PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie dedicate a lavori e mestieri

Pagine: 1234... ultimatutte

La pensione

Questa sconosciuta...
Mentre guardi con invidia
I colleghi "nonni" che hanno raggiunto
la "finestra"
e che si stanno per lanciare in quel volo
e non capisci il perché di quella malinconia,
frammista a sprazzi di timida gioia,
che sa di lunghe mattinate oziose,
pisolini pomeridiani profumati di caffè,
serate al bar, di corse di scarpe da tennis,
a passeggio sott

[continua a leggere...]



A te che vuoi fare il poeta

"Poeta" ha un contorno confuso:
ti permette di parlare
quando vuoi
e non parlare quando devi.
Ma a te domando:
vuoi fare il poeta
com'è rammentato il falegname
dalla firma che solcò nel legno?
O sentirti
poeta
e scrivere per non leggere
mai più
le tue pagine accarezzate,
e lasciar fredde, a rapprendere
le violentate parole?

Forse non potrai mai farlo o forse
scriverai ruban

[continua a leggere...]

   12 commenti     di: Michele Storti


OPERAI DI FINE OTTOCENTO

Trafitti da un cielo usurpato
procediamo solidali verso un muro invalicabile,
sospinti dalla profondità del diritto di vita
combattiamo col silenzio rumori d’opificio,
trascinati da un astuto movimento
abbandoniamo le nostre violate menti.
Figli affamati, mogli assonnate, piedi astratti,
mani metamorfiche, dirigenti impazziti, padroni bastardi.
Dio del denaro, tiranno

[continua a leggere...]



san valentino e li mestieri

Ce stanno mille modi de ama’
così San Valentino l’aricconta
in tutti li modi ve lo vo’ spiega’
attraverso li mestieri ve lo canta!

Er muratore usa la livella
pe bilancia’ l’amore co’ la noia.
Er coco te riempie le budella
facenno i cori co’ la pasta sfoja.

La maestrina che sa sempre tutto
ama sortanto cor vocabbolario.
Er ladro sa de esse’ ‘n farabbutto
e scri

[continua a leggere...]



Un menestrello infelice

Lo frate Guanti con sor Poletta
se magnavano con gusto la cacchetta
a tavola im-bandita degli storpi
puzzava di lercio ed ello se gonfiava er petto
senza saper che avea l'aria de no poveretto
volava contento in altro lido
faceva er prepotente lo fessacchiotto spazzacamino
ma de stura cessi era armato er topo
avea l'alito cattivo sor poletta
che usava l'augello come stuzzicadenti
adesso

[continua a leggere...]

   9 commenti     di: Tore Martino



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di opere su lavoro e mestieri