PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Edward Estlin Cummings

Ti piace Edward Estlin Cummings?  


Pagine: 12tutte

Mi piace il mio corpo quand'è col tuo

mi piace il mio corpo quand'è col tuo
corpo. È una cosa tanto nuova.
Muscoli meglio e nervi di più.
mi piace il tuo corpo. mi piace quel che fa,
e il come. mi piace sentir la sua spina
dorsale, le sue ossa e il tremolante
-liscio-sodo che bacerò
ancora ancora e ancora
di te mi piace baciare questo e quello,
mi piace, lentamente accarezzare, il folto
elettrico pelo, e quel che viene a carne
che si separa... E occhi grandi briciole d'amore,

e forse mi piace il brivido

di sotto me te così nuova



Sii soprattutto giovane e lieto

sii soprattutto giovane e lieto,
Se sei giovane, qualsiasi vita

assumerai diventerà te; e se lieto
tutto ciò che vive diverrà te stesso.
A ragazzeragazzi serviranno ragazziragazze;
io so assolutamente amare solo

colei che misteriosa riveste d'infinito
la carne dell'uomo; e nella sua mente il tempo

annulla a che mai pensi, dio non voglia
e (misericordioso) protegga chi ti ama;
qui sta sapienza, la tomba del feto detto
progresso, e della negazione il morto non fato.

Preferirei imparare a cantare da un solo uccello
che insegnare a diecimila stelle a non danzare.



Completamente pazzo

Completamente pazzo è colui
che dice di essere stato innamorato un'ora.
E non perché l'amore declini così presto
ma perché in minor tempo può divorarne dieci.
Chi mai mi crederà se io vi giuro
che quella piaga mi è durata un anno?
Chi mai di me non riderebbe
se affermassi di aver visto una fiasca di polvere
bruciare un giorno intero?

Ah che balocco è un cuore
una volta caduto nelle mani dell'amore!
Tutti gli altri dolori fanno posto ad altri dolori
e solo un po' ne chiedono per sé.
Essi vengono a noi, ma Amore ci trascina
ci inghiotte e non mastica mai!
A causa sua, come da palle incatenate
intere schiere muoiono.
Egli è il tiranno luccio
e i nostri cuori sono pesciolini.

Se non fosse così
cosa avvenne del mio cuore quando ti vidi la prima volta?
Portavo un cuore entrando nella stanza
ma uscendo dalla stanza non lo avevo più.
Fosse andato da te, lo so bene,
il mio cuore forse avrebbe insegnato al tuo cuore
a mostrarsi verso di me più pietoso.
Ma l'amore, ahimé, al primo soffio
lo infranse come vetro.

Eppure nulla può accadere al nulla
né alcun luogo può essere vuoto.
Per questo penso che il mio petto
conservi ancora quei frammenti
benché non siano più uniti.
E così come ora gli specchi infranti
mostrano centinaia di volti minori,
così i frammenti del mio cuore possono
scegliere,
desiderare
e adorare
ma dopo un tale amore
non possono più amare.



Quando tu sarai morta

Quando tu sarai morta, morta, e lontana dal peccato stupendo,
e l'anima disincarnata gemerà sul dirupo dell'abisso estremo
lasciando per sempre il suo cuore al freddo in un letto di terra,

quando, fuori dal corpo che il mio corpo ha amato, l'intima-
anima sarà, nuda dopo la spietata metamorfosi,
cosa dirà alla mia, quando morti, noi, morti saremo?

(Quando io sarò morto, morto, e tu sarai stata distesa,
col corpo dalle mie labbra sì amato dato ai vermi al loro bacio
con la fresca gola liscia, e la testa dalla chioma luminosa-).



Poesia numero 37

da sì lungo il mio cuore é stato col tuo

chiuso fra le braccia flesse nel buio
dove nuove luci germinano e
crescono,
da tempo la tua mente é entrata nel
mio bacio come forestiero
nelle strade e nei colori d'una città-

che forse ho scordato
come, sempre (da quest' affrettata crudezza
di sangue e di carne) Amore
conia il suo più graduale gesto,

e affida la vita a eternità

-poi le nostre metà distaccandosi divengono musei
zeppi di ricordi bene impagliati





Pagine: 12tutte

Potrebbero interessarti anche