PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie sull'odio e rabbia

Pagine: 1234... ultima

innamorata, arrabbiata, depressa

*innamorata*
Dimmi perche sto aspettando la chiamata?
perche le nubi muti nuotano da me dalla lontananza
e smarriscano?
Perche l’amore ci ha toccati?
Perche io piango la per prima volta?
Perche ti desidero adesso?
Io non lo so!

*arrabbiata*
Sono una stella, sei una stella.
È stato ordinato di incenerirci.
Qualcuno ci a traditi,
e ha scoperto gli indirizzi dei nostri incontri.

[continua a leggere...]

   12 commenti     di: taisia brovko


E loro ridono

E ti inculchi in te stesso
non riesci a rimembrare
una volta sola
una volta soltanto
in cui l'uomo,
padrone del suo destino
abbia saputo amare
la terra su cui vive
abbia saputo donare
un grazie per la sua esistenza
abbia saputo sprecare
un secondo del suo tempo
ed osservi
i nuovi dei del futuro
che infuriano per padroneggiare l'aria
e come un fiammifero bruci
non potendo che gua

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: Davide Cardani


Odio

Odio questo amarti aspettandoti invano
odio correre incontro alla tua figura immobile
desiderando passi che mai farai verso me.

Stringo in tasca i pugni
e guardo avanti,
noncurante del vento che mi sferza il viso
facendo strada alle mie lacrime.

Odio l'averti aspettato così a lungo,
l'averti cercato e raccontato tutto di me..
odio i chilometri spesi per raggiungerti
le serate passa

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: Rossana Russo


פלשתינה فلسطين Palestina

Mia dolce terra
macchiata di lacrime,
rosse e scarlatte.
Terra dei sogni e
dei padri nostri,
soffri e piangi
per i tuoi figli,
che come Caino e Abele,
morte da fratello,
li uccide.
Dolce fiore bianco,
puro, leggero,
la speranza
di un giorno roseo
si annida tra i tuoi petali,
così sottili e deboli,
sotto la rabbia e la tempesta
di una pioggia di fuoco fosforoso.

   9 commenti     di: Sarah My


Cella 1078

Prigionieri della ragione,
vi osservo disgustata.
Un grigio doppiopetto
stringe la vostra mera esistenza,
sorrido mentre provate a snodare
il cappio che solitari
vi siete legati al collo.
Nessuna salvezza vi attende,
ne ora ne mai
e mentre il tempo corre
le vostre certezze evaporano.
Potete sbottonarvi dei vostri tabù,
ma voi preferite la vostra galera
e cosi sia.

   6 commenti     di: Silvia Pag



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Odio.