PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultimatutte

Apocalisse

La sora tera
se scote,
boni
et cattivi,
ricchi
et poveri
ne le viscere sue
trascina,
et lo Apocalisse
a le porte
est,
lassando
lo squallore
de lo appresso
di,
ne lo tacito
mortale
de tutto
quanno
vitale fia.



Lu foju

viancu lu foju
come na vergine novia
c'spetta de concedese
all'amore

attenne lu movimentu
de la manu
che mentre scrive verzi
l'accarezza.

Spetta
a punta de a penna
su a pelle,
spetta che me arrianu
le idee jiuste e velle

pe lassà su de issu
parole accese,
quillu che me detta
l'emuzione.

Ma passa lu tempu
issu resta viancu...

De scrive propriu nun me vene.

Fugghia

[continua a leggere...]



La ricompensa

Un giorno er Re de 'na scacchiera
s'era stufato d'esse "re-legato"
a pezzo de meno importanza
rispetto alla consorte.
Quella, coll'aria de 'na gran signora,
se n'annava in giro pe' tutta la scacchiera,
s'avvicinava ar Re dell'antro tratto,
lo provocava co' le sue moine,
e quello se sentiva soddisfatto
de avè tutte pe' sè le du' Regine...
Così se consultò col consigliere
(

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: elena


Augurio pe' mme'

mò vene Natale,
nun tengo denari...
fummo na' pippa e,
me vaco a cuccà..
quann'è stanotte,
ca sparano e' botte...
me metto o' cazone.
e vaco a vedè!
e buon Natale pur' a te.



La notte de San Lorenzo

Er Celo
ner su' trapuntanto pigiama
de stelle
vestito
già è;
dar Pincio
le coppiette 'nammorate
fissannolo,
de botto
quel'Astri
a flotti
scenne vedean,
e de penserini
segreti e biricchini
in quantità
ne esprimono;
San Lorenzo
lor contenta,
ma pe' li superaudaci
speme nun v'è.




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo