PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultimatutte

Spirto indocile

Anco
li occhi mea
seppur stanchi
ancor nun sono,
lo volto de CRisto
in ogni soffrente
visto abe.
Me dole allor
lo spirto
de nun esser vicino
et nulla facer
potea
le pene lor
pracar.



Lode ar Paradosso de Kierkegaard

penzanno a l'Omo e a la Disperazione
e a l'Angoscia a le quali è destinato
ce disse che pe superà sto stato
er Paradosso era la soluzione:

difatti ne la Fede la questione
è ch'Essa è vera propio pe quer dato
che nun è logico ma và trovato
là 'ndove nun c'è stà la comprensione

questo significa ch'er Paradosso
de la Fede è l'essenza e pare chiaro
e su questo io ce cred

[continua a leggere...]



Il peso del mondo sopra (agli assassini di vite innocenti)

In infernal abisso mi osservo
da sopri a montani picchi scruto
mia fatua persona... cadde in scuro.
Fatig'io, collassai, a rialzar corpo,
penombra e lu' covan capo'ce
sfranta in sasso di negra sagome,

Sasso allor' macigno, da pecca dì.
Celeste volta mai più buia sopra
retro spalle mie peso regger devo.
Di mondo grande tener pesante
peso ritto a me perduto in val'
or' oscura gi

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: matteo picuti


Gianna

E quannu
chillu Ruberto nuosto,
chirichioccola eccelsa,
le cuoia levò,
a Giannina sua
lu trunu lassò,
e chesta
cu lu stessu metru
nanzi portò.



Grazia

Sotta a sta fenesta
cu nu mandulinu
e na voce stunata,
na serenata
ma spiccio
a cantà;
ma sta fenesta,
puru roppu
e na sgulata,
nun sa spiccia
ad aprì,
e quannu
cu l'urdemu filo e voce
rico:
Ammore nun me fa cchiù patì
sinnò ma more.
Te vegu affacciata
là goppa
comma na Maronna
ca a grazia
me vo fa.




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo