PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesie su satira e ironia

Pagine: 1234... ultimatutte

Cravatte

... e beviti un bicchiere di Martini
che forse non ci pensi e allora ridi.

Mi chiedo... ma come posso scherzare
sul fatto che gira tutto storto
non ha tatto
è senza sale?

Passo al secondo
col primo ho solo bagnato la gola.

L'irriverente logica perversa mi rapisce
la cosa mi piace
e col pugno colpisce.

Allora avanti un altro
arrivo a tre
non temo piú nessuno
la banca ha rub

[continua a leggere...]

   9 commenti     di: Teresa Tripodi


Presenteassente

Hai rinviato la causa
il respiro ritorna a casa
anche lo sfintere si rinnova
non potevi andare al cesso
avevi l'ansia dentro ar petto

Non riuscivi a starmi lontano
avevi voglia di aprirti l'ano
la tua puzza volevi donarmi
ma donala alla sor pola
che lo vende a destra e manca
ma tutti gli stanno alla larga.

Orsù dunque lascia stare
che nella merda sai navigare
torna in oggi scrivo

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: Tore Martino


La zitella santa

Genuflessa sotto l’altare,
la zitella pregava,
cori di litanie salivano,
e sguardi animali
fissavano i tuoi glutei.
Udii preghiere,
e cori celestiali,
ma i tuoi seni maturi,
facevano sospirare.
C’è chi ti vuole santa
o Ignazia,
mentre dalle mani
cadevano rosari.
Ignazia.

   7 commenti     di: Fabio Mancini


Di nascosto a spiarti dietro lo specchio

Fortunato lo specchio
che ogni dì guarda e riflette
l’immagine del tuo volto perfetto.
Se potessi spiarti dietro lo specchio
ti vedrei con quanta cura ti trucchi
ti spogli e ti rivesti, perché la seduzione
è tra le arti la più maliziosa e fine.
Ora ti vedo che silenziosa avanzi
le tue gambe rubano metri
la fantasia d’avermi ti ha acceso
sì, mi fingerò distratto
ma quan

[continua a leggere...]

   5 commenti     di: Fabio Mancini


Ciao, Papi.

Faccio subito pipì,
se con me stai, o Papi,
e non capisco le ragioni
dell’effetto diuretico che emani.

Tu sai,
che a settantacinque vai,
ma quando un regalo mi fai,
il Cielo raggiungo.

Il venticinque del mese,
la gattina, Agnese,
compie gli anni:
ci verrai pure tu, Papi?

A scuola nove ho preso,
materia: gluteo,
ma curandomi di più,
prenderò un dieci pieno!

Torna

[continua a leggere...]

   10 commenti     di: Fabio Mancini



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

La pagina riporta i titoli delle opere presenti nella categoria Satira e ironia.