PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Ernest Hemingway

Ti piace Ernest Hemingway?  


Pagine: 123

Tutti gli eserciti sono uguali

Tutti gli eserciti sono uguali
È quel che sembra e non quel che vali
L'artiglieria fa il solito rumore
Attributo dei giovani è il valore
Stanchi sono gli occhi dei vecchi soldati
Gli rifilano le solite menzogne
Le mosche han sempre amato le carogne.



Mi piacciono i canadesi

Mi piacciono i canadesi.
Sono così diversi dagli americani.
La sera tornano a casa.
Le loro sigarette non puzzano.
I loro capelli sono della misura giusta.
Credono davvero di aver vinto la guerra.
Non credono nella Letteratura.
Pensano che con l'Arte si sia esagerato.
Ma sono fantastici sui pattini da ghiaccio.
Pochi di essi sono molto ricchi.
Ma quando sono ricchi comprano più cavalli
Che automobili.
Chicago dà a Toronto della città puritana.
Ma l'ippica e la boxe sono illegali
A Chicago.
La domenica nessuno lavora.
Nessuno.
Questo non mi dispiace affatto.
C'è un solo Woodbine.
Ma ci siete mai stati al Blue Bonnets?
Se nell'Ontario ammazzi uno con la macchina
È facile che ti mettono in galera.
Così tutti sono molto prudenti.
Sono più di 500 le vittime di incidenti automobilistici
A Chicago
Quest'anno.
È difficile arricchirsi in Canadà.
Mentre è facile far quattrini.
Ci sono troppe sale da tè.
Ma poi non ci sono cabaret.
Se dai al cameriere un quarto di dollaro di mancia
Ti dice "Grazie."
Invece di chiamare il buttafuori.
In tram non cedono il posto alle signore.
Anche se sono belle.
Hanno tutti una gran fretta di tornare a casa per la cena
E per ascoltare la radio.
È brava gente.
Mi piace.



Mi piacciono gli americani

Mi piacciono gli americani
Sono così diversi dai canadesi.
Non prendono sul serio i loro poliziotti.
Vengono a Montreal a bere.
Non a criticare.
Dicono di aver vinto la guerra.
Ma dentro di loro sanno che non è vero.
Hanno un tale rispetto per gli inglesi.
Amano vivere all'estero.
Non si vantano dei bagni che fanno.
Ma li fanno.
Hanno denti così sani.
E portano la maglietta tutto l'anno.
Vorrei solo che non se ne vantassero.
Hanno la seconda marina del mondo.
Ma non ne parlano mai.
Vorrebbero Henry Ford come presidente.
Ma non lo eleggeranno.
Hanno capito il gioco di Billy Bran.
Di Billy Sunday si sono stufati.
Gli uomini hanno dei tagli di capelli così buffi.
È difficile imbrogliarli sull'Europa.
Ci sono già stati.
Hanno prodotto Barney Google, Mutt e Jeff.
E Jiggs.
Non impiccano le assassine.
Le mettono nel vaudeville.
Leggono il Saturday Evening Post
E credono a Babbo Natale.
Quando fanno quattrini
Fanno un mucchio di quattrini.
È brava gente.



Roosevelt

I lavoratori credevano
Che spezzasse i monopoli,
E mettevano in vetrina il suo ritratto.
"Cosa non avrebbe fatto in Francia! "
Dicevano.
Forse sì...
Forse sarebbe
Morto,
Anche se i generali muoiono quasi sempre nel loro letto,
Come alla fine è toccato anche a lui.
E tutte le leggende che ha fatto nascere in vita sua
Continuano a vivere e prosperare,
Per nulla ostacolate dalla sua esistenza.



Dio è andato in villeggiatura

Dio è andato in villeggiatura
Madida di sudore, la città tira avanti senza di lui.
Piangono i bimbi nell'afa notturna
Tenendo svegli gli uomini che la mattina devono andare al lavoro.
Il caldo ha fatto chiudere i teatri di varietà
Le ciccione piacciono poco
Quando fa caldo
Anche ai frequentatori dello Star and Carter.
John Timothy Stone Lo ha seguito in montagna.
In autunno sarà di nuovo qui
Porterà dalla montagna la parola del Signore
Dio non resta mai troppo tempo lontano dalla città.





Pagine: 123


Libri di Ernest Hemingway

I quarantanove racconti
 
commenti0