PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Ernest Hemingway

Ti piace Ernest Hemingway?  


Pagine: 123tutte

Dio è andato in villeggiatura

Dio è andato in villeggiatura
Madida di sudore, la città tira avanti senza di lui.
Piangono i bimbi nell'afa notturna
Tenendo svegli gli uomini che la mattina devono andare al lavoro.
Il caldo ha fatto chiudere i teatri di varietà
Le ciccione piacciono poco
Quando fa caldo
Anche ai frequentatori dello Star and Carter.
John Timothy Stone Lo ha seguito in montagna.
In autunno sarà di nuovo qui
Porterà dalla montagna la parola del Signore
Dio non resta mai troppo tempo lontano dalla città.



C'erano Ike e Tony e Jaque e il sottoscritto

C'erano Ike e Tony e Jaque e il sottoscritto
Che giravano per il centro di Schio
Tre giorni di licenza e ti senti un gran dritto
Sbronzi duri ma l'occhio aperto e fitto
Si guardava com'erano fatte, santo Dio

Perché la faccia non interessa quando hai solo tre giorni
di licenza
Né ad Ike né a Tony né a Jaque né al sottoscritto.
La faccia è gratis, la guardi, ne hai diritto
Ma una caviglia ti costa sofferenza
Perché la caviglia è un segno.

Buono è il cognac anche se Martel non è,
La caviglia ha segreti che tiene per sé.
Certe volte li serba, o li scambia con te.
Fra tre giorni saremo di nuovo all'inferno, ecco perché
Non ce ne importa un fico se anche lei Martel non è.



Raccomandazione a un figlio

Non fidarti d'un bianco,
Un ebreo non ammazzare,
Non firmare mai un contratto,
Un banco in chiesa non affittare.
Non arruolarti nell'esercito;
Pigliare troppe mogli non bisogna;
Non scrivere mai per le riviste:
Non grattarti la rogna.
Metti sempre una carta sul sedile del cesso,
con la guerra sta in campana,
Tieniti pulito, non essere malmesso, Non sposare una puttana.
Non pagare i ricattatori,
Gli avvocati tieni a bada,
Non fidarti degli editori,
O finirai in mezzo a una strada.
Tutti gli amici ti lasceranno
Prima o poi moriranno, lo sai,
Che la tua vita sia sana e pulita
E in paradiso li ritroverai.



Mi piacciono i canadesi

Mi piacciono i canadesi.
Sono così diversi dagli americani.
La sera tornano a casa.
Le loro sigarette non puzzano.
I loro capelli sono della misura giusta.
Credono davvero di aver vinto la guerra.
Non credono nella Letteratura.
Pensano che con l'Arte si sia esagerato.
Ma sono fantastici sui pattini da ghiaccio.
Pochi di essi sono molto ricchi.
Ma quando sono ricchi comprano più cavalli
Che automobili.
Chicago dà a Toronto della città puritana.
Ma l'ippica e la boxe sono illegali
A Chicago.
La domenica nessuno lavora.
Nessuno.
Questo non mi dispiace affatto.
C'è un solo Woodbine.
Ma ci siete mai stati al Blue Bonnets?
Se nell'Ontario ammazzi uno con la macchina
È facile che ti mettono in galera.
Così tutti sono molto prudenti.
Sono più di 500 le vittime di incidenti automobilistici
A Chicago
Quest'anno.
È difficile arricchirsi in Canadà.
Mentre è facile far quattrini.
Ci sono troppe sale da tè.
Ma poi non ci sono cabaret.
Se dai al cameriere un quarto di dollaro di mancia
Ti dice "Grazie."
Invece di chiamare il buttafuori.
In tram non cedono il posto alle signore.
Anche se sono belle.
Hanno tutti una gran fretta di tornare a casa per la cena
E per ascoltare la radio.
È brava gente.
Mi piace.



Lamento dell'onesto progressista

Lo so che i preti si masturbano di notte,
Che i gatti fottono,
E le ragazze non sono marmotte,
E tuttavia
Che cosa posso fare
Per aggiustare le cose se son rotte?





Pagine: 123tutte


Libri di Ernest Hemingway

I quarantanove racconti
 
commenti0