PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesia sull'adozione

Pagine: 1234... ultima

Figli del destino

Siete figli del destino
da altri ventri partoriti
nel mio cuore rinati
nella mia vita cresciuti.
Vi amo di Amore
un amore profondo
come l'abisso del mare
cela vite nascoste,
come il cratere del vulcano
cela vivo magma.
Da terre lontane
giunge l'eco evocativo
di quell'origine
difesa
mai rinnegata
mai nascosta.
Sapiente destino
intrecciato mirabilmente
con saggi pensieri
decisioni

[continua a leggere...]



Primo sorriso

Non vi ho visti nascere,
ma siete miei figli.
Non ho udito il primo vagito,
ma son tante le lacrime
che ho asciugato.
Non ho gioito al primo sorriso,
ma tanti insieme ne abbiam fatti!
Nei vostri visi
si specchia il mio,
nell'andatura
i passi gli stessi.
Cuori che palpitano
si emozionano all'unisono.
Siete figli miei
siete figli del mondo.
Di un amore grande
sempre fiorito.
Al di

[continua a leggere...]



Bimbi soli, in cerca d'amore

Il mare era vicino, negli occhi;
grida gioiose bucavano i timpani,
il sole proiettava ombre lunghe di ferri
facevano da muro fra VOI... e la libertà.
Piccoli passi torturavano il polveroso cortile;
ristretto... per Ruscelli alla fonte del tempo.
Imbrogliavano la loro vita correndo,
mentre TU difendevi il tuo angolo... triste.
Noi, come intrusi, eravamo li per Te
senza il tuo viso, senza

[continua a leggere...]



Pene ed ironia

Si leggasi bene, PENE, ma quelle, non quello!
Quello spetta solo a noi.

Mentre Lui,
il più ricco e condannato di tutti,
a cui andrebbero stretti 10 ergastoli
per il male fatto al popolo italiano,
se la cava con la grave condanna
di una visitina settimanale ad un centro anziani.
Nel nuovo governo delle riforme super annunciate
51 parlamentari hanno il candido coraggio
di dichiarare R

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: Auro Lezzi


Il pianto silenzioso

Dieci mesi avevi, beatamente dormivi
un sonno profondo sognando chissà
quali giuochi, compagni, merende.
Il piccolo piedino insicuro, appoggiato
da ore in alto stava come sospeso,
e soffriva in quel modo.

Le mie amorevoli mani leggère lo colsero
per donargli un comodo sicuro rifugio,
nel profumato tuo innocente giaciglio.
Ahimè, il sonno Divino in un attimo svanì,
un pianto angel

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Adozione.