username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesie dialettali

Pagine: 1234... ultimatutte

Roma sparita

Roma,
lo so
che, fra li sette colli
ancora giaci
da gran matrona;
ma guardamose
ne li occhi
e decemose
la verità.
Roma,
ma nun te renni conto
do' si capitata?
Tra politici
che de te
se ne fregheno
e invece der romanesco
se sentono
solo le lingue
de Babilonia.



I denari

Su chesta faccia
de le lacrime
songu scise,
tu cu na carezza
l'hai asciuttate,
e mo ca nun tengu
mancu n'euro,
me sentu nu re
e gran signore,
pecché tengu a te,
che so sti dinari,
quannu tengu a te,
chella carezza
nun ha nu prezzu,
è tutto pe' mme
la vita mia stessa.



Tièmpi malarìtti

'U capii sùbbitu ca dda sìra
ma patri s'arricugghìu ri campagna
cu 'na meccia fòra sièstu.
Trasìu miènzu cà vùcca aperta
e miènzu chê nièriva cauriàti.
S'assittàu e accuminciàu a sfucàrisi:
"Siènti, fìgghiu miu, chi mi capitàu abbèspri.
Vinniru a farimi visita ru' amici,
marìtu e mugghèri, cullèca ri scòla,
co so nicùzzu ri 'na sina r'ànni.
Piàçiri as

[continua a leggere...]



Li parcheggi!

In un paesino piccolo così
con tanti residenti preoccupati
ci sta un parcheggio piccolo così
e due turisti se lo sono accaparrati
e i residenti so belli che fregati..

L'amministrazione allora fa così
i varchi vengono installati
e le telecamere sono già qui
da oggi siamo tutti quanti controllati
anche i piccioni si sentono spiati..

Amore mio non devi stare in pena
Tornerò forse

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: marzia


Crucifixus

I stazione: genàr

ora terza: cros


Parole sotovoze, doi euro 'n de 'l tacuìn.
Col bast da mul, cargà, careze de rosàri
Po' cròdo a svoltolon de sot na bora gréva
che ancor la spenge 'n gió, 'n de 'l tó, bèstia sassìna!
Rasènto le stropaie! Coi còleri, i me vis'cia,
ma 'ncöi vèn nòt bonora, gh'è 'l ciel tut sgionf 'mbombì
de sanch 'mprendù!


II stazione:

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie scritte nei dialetti italiani. Una vasta raccolta di testi in vernacolo