PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie sull'odio e rabbia

Pagine: 1234... ultimatutte

Fobie Oniriche, Ossessioni di Terra

E tento invano di contare le parole
davanti a significati legati
al filo di un lampione.

Ombre si rincorrono
nell'oscurità del mio orologio,
in cui i secondi segnan
l'arrivo di un nuovo suono.

L'alibi agghiacciante del Pigiama Azzurro
che ovunque poteva esser
tranne che lì, a canticchiar una canzone
nelle acque del Perù.

Giri infiniti su se stessi:
sono già
le Tre.

[continua a leggere...]

   5 commenti     di: Giulia


Dedicato a

Ai politici e ai criminali
che guidano il Mondo
i vostri compromessi hanno ucciso la democrazia

Ai padroni
e alla loro amabile cortesia
siete solo sfruttatori
il profitto è il vostro unico credo

Ai miei coetanei
e ai loro sogni infranti
Seguendo le loro regole
come vivete?

Se la scelta è
essere un soldato o un ladro
come vi sentite?
Dov'è il futuro che meritate?

A tutta

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: Matteo


Nubifragio 1994

Che mari e tempeste
ti lascino allontanare e naufragare in una silenziosa isola,
dove tutto non c'è.
Solo, con la tua peggiore paura, la Solitudine.
E lì, dove tutto è immune al tuo egoismo,
al tuo materialismo,
alla tua superficialità.
alla tua intolleranza,
che tu possa un giorno sprofondare soavemente
nelle mie amate sabbie mobili
e soffocare lentamente senza mai morire.
Vivendo

[continua a leggere...]



Maledictum

Eccomi di nuovo
a scrivere dolore,
a spezzare di chi trovo
il silenzioso cuore.

Con queste mie parole
sarete voi a soffrire:
vi scarico la mole
di ciò c'ho avuto da patire.

Forza, dunque, ascoltate
scappare certo non potete
sedevi e orecchio prestate
e riderò ove al posto mio piangerete:

Non ho mai desiderato
nient'altro che la fine
un nascondiglio disperato
dove poter ma

[continua a leggere...]

   5 commenti     di: Arianna Carbone


Auschwitz

Se avessimo potuto almeno una volta
Alzar la voce
E far sentire al mondo che esistevamo.
Invece i nostri nomi
Sono rimasti incisi
Su di una lastra di rame.
Se avessimo potuto
Coi denti strappare quel filo spinato
E colpire con pallottole di neve
Gelando il cuore del nemico
Che ci teneva prigionieri.
Se avessimo potuto prenderci per mano
E formare una lunga croce

[continua a leggere...]

   6 commenti     di: mario conforti



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Odio.