PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie dedicate a lavori e mestieri

Pagine: 1234... ultimatutte

Pardo, il calzolaio

Non ho mai capito se era un soprannome
Pardo, il calzolaio del paese
stava seduto sul suo sgabello di legno,
a orario continuato.
Gembiule blu, entrare nella sua bottega
era fare un salto nel passato,
ricordo la foto in bianco e nero
Mussolini, con il braccio alzato.
L'odore forte della colla, di scarpe,
di cuoio, di piedi, le scarpe spaiate,
la confusione, la polvere ed il nero
i lacc

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: laura marchetti


Metamorfosi di un masso di montagna

( I sassaioli di Motta Visconti)


Sfiora l'azzurr'onda del Ticino
con fruscio i bianchi sassi agitan
i sassaioli lunghi forconi svelti
nell'acqua dagli agili fragili barcè
e i levigati ciottoli frammenti
di un informe masso lassù nel fiume
dal monte rotolato rotto poi
spezzato da salti e lavorio delle acque
dopo tempi e stagioni sconosciute
qui trovan fine all'affannosa corsa
ferma

[continua a leggere...]



Il circo

Arrivava il circo
con i suoi pianti,
i suoi sorrisi.
Arrivava una ventata
di libertà,
sogni e stelle volanti.
La carovana piantava
i suoi paletti,
si illudeva di piantar radici
ed io mi illudevo
di volare in quel cielo
fatto di stelle artificiali
e di pagliacci tristi.
Il tempo di un ritmo di tamburo,
al battito del cuore,
una tigre con gli occhi
di un gatto,
un'equilibrista

[continua a leggere...]



Il contadino

Scende la sera.
La campagna si veste di malinconia,
un velo di nebbia
si arrampica
sui piccoli Pero,
dai rami ancora spogli,
scivolando poi,
come sottilissima pioggia,
sui campi appena arati.

Una pallida Luna,
infreddolita,
buca la patina stagnante,
specchiandosi,
nei canali artificiali
di acqua sorgiva,
ai lati del viottolo
di terra e ciottoli.

Stanco,
il passo lento,
il vi

[continua a leggere...]

   10 commenti     di: Ezio Grieco


Il poeta dell'amore

Dove è bellezza
Il poeta è chiamato.
Da dove è amore
Il poeta è tornato,
frastornato,
dell'amare,
e dell'essere amato,
non vede e non sente,
la folla plaudente.
Beato,
il viso sorridente,
lo sguardo chinato,
a non incrociare,
occhi di donna,
passeggia silente.
Nuova felicità
 può aspettare,
Il poeta è stanco.
Ora è tempo di riposare.

   2 commenti     di: Alèd



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di opere su lavoro e mestieri