PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Nella tua stanza

Fermo restando il clima,
e i pianti di tua madre,
fermo restando le ossessioni patologiche
e il fermento del fuoco,
io devo andarmene di qui.

La corda si attorciglia intorno al collo
e l'asfissia diventa un genere autistico di amore
tutto per te,
regalato dall'indifferenza del cielo.

che piove, che piove!

tra lo spavento del nuovo e
l'inquietudine del presente
un bacio potrebbe fare la differenza

ma tu mi mostri la mano vuota
e non mi dai niente da mangiare di te.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0