username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Giulie

Premetto che non so se questo testo verrà pubblicato e quando
comunque, tornando a noi:

Giulie
sei un folletto.
È buffo che sia l'unica cosa
che mi ricordi
a questo punto.
La mia memoria è
chimicamente alterata
per non ricordarsi
cose come messaggi.
Ti volevo dire
vediamo, mh..
un botto di cose.
La prima è che ti cerco
qua e là
ovunque posso
e a volte, credo, ti trovo.
Non ho la forza di ascoltare
canzoni in sardo
e me ne dispiaccio
ma proprio è un dialetto
che mi rimane qui.
Poi magari, avrei potuto cambiare idea
ma quella di conoscersi
sembra non sia mai stata una possibilità.
L'ambiguità ha fatto da padrona
sempre.
Quanto avrei voluto lasciarti un bel ricordo
ma come facevo? è rimasta solo molta infelicità
e l'ambiguità
ha fatto da padrona, sempre.
E non parliamo del fatto che
ah, sì, sei asociale
ma parecchio..
ma ti si vol bene così.
Un abbraccio,
di quelli che non si concretizzeranno mai.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0