PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie sulla nostalgia

Pagine: 1234... ultimatutte

Ruvidi strascichi

Ruvidi strascichi tra i teneri ciottoli
narcotici scempi s'inerpicano amari.
Nella coltre bruma, s'inverton i binari,
Scrigni di immagini, cadono a rotoli.

Le marce mentali ricche d'anse e meandri
solcate da correnti di flussi tortuosi
di ricordi sfuggiti che tornan gustosi,
trillan come trombe, alzando gli stendardi.

   5 commenti     di: Gianluca Marian


Il bruco della mela nella testa

assonata leggera stropicciata
ti adagio sul cuscino il mio macigno
rimiralo al tuo risveglio
scrutane le ruvide pareti
odi il suo sottil respiro, è il mio
ha imparato a custodirlo

t'avrei condotto nei miei pensieri

persino la più potente delle forze
si piega e non si spiega
di come tanto gelo possa fare breccia
in sordina, quatto e cheto

scruta il mio macigno
tutto curvo e irre

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: marialuisa


Nella speranza

Fammi respirare la tua memoria
mentre sprazzi di nuvole ombreggiano il cielo
lembi azzurri s'intravedono.

In lontananza alberi accarezzati dal vento
rivivono l'alba di un giorno passato
quando il fuoco dell'estate era tepore sulla pelle.

Gli occhi si colorano d'oro
ripensando a quel sogno
nella speranza di fermare il tempo.



Il lago dei miei caldi ricordi

IL Lago dei miei caldi ricordi
È ormai andato...
finito per sempre,
io che sognavo che non finisse,
l'estate e il tempo soleggiato
e tutte le gioie e il caldo,
che mi procurava ogni raggio di sole.
Ma ora sono in balia di una paura,
come se mi stessi avvolgendo da ombre spinose
delle prime nuvole d'autunno,
il mio antico amante,
amato ed odiato
sento un'acuta sofferenza,
mentre s

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Hamid Misk


San zeno alla zai

... e ti rivedo, o chiesa d'operai
dove trascorsi la mia età più bella
non priva di pericoli e di guai

rivedo fra i tuoi banchi la fanciulla
troppo grande di cui m'innamorai
bambino, e quell'eterogenea folla

che al ritmo della voce mia ancor bianca
pregava a capo chino ed intonava
qualche orazione svelta, o tarda e stanca,
e poi composta e assorta a casa andava

..

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: mauri huis



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Nostalgia.