PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Giuseppe Gioacchino Belli

Ti piace Giuseppe Gioacchino Belli?  


Mia Vita

Certo è ch'io nacqui, e con un bel vagito
salutai 'l mondo e il mondo non rispose
andai a scuola, studiai molte cose,
e crebbi un ciuco calzato e vestito.
Una donna mi tolse per marito,
scrissi versi a barella e alcune prose:
del resto, come il ciel di me dispose,
ebbi sete, ebbi sonno, ebbi appetito.
Stetti molti anni fra gl'impieghi assorto,
e fin che non disparver dalla scena
amai gli amici e ne trovai conforto.
Oggi son vecchio e mi strascino appena:
poi fra non molti dì che sarò morto,
dirà il mondo : " Oh reo caso! andiamo a cena".



Er povero ladro

Nun ce vò mmica tanto, Monziggnore,
de stà llì a ssede a ssentenzià la ggente
e dde dì cquesto è rreo, quest'è innoscente.
Er punto forte è de vedejje er core.

Sa cquanti rei de drento hanno ppiù onore
che cchi de fora nun ha ffatto ggnente?
Sa llei che cchi ffa er male e sse ne pente
è mmezz'angelo e mmezzo peccatore?

Io sò lladro, lo so e mme ne vergoggno:
però ll'obbrigo suo sarìa de vede
si ho rrubbato pe vvizzio o ppe bbisoggno.

S'averìa da capì cquer che sse pena
da un pover'omo, in cammio de stà a ssede
sentenzianno la ggente a ppanza piena.



inedito

Se travagliato da penose cure

Di ricrear tu brami i tuoi pensieri
Per le chiese vagando e i cimiteri
Divertiti a guardar le sepolture.

Vedrai gravi e magnifiche figure
Coperte di parrucche e di cimieri.
Con musi lunghi lunghi e seri seri,
Buoni da spiritar le creature.

Ebbene, il più di quegli aviti eroi.
Pria del mondo di là, furono in questo
Tanti baggiani come siamo noi.

Tutto il grave, il magnifico, il rubesto.
Merto è d'un ferro e d'una pietra; e poi
Una penna bugiarda ha fatto il resto!



Li soprani der monno vecchio

C'era una volta un Re cche ddar palazzo
mannò ffora a li popoli st'editto:
- Io so' io, e vvoi nun zete un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
pozzo vénneve a ttutti a un tant'er mazzo:
Io, si vve fo impiccà, nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l'affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
o dde Papa, o dde Re, o dd'Imperatore,
quello nun po' avé mmai vosce in capitolo -.

Co st'editto annò er boja pe ccuriero,
interroganno tutti in zur tenore;
e, arisposero tutti: È vvero, è vvero.