username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Trascinandosi dietro i tuoi occhi e il mio respiro

E intanto il filo che scorre lungo le rastrelliere
s'è fatto quercia e ogni tanto spinge
i rami contro quel che resta della corteccia
e piange miseria al cielo; è presto per dire
che potresti sempre arrampicarti fino al nodo grosso,
come facevi quando il tempo
dei ricordi non era ancora stato smosso
e pendeva da una parte solamente.
C'entrasse la cattiva sorte almeno,
riusciremmo a discuterne stando sdraiati
a guardare piovere sui cassonetti,
senza dare retta alle storture di chi nonostante tutto
continua a lavorare sotto un sole infame.
Dolce ossessione, pardon!, se la capisci,
e non ritiri il pensiero come fanno gli apatici
che si riempiono i piedi di sabbia
e poi si lasciano andare ad ardue ricorse
verso tramonti che non entrano negli obiettivi
delle loro dita divorate dalla foga
di indovinare una password.
Che non è mai una soluzione ai dolori
di mezza estate, ma due minuti e quaranta
in cui il cuore quasi si ferma
e il polso si sente appena. L'apnea
dei poveri sconosciuti che si osservano
da lontano, tra l'acqua che abbozza un risveglio
e una canzone rock che dice e ridice
che non dobbiamo mollare le scarpe
in mezzo ai canaloni di cemento armato.
Semplice, certo, come l'immersione
in un pianeta che non è mai stato il nostro.

Cercami, ché io ti ho già rincorso abbastanza;
e senza un lamento ancora divoro
strade e terrapieni che sanno di sale scontato
e non mi riportano più ai bei tempi
in cui non facevamo che parlare
di quando saremmo diventati eroi
da alzare in processione e mostrare
alla folla assetata di miracoli in piazza.
La melodia o il ritmo? Scegli. Ma che non sia
un Innuendo senza assolo di chitarra.
Io vorrei passare ma non passo:
e allora a che serve saper cantare in falsetto
se poi il finale non è mai una sorpresa?
Lanciarsi insieme a frecce morte
da una torre in rovina, o raccogliere
pezzi di vetro in spiaggia, insieme
a bambini che ti chiedono "come ti chiami?"
Non è così che si salva una vita.

12

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0