PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesia sulla carità

Pagine: 1234... ultima

Vivere

Ogni attimo che vivo
la mia mente vola nei pensieri
come un gabbiano sul mare
o una rondine che emigra
per poter al nido tornare.

E il mio pensiero vola
e vede paesi in guerra,
popoli esiliati, famiglie distrutte,
bambini che muoino di fame
senza il conforto di chi
li possa accarezzare.

E vedo gli esiliati
vivere in un paese straniero,
hanno da vivere, sono aiutati,
ma nei loro

[continua a leggere...]



Piccola musicante di Lisbona

Scorre il Tago qui la Torre di Belèm vi si rispecchia
folla festante oggi variopinta di scialli venditrici
un pittore di strada e più in là un vecchio gelataio
al gradin più basso lì seduta la piccola musicante
suona vibra la fisarmonica s'ode una triste aria
il cagnolin suo lì bardato a festa il capin scuote
ma vuota è la scatola che invan l'obolo attende
forse il suo pensier è

[continua a leggere...]



il mio nome fu

il mio nome fu terra furiosa,
guidai cavallerie da macello
su crinali imbiancati di nebbia.
ma che sia festa nei borghi lontani:
che le mie urla non disturbino
il sonno del giusto.
il mio nome è catena di scacchi:
scuoto e carezzo, invisibile saccente.
è il futuro che ti cerca? o è forse il mare?
dove il tutto scorre placido
e il domani è morire.
il mio nome è Amore,
il semidio an

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: eugenio maiolo


Una mano e un cuore.

Un giorno le mie orecchie
si sono aperte e hanno sentito
il cinguettar degli uccellini,
e i miei occhi hanno visto
la bellezza dei fiori.

E tutto questa meraviglia
è diventata una esplosione
di luce e di colori
come un quadro di un pittore.

Eppure tra tanto colore
tante sfumature grigiastre
si presentano
davanti agli occhi miei
e dei gemiti odono le mie orecchie.

Sono quelli

[continua a leggere...]



Mater lacrimarum

Ti ho intravista, abbandonare, per un momento
la tua falce, esausta appoggiarti al muro diroccato,
del tempo e dell'eternità,
il tuo volto meraviglioso proteso, verso il mio corpo scarno,
in un sentimento di misericordia e di perdono.
Non pelle diafana mostrasti,
nè orbite incavate, ma occhi stupendi di verde smeraldo,
non labbra smunte, ma labbra di corallo,
con voce suadente, mi invit

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: Ruben Reversi



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Carità.