PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesia sulla carità

Pagine: 1234... ultimatutte

Aiutiamoci a vivere

Dona un sorriso a chi dimora in silenzio
Riscalda l'eterna notte di chi non può vedere il sole
Bagna di pioggia nuova e fresca
chi giace in terra nel deserto
Togli le lacrime di chi non sa rialzarsi
Regala il coraggio a coloro che vivon di paure
Insegna la vita a chi non sa ascoltare e rimane immobile lì ad aspettare
Dai forza a chi sta seduto nelle tenebre della diversità
Prendi l'amo

[continua a leggere...]

   11 commenti     di: Luca


Una mano e un cuore.

Un giorno le mie orecchie
si sono aperte e hanno sentito
il cinguettar degli uccellini,
e i miei occhi hanno visto
la bellezza dei fiori.

E tutto questa meraviglia
è diventata una esplosione
di luce e di colori
come un quadro di un pittore.

Eppure tra tanto colore
tante sfumature grigiastre
si presentano
davanti agli occhi miei
e dei gemiti odono le mie orecchie.

Sono quelli

[continua a leggere...]



Tornò da emigrante

C'è una piccola curva
che il mio cuore ama tanto.

Dopo averla sorpassata, scorgo
un piccolo uomo ricurvo che ai
piedi di una chiesa mi tende la
mano.

Ha pelle avvizzita dagli anni e
mani corrose dal sole;

lui attende un saluto, mentre i
nostri occhi s'incontrano...

Gli porgo un pensiero e quasi
tremante mi osserva porgendo la
mano.

" Ecco mi dice, osserva come son
ridotto,

[continua a leggere...]



Fanciulli di un dio minore

Smarrito il tuo sorriso,
tu piccola anima dimenticata
porti il fardello dell'altrui
egoismo,
paghi il cinismo dei potenti,
la diffididenza dei ricchi,
l'orchestra mortale
di un mondo parziale,
hanno depredato
la tua fanciullezza,
il tuo gioco e
la tua sopravvivenza,
le urla inudite
dei dolori incompresi,
nella ciotola
il riso
che mangi scarseggia,
nemmeno l'acqua
ti e' concessa,

[continua a leggere...]



Un assassino

Mio Dio, cosa ho fatto?
Perchè ho ucciso quell'uomo?
Un mendicante.
Barba lunga e sporca,
unghie consumate.
Sessant'anni aveva
con sè solo una chitarra
e una scodella
gettata per terra.
Solidarietà mi chiedeva
e io gli ho donato un assegno
da cinquemila euro.
Giel'ho lasciato nella scodella:
il suo sguardo piangeva.
Dio mio,
perchè ho ucciso quell'uomo?

   2 commenti     di: Antonio Sabia



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Carità.