username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesia sulla malattia

Pagine: 1234... ultimatutte

IL male della mente

In quale dimensione stai vivendo
donna gentile con quegli occhi tristi
tu che amavi possedere il senso delle cose,
confusa nel tuo mondo ci rattristi
vibrando muta e sola nel silenzio
tra immagini e parole senza senso.

Nel male che ti logora pian piano
e nel lento declinare tuo dei sensi
chissà se pensi ancora
oppure senti e avverti
il filo che ci lega ai

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: Franco Baldini


L'ultimo dialogo di Zelinda con Eliana la sua infermiera

“Vieni, Eliana,
siedi
presso il mio capezzale,
il tuo parere dimmi:
sarà più chiaro domani?
Il tempo... intendo;
egli è cattivo, infiera;
egli impaurisce...
e sembra sera
e sembran le ventuno.

Quante candele occorrono
per un raggio di sole?
Perdonami, Signore
se codesto grigiore
l'anima non sopporta.
Son nata nelle lande
tra le nevi
che sembrano perenni;
forse un giorno ap

[continua a leggere...]



Malattia mentale

Stai esagerando
è evidente
che vuoi distruggere
qualsiasi cosa
che ti ruota intorno
ma questi tuoi malesseri
non condizionano solo te
eppure non lo capisci
cercando di far imbestialire
universi già snervati
nelle nevralgie
ostinate che si mettono
a studiare quale soluzione
trovare per riprendersi
almeno un pò
in questo caos ripetitivo
sotto forma di vero trambusto



Bambino per sempre

Porgi le tue mani,
così piccole, così fragili,
tenere mani che non cresceranno mai,
le allunghi come per dire qualcosa,
perché le tue labbra rosee
non possono pronunciar parola,
i tuoi dolci occhi castani,
fissano immobili il vuoto,
incapaci di vedere
i tuoi sogni avverarsi;
le tue gambe troppo gracili
per reggerti in piedi.
Pieno di speranza
Come chi ti ha messo al mondo
Te ne st

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Rossana Russo


Non ho fiori per Cristo

È fauce spalancata, l’ingresso,
fagocita ingordo e rutta.
Cessano improvvisi odori e pensieri,
rumori e voci, ma non preghiere.
Qui vige incontrastato il silenzio,
interrotto da trilli supplichevoli.
Asepsi assoluta anche nei sorrisi
e stanze disadorne, bianche, uguali;
tutte gemelle contenenti gemelli.
In contatto telepatico tra loro
narrano le proprie sventure:
solo lampi distrat

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Malattia.