username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultimatutte

La neve

Da lo celo
de li fiocchi
de neve
su le cose
e la terra
dolce cader,
fino a quando
uno candido manto
formatosi est.



Messer Inverno

Quanno
lo Messer inverno
in scena
venir,
tutti muti
ad Ello
lo sguardo
voltar.
'no vecchietto
tremulante
et canuto,
'no manto
a strascico
et cappuccio
indossar,
et da
lo grugno
'na barba
canuta spuntar.
Sì da
li cori
ghiacciar
de li astanti
spettator.
Ma lo plauso
pur meritar,
portato
aber
lo Bimbo
Salvator.



U vecchiareddu ( Il vecchietto)

U vecchiu puru ch'è prontu mi mori
dici c'havi ancora assai i 'mparari
a differenza cu chiddi chiù figghioli
è sulu u diversu modu i raggiunari.

Si stava megghiu quandu non c'era nenti
ddu nenti na vota era fami i travagghiari
oggi inveci è chinu di lamenti
e nuddu ch'avi vogl'i lavurari.

Vardai n'ta l'occhi a du vecchiareddu
ci dissi pi favuri cuntatimi nu pocu
non vogghiu na ca

[continua a leggere...]

   11 commenti     di: Teresa Tripodi


Risposta alla tua

Non haiù spisu mai tanti paruluni
versu di tia e lu sai beni tu,
non sugnu n'tipu tantu chiacchiarùni
iù pensu alla sustanza e nenti cchiù.
Non ragiunai daveru p'aviri a tia,
tu eri carusa e iù cchiù vecchiu,
certu, macari tu pp'aviri a mia
curaggiu ni facisti di superchiu.
Ora, ca u scilinguagnulu haiu sciotu,
lu mo silenziu di tanti anni
rennilu vulissi a tutti notu
d

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: salvo ragonesi


Neonato

Incerti
li occhi
move
chi
a lo monno
vene.
Circospetto
se guarda
a manca
e a dritta
e piagne,
pecché
di niun
fede
nun abe.
Li capezzoli
cerca
e ad essi
s' attacca,
nutrienti
e piacevoli
trovolli
mamma
già chiama,
seppur con gesta.
Al fin
a quel viso
non tarda
con un sorriso.
Tace
e guarda
prima
de la
ninna nanna
far.




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo