username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesie di Luigi Tenco

Ti piace Luigi Tenco?  


Pagine: 123tutte

Risposta

Quante le strade che un uomo farà
e quando fermarsi potrà ?
Quanti mari un gabbiano dovrà attraversar
per giungere e riposar?
Quando tutta la gente del mondo riavrà
per sempre la sua libertà…

Risposta non c’ è o forse chi lo sa
caduta nel vento sarà.

Quando dal mare un’ onda verrà
che i monti lavare potrà ?
Quante volte un uomo dovrà litigare
sapendo che è inutile odiare?
E poi quante persone dovranno morir
perché siano troppe a morir?

Risposta non c’ è o forse chi lo sa
caduta nel vento sarà.

E poi quanti cannoni dovranno sparar
e quando la pace verrà ?
Quanti bimbi innocenti dovranno morir
e senza sapere il perché ?
Quanto giovane sangue versato sarà
finché un’ alba nuova verrà ?

Risposta non c’ è o forse chi lo sa
un popolo nuovo sarà

Risposta non c’ è o forse chi lo sa
un popolo nuovo sarà

   9 commenti     di: Luigi Tenco


Prete in automobile

Quando vedo un prete in automobile
per il rosso aspettar io provo un dispiacer.
Quando vedo un prete in automobile
una ruota cambiar io provo un dispiacer
Perché lui pensa a grandi cose
fatte di eternità.
Quando vedo un prete in automobile
una multa pagar io provo un dispiacer.

   0 commenti     di: Luigi Tenco


Ciao amore ciao

La solita strada, bianca come il sale
il grano da crescere, i campi da arare.
Guardare ogni giorno
se piove o c'e' il sole,
per saper se domani
si vive o si muore
e un bel giorno dire basta e andare via.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.

Andare via lontano
a cercare un altro mondo
dire addio al cortile,
andarsene sognando.

E poi mille strade grigie come il fumo
in un mondo di luci sentirsi nessuno.
Saltare cent'anni in un giorno solo,
dai carri dei campi
agli aerei nel cielo.
E non capirci niente e aver voglia di tornare da te.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Non saper fare niente in un mondo che sa tutto
e non avere un soldo nemmeno per tornare.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.
Ciao amore,
ciao amore, ciao amore ciao.

   8 commenti     di: Luigi Tenco


Mi sono innamorato di te

Mi sono innamorato di te
Perché non avevo niente da fare
Il giorno volevo qualcuno da incontrare
La notte volevo qualcuno da sognare

Mi sono innamorato di te
Perché non potevo più stare solo
Il giorno volevo parlare dei miei sogni
La notte parlare d’ amore

Ed ora
che avrei mille cose da fare
io sento i miei sogni svanire
ma non so più pensare
a nient’ altro che a te

Mi sono innamorato di te
E adesso non so neppure io cosa fare
Il giorno mi pento di averti incontrata
la notte ti vengo a cercare

   14 commenti     di: Luigi Tenco


La ballata del marinaio

Un marinaio in mezzo al mare
con una barca ed un cannone.
È andato là per fare la sua guerra
ad un nemico che non ha mai visto,
con sé ha portato il ritratto di una donna,
con qualche lettera, con i suoi sogni.

Un marinaio in mezzo al mare,
con un nemico da mandare a fondo.
Gli han detto che il nemico è uno strano essere
che non ha cuore, che non sa parlare,
gli han detto che chi ha dei sogni da difendere
deve combattere contro il nemico.

Un marinaio in mezzo al mare,
il suo nemico ormai è andato a fondo,
però qualcosa è rimasto sulle onde
e lui va a vedere cosa mai può essere:
trova il ritratto di una donna e qualche lettera:
sogni di un uomo andato a fondo.

   5 commenti     di: Luigi Tenco




Pagine: 123tutte