PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultimatutte

A Berlusconi

"prima parte"

Viciènzo 'o scartellàto
mi chiammo
cùrto nàsecchia ucchitièlli rècchie
tal'e qquàle a Bèrluscone
'o fràte pàro.

'na muglièra tèngo
dùie fìgli dissoccupàti.

Dìnt'o vàscio
'nu liètto 'nu tavulìno
'nu cucinìno e 'o cèsso.

Vicino 'o bancòlotto fatico
pe' bòna furtùna m'allisciano.

Pàne e pàsta
magniàmo
quànno 'a ciacìona mia
pàsta e

[continua a leggere...]



Sora Speranza

Tucche tucche,
ca chi bussa?
Mani trimulanti
chella porta
aprono,
e tu chi si?
So' sora Speranza!
E che vulite a mia,
nun v'è bastata
la vita
e o maritu miu?
Stu fioru
puru levar
mi vuliti?
No; i stongu ca
pe' dirti
ca lu figliu tua
oltre va,
ma senza cunoscere
vendetta,
siederà a la dritta
de lo Padre
suo diletto,
senza nisciuna macchia.



Lu pupu dissoccupatu

Pittule, pitteddhe e pasturale
Na crotta e na steddha: è turnatu Natale!
È tuttu nu fusci fusci 'mmienzu 'lle vie,
nc'è cristiani carcati intra a tutte le 'bbutie.
Comu pupi te crita me pare la gente
E lu mundu ssamija a nu brasepiu vivente.
Tra luci 'ntermittenti tutti tenene te fare,
puru lu macu te la steddha have fatiare.
Bancarelle te 'mbroje, te 'nchiali e te cullane,
pupi te ogn

[continua a leggere...]



Gabriele e lo musicista

Su 'no
violino
vecio e sgangherato
lo vecio musicista
un Do e La
cerca
de accordar,
ma ven fora
'no sono,
strano,
si,
ma bello assaje
e lo musicista
per encando
ne le braza
de lo Arcangel Gabriel
trovorsi
libero
de la Uman
zavorra.



Nuntium de morte

A l'auris mea
in punta de piedi
lo vento giugnino
nuntium de morte
portato abe,
et colei
che fuit
et plus
nun est,
da lo male
oscur
stroncata,
ancora
nun avea
la quarantin
sonata.




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo