PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie su avvenimenti liberi

Pagine: 1234... ultimatutte

Lei non sa

Mia madre
si muove in moto circolare,
con occhi laser
mi scandaglia di soppiatto
fino alle radici del cuore.

Mia madre ha occhi di verbena
che fiorisce in conche di cemento.
Mi soppesa su stadere di silenzio,
mi solleva come fronda
mi misura in altezza e in profondità.

Lei non sa
che mi scorre nelle vene
un torrente di versi.

   5 commenti     di: anna marinelli


Guapperia - atto 3°

Da li balconi semichiusi si sentono pettegole voci,
donne da lo smorzato riso: lo Bieco è stato, lo Bieco è stato,
mentre no miscuglio de acqua, lacrime e sangue, no turrientu roci
avanti porta lo suo peso innato.
Silenzio, silenzio de tomba, anco la foglia, seppur cadendo, taci,
scoppia poi, l'inumano grido: "Morte a Lui, chi è stato!"
Quelle du' donne, baciando quel cadavere inerme,
s'

[continua a leggere...]



La fuga

Deserte le strade,
deserti i telefoni.
Non c'è sciopero in atto,
soltanto la fuga.
Il tempo approda fiero
ai silenziosi istanti.

   2 commenti     di: arjan kallco


Le ossa di vetro

Le ossa di vetro sono quelle che si consumano giorno dopo giorno,
quelle che sembrano spaccarsi in piccoli cocci ma resistono.
Resistono al gelo del dolore, quello fisico e morale,
resistono alle lotte perse.

Le ossa di vetro ti rendono immobile ma non insensibile e sentono,
sono quelle fragili che avvertono il vento poggiarsi,
il calore del sole scaldarle.

Le ossa di vetro sono quelle

[continua a leggere...]



Sedici febbraio 1848

De Majo, general
de lo borbonico esercito,
co la coda tra le gambe
lassò Catania e tutti quanti.




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Altri avvenimenti.