PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Luciano Ligabue

Ti piace Luciano Ligabue?  


Pagine: 1234tutte

Seduto in riva al fosso

Ho parcheggiato e camminato non so quanto
e non so dove sono, qua.
Ma so soltanto che si sente un buon profumo,
un bel silenzio e l'acqua che va.
Lontano da me, lontano da noi,
lontano dalla giostra che non si ferma mai.
E c'ho il biglietto sì, ma questa corsa la vorrei lasciare fare a voi.
Solo a voi, la lascio fare a voi,

che io sto bene qui, seduto in riva al fosso
io sto bene qui, seduto in riva al fosso.

O è il riflesso della luna o sei proprio bella,
se vuoi siediti.
Hai parcheggiato e camminato non sai quanto
non sai dove sei, ma sei qui.
Lontana da te, lontana da voi,
lontana da uno specchio che non dice chi sei.
Se sotto il cielo c'è qualcosa di speciale passerà di qui prima o poi.
Prima o poi, comunque tu lo sai

che si sta bene qui seduti in riva al fosso
stiamo bene qui, seduti in riva al fosso...

Sono arrivati con la guida
ed hanno apparecchiato per il loro pic-nic
con sedie, i tavolini, la TV, i telefonini e le facce di chi va
lontano da chi, lontano da che,
lontano per sentito dire senza un perché.
Se vuoi restare resta pure,
ho da fare non mi viene in mente cos'è.
Ma lo so che, io lo so com'è

che state bene lì, seduti in riva al fosso
state bene lì seduti in riva al fosso...

Avanti, state bene lì, state bene lì, state bene lì,
state bene, lì state bene lì, state bene lì...

   1 commenti     di: Luciano Ligabue


Questa è la mia vita

Questa è la mia vita
se ho bisogno te lo dico
sono io che guido
io che vado fuori strada
sempre io che pago
non è mai successo che pagassero per me.
Questa è la mia vita
se entri chiedimi permesso
portami a una gita
fammi ridere di gusto
porta la tua vita
che vediamo che succede a mescolarle un po'.
E ora che ci sei, dato che ci sei
fammi fare un giro su chi non son stato mai
dato che ci sei
come io vorrei...

Questa è la mia vita
sono quello che ci pensa
porta un paio d'ore
una notte bella densa, trattamela bene
che al momento ho solo questo poi vedremo poi...
questa è la mia vita
Certi giorni non si batte, certi altri meno
è così che va per tutti
certi giorni è poca
certi giorni sembra troppa e invece non lo è mai
e ora che ci sei, dato che ci sei
fammi fare un giro su chi non son stato mai
dato che ci sei
come io vorrei...

Questa è la mia vita
tieniteli tu i consigli io non l'ho capita
figurati se tu fai meglio
porta la tua vita
che vediamo che succede a mescolarle un po'
ma ora che ci sei, dato che ci sei
fammi fare un giro su chi non son stato mai
dato che ci sei come io vorrei...

   1 commenti     di: Luciano Ligabue


Cosa non mettere in valigia

Hai fatto così tanta strada
per arrivare fino qui.
Ti è toccato partire bambina.
La piccola valigia di cartone
ci tenevi i rossetti finti
il fracasso dell'erba che cresce
le confidenze del rivolo
l'incisione fucsia delle azalee
ci tenevi
un astuccio di gemme
e la chiave del cespuglio.
Gli occhi hanno preso
il colore del cielo
a forza di guardarlo.
Per una bambina che sapessse
già camminare
la radura era il più sicuro dei box
ma anche il più insidioso.
Poteva dirti all'orecchio
di tenere per te
parole come
si può fare a meno degli uomini.

Non si capisce bene perchè il tempo
avrebbe dovuto fare sconti
propio a te
e la valigia si è appesantita
delle scarpette da ballerina
imbrattate di pece
promessa sbugiardata
nel tempo di una rosa.
Poi qualche uomo
a provato a prenderti...
gli hai detto che non è il caso.
Ti ha presa lo stesso
non ti sei fatta prendere
lo stesso
il suo problema
non era affatto tuo
certo che anche questo è finito
in valigia
come poteva essere altrimenti?

La radura schiacciata dal condominio
in case finestre
sempre più chiuse.
Il peso della valigia
ti allungava le braccia
formate ma non finite.
Hai provato a provare
l'anima che non testava accordata.
Hai detto perchè no
a uomini che facevano a meno
della tua parte di spasso.
Le braccia reggevano meglio
la valigia più pesante.
Sei andata nelle città.

Hai capito
che il tuo posto non era nei posti
era dove dicevi ecco
mentre di casa non ce la facevi a dire
per esempio
il corpo rispondeva preciso
l'anima non si lasciava nemmeno
fare domande.
Hai tenuto la mano
di chi non ce la faceva a non morire
hai cambiato la fiducia
a chi voleva guarire da solo
hai passato informazioni
senza lesinare sulla voce
senza risparmiare le mani.
La strada non finiva
la tua schiena ballava dritta
anche con le scarpe
chiuse nella valigia.

Hai fatto fatica a parlare davvero
non potevano credere
e allora hai parlato

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: Luciano Ligabue


Cosa vuoi che sia

Gli occhi fanno quel che possono
niente meno e niente più.
Tutto quello che non vedono
è perchè non vuoi vederlo tu.
Cosa vuoi che sia?
Passa tutto quanto
solo un po' di tempo e ci riderai su
Cosa vuoi che sia?
Ci sei solo dentro
pagati il tuo conto e pensaci tu

è la vita in cui abiti
niente meno e niente più
sembra un posto in cui si scivola
ma queste cose le sai meglio tu

cosa vuoi che sia
passa tutto quanto
solo un po' di tempo e ci riderai su
cosa vuoi che sia
ci sei solo dentro
pagati il tuo conto e pensaci tu

chi ama meno è meno fragile

tutti dicono così
ma gli occhi fanno quel che devono
solo tu puoi non accorgerti

e il mondo che ti dice
"tu pensa alla salute"
che c'è chi pensa a quello
a cui non pensi tu

cosa vuoi che sia
passa tutto quanto
solo un po' di tempo e ci riderai su
cosa vuoi che sia
ci sei solo dentro
pagati il tuo conto e pensaci tu

e il mondo che ti dice

"tu pensa alla salute"

   2 commenti     di: Luciano Ligabue


ci si restituisce la carne

Ci si prova

Ci si dimentica
il pettine
sul cranio calvo

ci si tira via
il muro
a vicenda

a vicenda
ci si strofina via
la ruggine

ci si passa
la prima pietra

ci si soffiano
gli occhi
col solito
fazzoletto

ci si strappa via
il morso
l'uno all'altro
tanto per allentare un po'
la corsa alle mandibole

ci si accorge
della necessità
delle necessità
di troppo

ci si abbina

ci si passano
lubrificanti reciproci
ridando futuro
agli ingranaggi surriscaldati

ci si imbarca

ci si tira su
l'ancora
a vicenda

a vicenda
ci si copia
il compito in classe
lo si consegna
uguale

ci si restituisce
la carne
scambiata
per poco
con poco

ci si imbatte

ci si alterna
alla guida
ai posti dietro
al posto del morto

ci si infiamma
senza cerini
senza zippo

ci si chiede
tanto

ci si prova
anche
a
vicenda.

   0 commenti     di: Luciano Ligabue




Pagine: 1234tutte

Potrebbero interessarti anche

Libri di Luciano Ligabue

La neve se ne frega
 
commenti0

Fuori e dentro il borgo
 
commenti0