PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Sandro Penna

Ti piace Sandro Penna?  


Pagine: 123

Le nere scale della mia taverna

Le nere scale della mia taverna
tu discendi tutto intriso di vento.
I bei capelli caduti tu hai
sugli occhi vivi in un mio firmamento remoto.
Nella famosa taverna
ora è l'odore del porto e del vento.
Libero vento che modella i corpi
e muove il passato ai bianchi marinai.

   1 commenti     di: Sandro Penna


Fuggono i giorni lieti

Fuggono i giorni lieti
lieti di bella età.
Non fuggono i divieti
alla felicità

   4 commenti     di: Sandro Penna


Scuola

Negli azzurri mattini
le file svelte e nere
dei collegiali. Chini
su libri poi. Bandiere
di nostalgia campestre
gli alberi alle finestre.

   2 commenti     di: Sandro Penna


vivere vorrei

vivere vorrei addormentato
entro il docle rumore della vita

   1 commenti     di: Sandro Penna


I rumori dell'alba

Come è forte il rumore dell'alba!
Fatto di cose più che di persone.
Lo precede talvolta un fischio breve,
una voce che lieta sfida il giorno.
Ma poi nella città tutto è sommerso.
E la mia stella è quella stella scialba
mia lenta morte senza disperazione.

   0 commenti     di: Sandro Penna




Pagine: 123