username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Poesie dedicate a lavori e mestieri

Pagine: 1234... ultimatutte

Il semaforo di piazza Duomo

L'occhione rosso si specchia nel porfido bagnato di una citta' addormentata, e'notte in quel luogo desolato.
Inutile rosso, in attesa di un verde insperato che si mescola con le frangie dell'insegne, ombre bagnate, gocce asciutte, corti circuiti e minuti persi, pensieri vaghi e lontani amori, tempi ritrovati e semafori dannati che con l'acqua si son bloccati.
Tre i colori illuminano il

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Isaia Kwick


L'uomo d'argilla

Il vecchio stazzone
lo ricordo ancora,
aveva il suo centro
nel pozzetto dell'impastatrice,
dal suo marchingegno
partiva una lunga pertica;
quella la spingeva
un uomo forte.
Per impastare l'argilla
in una vasca scendeva
a gambe nude, mio zio
e mestava la mauta:
lui era un uomo d'argilla!
Le sue gambe sembravano
cilindri di creta
prima lucenti e fresche
piene di vita
infine diventav

[continua a leggere...]



il gioco crudele del non-ritorno(.. a Filippo Raciti)

Tutto è come
quando ero bambino
prestavo i miei soldatini
di piombo
belli
divise impeccabili
non tutti
venivano restituiti.
Si assottigliava
la collezione
ogni giorno
non rispondeva
un soldatino all’appello
non era un “marca visita”
perso sul campo
in una battaglia
chiamata
gioco del calcio.
Mentre le famiglie
si stringono
nel muto dolore
un altro soldatino
in qualche

[continua a leggere...]



La maga

Sedute sugli scalini,
ascoltavamo di nascosto
dietro le imposte accostate,
lei, la sua voce,
la maga
che leggeva le carte
e il futuro, senza luce.
Ricordo i visi tristi
di chi arrivava,
l'odore del caffè che si spandeva,
e chi entrava dentro un sospiro avvolto,
sembrava più felice, quando usciva,
dicevan che il malocchio aveva tolto.
Medium e sensitiva, rubiconda,
sembrava quasi u

[continua a leggere...]



Dramma da artisti

Dentro la tela sta assorto il pittore.
In giro si dice che impressiona
ogni vuoto che trova.
È vecchio e dal polso malfermo
per rincorrere forme e contorni,
sciaguatta il pelo di martora
e ne estrae fantasmi
di colori informi.

Quanto greve languore
si stende dal polso alle dita brillanti
e infanga un bianco purissimo:
ma è esprit de finesse,
dice chi conta.
Dentro i toni sbavati

[continua a leggere...]

   5 commenti     di: Michele Storti



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di opere su lavoro e mestieri