username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultimatutte

Il caffè nostro

Stu cafè
è amaru e roce;
s'allucchi
de traverso
me va,
se na carezza
me fai
roce
me scenne;
e tutti e juorni
la stessa storia,
amaru e roce
è stu cafè
che me rai tu,
amaru e roce
commo vuoi tu,
ma senza e te
è sulu nu veleno
e ca nun ce stoncu 'cchiu.



Giustizia non giusta

N'omo
n' artro omo
giudica,
avvalendose
der titolo
de legge
lo manna
in gattabuia;
dopo anni
de cela,
ven fore
l'errore,
senza scusarse,
le retorneno
li quattro stracci
e fori
lo metteno
de nove;
ma per la società
sto pover'omo
è sempre
un ex carcerato,
uno che
er segno porta
pur innocente
essendo.



Er primo de questo mese

Du' bruschette,
un po' de fave
e pecorino,
un bicchier
de rosso vino
de li castelli,
sur tavolo poi
la capoccia
pesante pesante
s'affloscia;
e te credo,
co' tutto sto ben de Dio
che dati ce semo,
solo en brazza
a Morfeo
finir poter;
ma a nesuno
male fatto
nun avemo;
eppur le stelle
a mille a mille
contamo,
e qui e la
quarche bianco topolino
appare.



Dionisio e Bacco

In un mondo
tutto loro,
fra nuvole
d' ogni colore,
fra il cielo e la terra
sospesi,
il vecchio e canuto
Dionisio,
di qua e di là
barcollando va,
al contrario
e allo stesso modo,
il giovine e gagliardo
Bacco
vien,
inevitabile
lo scontro,
e para tacchete
a seder per terra,
si guardano,
si riconoscono,
i calici
alzano,
ed uno
vin greco,
e l' altro vin
de li castelli
d

[continua a leggere...]



Quannu Bologna sposa Napule

Bruttu ma nun troppu
chillu era,
ma na voce
accussì argentata e fine
nun l'ho
sintita mai;
'e guaione
a chella voce
li capilli
se strazzavanu,
in visibiliu
ievano
racchie, bone
e gran signore.
A lu strimpellar
e o mandulinu,
ca ricurda
Caruso e Carosone,
seppur cu lu pianuforte;
anco lu core miu
a ciente all'ora
vatteva e vatte ancora.




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo