PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il popolo d'Italia

Prima gli italiani
non esiste.
Il popolo d'Italia
esiste.
Aborro
l'astratte carte,
la pace a colori
sforna milioni,
girotondo di stelle
casca Italia
e si gira il mondo.
Ricordi
cent'anni fa?
Ancora batte il sole
s'illumina il tricolore,
luce d'Italia:
il sudore sulla fronte
d'un uomo venuto dal fronte.
Cento di questi anni,
un libro ed aperta
è la risposta,
un romanzo spezza tempo.
Ancora batte il sole
sul popolo d'Italia,
entra la luce
da tutte le stanze,
e così la primavera
fa la rivoluzione nera.
Così bianca è la luce.
Fiori di ciliegio
come guerrieri
e pronti alla morte
per le strade per le piazze.
Torna e forte picchia
il tornado.
La rivoluzione è una vertigine,
e noi siamo così in alto
perché siamo il Risorgimento
ancora e per il futuro.
Perché siam figli d'Enea,
latente il Saturno
in grembo per laziali terre.
Ancora noi vogliamo:
suffragio universale
progressiva imposta sopra
il capitale,
e siano nostre le fabbriche d'armi
e d'esplosivi.
Politica estera nazionale
volta a marcare

12

1
1 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • roberto caterina il 06/04/2019 16:39
    Tanti scrivono sull'Italia per concludere grande è l'Italia..

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0