PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Filastrocche carnevale

Pagine: 12345tutte

Filastrocca di carnevale

Maschere e mascheroni
quanti bei cognomi
per la festa di carnevale
a casa dal signor gnomo
nata dal sogno malandrino
di pulcinella ed arlecchino
Maschere zelanti
Maschere ignobili
figlie dell'ignoranza
Maschere allegre
timidi sorrisi
coriandoli e filanti
Maschere belle e brutte
figlie della sorte
d'un canto di marzo
Maschere schernite
ignude e vestite
Maschere d' aprile
Masche

[continua a leggere...]



Viva Viva il Carnevale

Festa musica e colori
scendi giù a festeggiare
dell'inverno siamo fuori
viva viva il carnevale

Ecco il buffo arlecchino
che saltella assai gioviale
lancia dolci da un cestino
viva viva il carnevale.

Quanto è allegro pulcinella
che s'inchina a salutare
della festa lui è la stella
viva viva il carnevale

Quel signor dal gran nasone
che continua a brontolare
certamente è Panta

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Stefano Monti


Congedo

Ma che beffarda sorte è mai codesta
che mi ha fatto raggiunger questo sito
dove l'amor per l'arte ha qui riunito
uomini e donne che han la poesia in testa.
Ho passato la vita a calcolare:
sono un tecnico, sono un ingegnere,
esperto di ingranaggi e cremagliere,
di meccanica sol dovrei parlare.
Sono entrato, e con grande meraviglia
le mie rime hanno avuto del consenso
"lo faranno per p

[continua a leggere...]



CARNEVALE

CARNEVALE

Il carnevale un tempo era sentito
ci si mascherava con un bel vestito
Adesso lo si vive in modo assai incessante
e le maschere sono davvero assai, tante!
Il mondo impazza con le sue sfilate
colpi di mano, furti, omicidi e buffonate.
I coriandoli sono solo un mero ricordo
adesso ti lanciano il fumogeno dal bordo.
Le maschere ormai risultano inusate
visto che tutti quanti le p

[continua a leggere...]



Gelosia carnevalesca

Civettuola
eppur carina,
da lo padrone Pantalone
corteggiata,
gli sfugge di qua,
gli sfugge di là,
niente da fa',
niente da fa',
se lo trova là
e mo qua;
fino a quando
lo suo Arlecchino,
fidanzato
assai geloso,
ne lo scorgere la cosa,
na castagna
a quel cazone
dà,
e in mutante,
a lo balcone
pentolar
lo lascia
senza più onore.




Pagine: 12345tutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie e filastrocche sul carnevale, poesie in rima sulle maschere, filastrocche per bambini sui costumi di carnevale