PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie sulla politica

Pagine: 1234... ultimatutte

Pecore

ammassate l'una sull'altra
ad inseguir pensieri altrui
- inerziali archetipi privi di scintille -
oltremodo attente a brucare
il proprio succulento metro quadro

onda lanuginosa
barcollante al moto del pecorone
che insegna l'opportuna assenza di ideali
a tartassati velli
ignoranti di morali

in attesa dello sgozzo
nell'anonimo finale
d'un prelibato scottadito



Programma elettorale sicuramente perdente

Non sono tipo
da passioni durature
né che rimane inerte
ad accettar le sue paure.
Non amo i giochi di parole
le emozioni montate ad arte
o i virtuosismi fini a sé stessi.
Non amo i consessi
(salvo casi particolari
in cui nessuno sia sugli altari)
e sono esigente
e poco paziente
con gli altri e con me stesso:
vivo quindi male
e sclero e stresso.

Ma su di me si può contare
prop

[continua a leggere...]

   6 commenti     di: mauri huis


E ce ne jamme accussì

L'ultimo grido è stato il tuo
povero fante che non conti niente!
La storia dei soprusi
si perde nel tempo
schiacciata nei volti degli uomini,
tutti uguali,
con quella nausea di essere simili,
con quel dolore
che ci differenzia dalle pulci,
dai lievi licaoni,
gli stessi che postano felici
i loro alberi di Natale
che sembrano uno sfottò...
che fanno male...

E ce ne jamme accussì?

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: silvia leuzzi


Ballano e cantano

Ballano le arcate antiche e quelle odierne
i capitelli e i monumenti dentro ai musei
e quelli fuori corrosi e neri
le cattedrali coi propri altari sempre più alti
ed il governo governatore
con i ministri appesi al trono
e ballano... ballano... ballano
e ridono... gridano e tacciono
e mai che piangano.

   2 commenti     di: Maddalena Gatto


Salvador

Il caldo e mille volti
Un grido li univa come foglie
Nel valzer del vento d'autunno.
Lei scriveva lettere dal Cile.
Un giorno, dopo l'amore
Lesse il giornale.
Quel giorno dopo l'amore capì il dolore
D'una generazione a piedi nudi
Sul selciato delle sue incertezze
Cercherà riparo nel caldo giaciglio d'un addio.
Il coraggio di restar immobili, inermi
Capire che non è un gioco l'esser a

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: Salvatore Romeo



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene poesie sulla politica, pensieri e frasi sui ai politici