PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesia libera

Pagine: 1234... ultimatutte

Biblioteca

Cordel da Biblioteca Demonstrativa
Por Gustavo Dourado

Dê um abraço apertado:
Dedique a sua atenção...
Biblioteca Demonstrativa:
Saudade da Conceição...
Biblioteca na alma:
O livro no coração...

Biblioteca Demonstrativa
Uma equipe de primeira...
Compromisso com o livro:
Uma história pioneira...
Merece todo o apoio:
Brava gente brasileira...

Biblioteca interditada:
Cri

[continua a leggere...]



Ricorrenza inevitabile... 31 dicembre 2009

Si chiude un anno che a farne il bilancio,
direi da dimenticare.
La mia mente cerca quel poco di buono che c'è stato...
ma è molto sterile.
Ma come si dice... la speranza è l'ultima a morire,
quindi la mia mente fervida pensa già con positività
al nuovo anno.
Botti... fuochi d'artificio e spumante a fiumi...
tanta gente intorno a me,
ma il mio cuore è sempre solo...
sarà colpa mia

[continua a leggere...]



Il papavero nel linguaggio dei fiori

Chiazze di rosso
fra campi di grano..

ondeggiano papaveri
lunghi esili steli
dondolano corolle
di purpurea seta.

Par sussurrino
al vento
passione ed ardore
invitano gli amanti
ad amarsi finchè c'è tempo,
di non perdere l'occasione.

Ma al cuore, ferito d'amore,
ben altro è il lor significato...

fior della consolazione
il papavero è anche chiamato
per aver alleviato

[continua a leggere...]



Vecchietta sul bus

Il rigetto acre
del decadere debole
nella mia mente
non contamina
il volto suo
diafano di rughe.
Sostenendo le gambe ossute,
si dirige verso il vano
dell'autista.
Il lieto ondular
dei capelli castani
striati d'oro
illumina l'espressione
quieta, fiduciosa
in un domani ridente.


-é questa
la nostra fermata?
La domanda semplice
risuona celando
dietro crepe serene
trascors

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: mario caosi


C'era il suono

C'era il suono di una donna
che scriveva una lettera
l'acuto stridio del pennino sulla carta
quasi un urlo
con giri poi
di impazienti armonie nascoste

poi ci fu la penna biro più morbida
e melanconica

ora i tasti del pc gravi e pensierosi
inseguono un linguaggio meccanico
al confine di coste
e segnate arene

perché comunque la mente
anche la più razionale
è alla ricerca

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie a tema libero, su tutti gli argomenti non compresi nelle altre categorie