena int' 'e balcune
pè dint' 'e stanze
e arriva ncopp' 'e lloggie
d''e case noste.



'a vita

Io songo nat' 'o millenoviciento
e tengo n'anno.
Tu sì d''o sittantotto
e n'anno tiene.
Chillo che dice: "Sò arrivato a ciento!"
tene n'anno pur'isso.
'O calannario nun 'o date retta.
'O calannario è n'atu scucciatore,
ca vuluntariamente
nce 'accattammo
nuje stesse
e nce' 'o piazzammo
vicin' 'o muro
religiosamente.
'A vita dura n'anno.
Tutto 'o ssupierchio è na supirchiaria.
o, cumme fosse, inutile...
Dicimmo a lengua nosta:
"È p'ingiaria!"
Tu, quanno nasce, allora è primmavera.
E tutt' 'o vverde nuovo
'e chelli ffoglie nove
è na speranza!
È tutta na speranz' 'e vita allera.
Vide tanta faccell''e criature
ch' 'e scuffie culurate:
sò tutt' 'e ccriaturelle nate morte,
ca tenen' 'o permesso,
na vota all'anno,
'e s'affaccià p' 'o munno...
E teneno diritto a 'o primmo sole:
sò è primme viole!
Pò schiòppene garuofene schiavune
e giesummin' 'e Spagna.
'A miez' a mille sciure,
ca sò 'e mille sciure,
ca sò 'e mille culure,
ru sciglie 'a margarita,
ca t'add'accumpagnà
pè tutta 'a vita.
E; comme ch'è nu sciore
busciardo e traditore,
te dà 'o primmo delore...
te dice: "No!"
Te scite na matina e 'o sole coce.
Coce pecché è ll'està.
Te scite e durmarisse n'atu ppoco,
ma dint' 'o lietto nun ce se po' sta.
Nfra veglia e suonno,
ll'uocchie mieze nchiuse,
stienne na mana
e cuoglie na cerasa.
'A sera, 'o ppoco 'e frisco
e nun t'adduorme... pecché nun può durmì.
Pienze che vene autunno,
e tu ce pienze
pecché, po' doppo, vierno adda venì.
'E penziere sò assaie,
t'addubbechie.
Sient' 'a voce 'o puntone:
"Chin' 'e fuoco!"
Ma par' 'o boia ca taglia
e quanno taglia, sott' 'a curtella,
schioppa nu mellone.
Vene l'autunno te lass' appecundruto.
Già miezo cunzumato
te trova vierno.
acqua, trònole e viento,
e tu nzerrat' 'a dinto:
broro vullente!
Spara sti botte,
alluma sti bengale;
arrust' 'e capitune,
ch'è Natale!...

[continua a leggere...]



Ll'uosso 'aulivo

È tantillo
niro niro
e appuntuto,
tuosto comm' a na preta:
nu vriccillo...
e cchiù nniro d''a pece.
Chisto è l'uosso 'aulivo.
Quanno ha menato ' rradeche
int' 'e bbrecce,
cumm' 'o cecato còse e nfila l'ago,
e c' 'a stessa pacienzia
ha zucato 'a muntagna
pè nu migliaro d'anne
e s'è stennuto
allargato
nquartato
e s'è turciuto
pè guardarse attuorno
cumme vulenno dicere:
"Guardate!
Tiempo ce n'è vuluto,
e che vuò dicere?
L'aggio fatta 'a cacciata!",
tre perzune l'abbracciano,
e na folla
nce s'arrepara sotto
si chiove
o coce 'o sole.
E p' 'e muntagne
cadeno ll'aulive
e ruciuleano.
'O sole 'e secca
e 'a morte e 'a vita,
nun aspetta!
'E ppiglia a curtellate
e pè dint' 'e ferite
nce và mpezzanno
'e rame già crisciute,
chille ca cu certezza
ncap' a n'anno, tre, quatte
le fa scorrere ll'uoglio.
Tutt' 'o riesto d''a pianta
'o ttaglia,
'abbruccia.



A paura mia

Tengo nemice? Faccio 'o paro e sparo...
'E t tengo mente e dico: «Stongo ccà! »
E nun tremmo si sent' 'e di: «Te sparo! »
Chillo c' 'o ddice, '0 ddice, nun '0 ffà.
Si è p' 'o buciardo, nun me movo, aspetto.
('A buscia corre assaie, ma campa poco).
'O vuò vedè? '0 canusce comm' 'o «sette»,
va pè parlà, se fa una lamp' 'e fuoco.
'A calunnia? E chella «è un venticello»,
dico vicin' a 'o viento: «Nun sciuscià? »
Quann'ha fatt' 'a sfucata vene 'o bello,
allor' accuminciamm' a raggiunà.
E manco 'a morte, si me tene mente,
me fa paura. ' A morte è generale.
Ll'uommene sò rumanze differente,
ma tènen' una chiusa, unu finale.
M'arròbbano? Arreduco mmiez' 'a via?..
J' fatico e addevento chillu stesso,
ma, quanto voglio bene a mamma mia,
a mme me fa paura sul''o fesso!





Pagine: 1234tutte

Potrebbero interessarti anche

Libri di Eduardo De Filippo

Le poesie
 
commenti0