Tutte le poesie di Trilussa
PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie di Trilussa - Elenco completo

Scopri in questa pagina tutte le opere di poesie d'autore pubblicate da Trilussa e presenti in PoesieRacconti, elencate a partire dalla più recente.

La crisi de coscenza

La crisi de coscenza po' succede
da un dubbio che te rode internamente;
come ridà la fede a un mi

[continua a leggere...]



Er Porco e er Somaro

Una matina un povero Somaro
Ner vede un Porco amico annà ar macello,
Sbottò in un pianto e disse

[continua a leggere...]



La prescia

Nell'Isoletta de li Presciolosi
cianno un da fa che nun finisce mai:
lo stesso Re, che regola er

[continua a leggere...]



La bolla de sapone

Lo sai che d'è la bolla de sapone?
L'astuccio trasparente d'un sospiro
che uscita da la canna vol

[continua a leggere...]



L'uccelletto

Era d'Agosto e il povero uccelletto
Ferito dallo sparo di un moschetto
Andò per riparare l'ala

[continua a leggere...]



Er grillo zoppo

Ormai me reggo su 'na cianca sola.
- diceva un Grillo - Quella che me manca
m'arimase attaccata a

[continua a leggere...]



Adamo e la pecora

Adamo, che fu er primo propotente,
disse a la Pecorella: - Me darai
la lana bianca e morbida che f

[continua a leggere...]



Demolizzione

Stanotte, ner rivede casa mia
mezza buttata giuù, m'ha fatto pena.
Er mignanello se distingue ap

[continua a leggere...]



La ninna-nanna de la guerra

Ninna nanna, nanna ninna,
er pupetto vô la zinna:
dormi, dormi, cocco bello,
sennò chiamo Farfa

[continua a leggere...]



L'Oca e er Cigno

Un Rospo, più burlone che maligno,
diceva all'Oca: - Bella come sei,
un po' ch'allunghi er col

[continua a leggere...]



La maschera

Vent'anni fa m'ammascherai pur'io!
E ancora tengo er grugno de cartone
che servì p'annisconne

[continua a leggere...]



Er ministro novo

Guardelo quant'è bello! Dar saluto
pare che sia una vittima e che dica:
- Io veramente nun ciamb

[continua a leggere...]



Er pappagallo scappato

Lei me chiamò e me fece: - Sarvatore,
er pappagallo jeri scappò via
perché nu' richiudeste er

[continua a leggere...]



Lo scialletto

Cor venticello che scartoccia l'arberi
entra una foja in cammera da letto.
È l'inverno che ariv

[continua a leggere...]



Pappagallo ermetico

Un Pappagallo recitava Dante:
"Pape Satan, pape Satan aleppe...".
Ammalappena un critico lo sepp

[continua a leggere...]



In pizzo ar tetto

In cima in cima ar tetto, indove vanno
a facce er nido tante rondinelle,
ce so' du' finestrelle,

[continua a leggere...]



La cornacchia libberale

Una cornacchia nera come un tizzo,
nata e cresciuta drento 'na chiesola,
siccome je pijo lo schir

[continua a leggere...]



Er Somaro e el Leone

Un Somaro diceva: - Anticamente,
quanno nun c'era la democrazzia,
la classe nostra nun valeva gne

[continua a leggere...]



Mania de persecuzzione

La notte, quanno guardo l'Ombra mia
che s'allunga, se scorta e me viè appresso,
me pare, più c

[continua a leggere...]



Matina abbonora

Doppo una notte movimentatella
ritorno a casa che s'è fatto giorno.
Già s'apreno le chiese; l

[continua a leggere...]



Fra cent'anni

Da qui a cent'anni, quanno
ritroveranno ner zappà la terra
li resti de li poveri sordati
morti

[continua a leggere...]



Er Salice Piangente

- Che fatica sprecata ch'è la tua!
- diceva er Fiume a un Salice Piangente
che se piagneva l'an

[continua a leggere...]



La Cecala d'oggi

Una Cecala, che pijava er fresco
all'ombra der grispigno e de l'ortica,
pe' da' la cojonella a

[continua a leggere...]



L'onestà de mi' nonna

Quanno che nonna mia pijò marito
nun fece mica come tante e tante
che doppo un po' se troveno l

[continua a leggere...]



L'incontro de li sovrani

Bandiere e banderole,
penne e pennacchi ar vento,
un luccichìo d'argento
de bajonette ar sole,

[continua a leggere...]



L'orloggio cór cuccù

È un orloggio de legno
fatto con un congegno
ch'ogni mezz'ora s'apre uno sportello
e s'affac

[continua a leggere...]



L'ingiustizzie der monno

Quanno che senti di' "cleptomania"
è segno ch'è un signore ch'ha rubbato:
er ladro ricco è

[continua a leggere...]



L'idolo

L'idolo disse: io penso
che in tutte quelle nuvole d'incenso
c'è una prova d'amore e de fiduc

[continua a leggere...]



la Fede

Quella vecchietta cieca, che incontrai
la notte che me spersi in mezzo ar bosco,
me disse: - Se la

[continua a leggere...]



La corte del Leone

El Leone, ch'è Re de la Foresta,
disse un giorno a la moje: - Come mai,
tu che sei tanto onesta,

[continua a leggere...]



La violetta e la farfalla

Una vorta, ‘na Farfalla
mezza nera e mezza gialla,
se posò su la Viola
senza manco salutalla,

[continua a leggere...]



Er teppista

credi che io sia monarchico? Pe' gnente
che me ne frega? E manco socialista
Repubblicano? Affatto!

[continua a leggere...]



La pace.

Un omo aprì er cortello e domandò a l'olivo:
"Te dispiace de damme un ramoscello,
simbolo della

[continua a leggere...]



La tartaruga.

Mentre una notte se n'annava a spasso,
la vecchia tartaruga fece er passo più lungo
de la gamba

[continua a leggere...]



Questione de razza

Che cane buffo! E dove l'hai trovato?
Er vecchio me rispose: "È brutto assai
ma nun me lassa mai,

[continua a leggere...]



La candela

Davanti ar Crocifisso d'una Chiesa
una Candela accesa
se strugge da l'amore e da la fede.
Je dà

[continua a leggere...]



Felicità

C'è un'ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va...
Tutto sommato, la felicit

[continua a leggere...]



L'indovina de le carte

- Pe' fa le carte quanto t'ho da dà?
- Cinque lire. - Ecco qui; bada però
che m'hai da dì la p

[continua a leggere...]



Dispiaceri amorosi

Lei, quanno lui je disse: - Sai? te pianto... -
s'intese gelà er sangue ne le vene.
Povera fija!

[continua a leggere...]



La dipromazzia

Naturarmente, la Dipromazzia
è una cosa che serve a la nazzione
pe' conservà le bone relazione,

[continua a leggere...]



Er ceco

- I -
Su l'archetto ar cantone de la piazza,
ar posto der lampione che c'è adesso,
ce stava un C

[continua a leggere...]



Er testamento d'un arbero

Un Arbero d'un bosco
chiamò l'ucelli e fece testamento:
- Lascio li fiori ar mare,
lascio le foj

[continua a leggere...]



La poesia

Appena se ne va l'urtima stella
e diventa più pallida la luna
c'è un Merlo che me becca una per

[continua a leggere...]



Ira

Lidia, ch'è nevrastenica, è capace
che quanno liticamo per un gnente
se dà li pugni in testa, e

[continua a leggere...]



Invidia

Su li stessi scalini de la chiesa
c'è uno sciancato co' la bussoletta
e una vecchia co' la mano s

[continua a leggere...]



Lussuria

La Venere, coperta da una pianta
che je serve da ombrello quanno piove,
è tutta quanta ignuda: tu

[continua a leggere...]



L'incontentabbilità

Iddio pijò la fanga dar pantano,
formò un pupazzo e je soffiò sur viso.
Er pupazzo se mosse a l

[continua a leggere...]



La spada e er cortello

Un vecchio Cortello
diceva a la Spada:
- Ferisco e sbudello
la gente de strada,
e er sangue che

[continua a leggere...]



Lisetta cór signorino

Su, me faccia stirà la biancheria,
dia confidenza a chi je pare e piace:
nun me faccia inquietà,

[continua a leggere...]



L'eroe ar caffè

È stato ar fronte, sì, ma cór pensiero,
però te dà le spiegazzioni esatte
de le battaje che n

[continua a leggere...]



Accidia

In un giardino, un vagabonno dorme
accucciato per terra, arinnicchiato,
che manco se distingueno l

[continua a leggere...]



Er principe rivoluzzionario

Quanno fa li discorsi, ciacconsento,
è rivoluzzionario e te l'ammetto:
ma quanno che nun parla ca

[continua a leggere...]



La sincerità ne li comizzi

Er deputato, a dilla fra de noi,
ar comizzio ciagnede contro voja,
tanto ch'a me me disse: - Oh Di

[continua a leggere...]



La libbertà

La Libbertà, sicura e persuasa
d’esse’ stata capita veramente,
una matina se n’uscì da cas

[continua a leggere...]



Carità cristiana

Er Chirichetto d'una sacrestia
sfasciò l'ombrello su la groppa a un gatto
pe' castigallo d'una po

[continua a leggere...]



La politica

Ner modo de pensà c'è un gran divario:
mi' padre è democratico cristiano,
e, siccome è impiega

[continua a leggere...]



L'uguaglianza

Fissato ne l’idea de l’uguajanza
un Gallo scrisse all’Aquila: - Compagna,
siccome te ne stai

[continua a leggere...]



Le bestie e er crumiro

Una volta un Cavallo strucchione
c'ogni tanto cascava pe' strada
scioperò pe' costringe er Padron

[continua a leggere...]



La fratellanza

Un certo amico mio conserva un callo
riposto in un astuccio de velluto
sotto una scatoletta de cri

[continua a leggere...]



La verità

La Verità che stava in fonno ar pozzo
Una vorta strillò: - Correte, gente,
Chè l’acqua m’è

[continua a leggere...]



La statistica

Sai che d'è la statistica? È na' cosa
che serve pe fa un conto in generale
de la gente che nasc

[continua a leggere...]



La gratitudine

Mentre magnavo un pollo, er Cane e er Gatto
pareva ch'aspettassero la mossa
dell'ossa che cascaven

[continua a leggere...]



La lucciola

La Luna piena minchionò la Lucciola:
- Sarà l'effetto de l'economia,
ma quer lume che porti è

[continua a leggere...]



Er leone riconoscente

Ner deserto dell' Africa, un Leone
che j' era entrato un ago drento ar piede,
chiamò un Tenente

[continua a leggere...]



Avarizzia

Ho conosciuto un vecchio
avaro, ma avaro: avaro a un punto tale
che guarda li quatrini ne lo specc

[continua a leggere...]



Er compagno scompagno

Un Gatto, che faceva er socialista
solo a lo scopo d'arivà in un posto,
se stava lavoranno1 un p

[continua a leggere...]



La ranocchia ambizziosa

Una Ranocchia aveva visto un Bove.
- Oh! - dice - quant'è grosso! quant'è bello!
S'io potesse

[continua a leggere...]



Er sorcio de città e er sorcio de campagna

Un Sorcio ricco de la capitale
invitò a pranzo un Sorcio de campagna.
- Vedrai che bel locale,
v

[continua a leggere...]



La Strada mia

la strada è lunga, ma er deppiù l'ho fatto:
so dov'arrivo e nun me pijo pena.
ciò er core in

[continua a leggere...]