PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultimatutte

Rosso e blu

E c'è chi
a parole
ne lu paravisu
te porta,
ma basta pocu
e a terra
te votta,
de te se crere
de avette
ne la suva
spuorca manu,
si terra cotta,
plasmabile
como vo issu,
ma ca si sbaglia,
e a l'inferno finisce,
issu,
e tu da goppa
lu guardi
ma nun te cunsola.



Allegria!

Na vorta
e non lontano,
co' par piotte
du' etti de pizza
ar tajo
e na biretta
te compravi;
oggi co' du' euro
nemmen na biretta
te compri;
ma noi romani
rimasti tali
semo,
sti stornelli
cantamo
e co' st'aria bella
de li colli nostri,
la fame e la sete
correno via
e come na vorta
felice semo.



a l'amicu poeta, er commentone

Le cose a cuscì stonno:
o li versi mja so stati
lu stiletto,
che t'ha ferito
l'orgojo ner petto,
oppu pe tua presunzione
si convintu
che pe te, ho scritto
a composizione.

Io te l'ho ja ditto,
che te vojo bene
e te rispetto,
con li commenti tua
me ce diverto,
tu judichi senza dà l'assoluzione,
si come a santa inquisizione.
Ormai cun me
te si sbilanciato,
me sa che de me
te

[continua a leggere...]



Vanità

Vano
a lo cel
la mea voce
arzar,
tanto
audita
nun est.



Roma Maggio 2009

Sabato mattina gran giornata
devo incontrà na comitiva pe famme na magnata.

Gente nova mai vista
ma si, chissene frega, chissene importa.

Ore 13 incontro, presentazioni
tanta bella gente, che occhioni.

Tavola ben bandita
tutta robba saporita.

Trà na pietanza e lartra vinello color porpora
che a tutti i commensali er sorriso risporvera.

L’ambiente se riscalla cominciano a c

[continua a leggere...]

   9 commenti     di: marco zanonzini



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo