username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

Non sol melodia, non solo amor

Ingegnoso e permeabile ordito
dalla cui trama, non sempre a lieto fine sbordano,
creativamente fuorviati, i nodi dei dubbi
di esistenze avvicinate, in un parallelo costretto.

È una sintonia, è una sinfonia, allor passione che ora langue.
Batte all’unisono, vibra come diapason.
Con picchi verticali raggiunge le vertigini celesti,
con sapiente occhio osserva gli sparsi segni.

Or

[continua a leggere...]



Libra

Sospeso tra la forma e la mente
dove nessuno mai era andato
restava in allerta un serpente
verso lo sconosciuto destinato.

La luce dentro il buio fulgeva
ben oltre il velo della ragione
e solcando profondo dipingeva
pareti linde di quella stagione.

Dolcemente nel vuoto scivolava
dove il tutto nasceva dal nulla
e la realtà  il caso abbracciava.

E nel suono come in una culla
si a

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Manuel Iafolla


La lambretta

Avevo una lambretta azzurro cenere
truccata e ridipinta in un blu scuro
e mille e mille sogni in "marte e venere"
nascosti in un cortile dietro un muro.

Volevo a tutti i costi non offendere
e al tempo stesso diventare un duro
così m'industriavo per difendere
l'integrità dell'anima e del muro.

Ma poi che lo dovevo oltrepassare
perchè mi dava limite e tormento
più che potessi, e po

[continua a leggere...]

   11 commenti     di: mauri huis


Del paese mio

Giammai ti rivedrò com'eri allora
giunonica figura, indifferente
allo sferzante gelo di ponente
e al morso dell'estate che accalora

il tuo ricordo è qui, che mi addolora,
saperti ormai cosi poco accogliente
con le tue vie che odorano di niente
il bianco e il nero tingono l'aurora,

l'inedia ha soffocato ogni rumore
resta soltanto il fumo, le macerie
e i postumi del grande baccanale

[continua a leggere...]

   7 commenti     di: augusto picci


Adele

Adele, gelo dentro, volto lieto,
il cui cuore calor s’aspettava
da fuochi affrescati: sempre veto
aveva al piacer ch’ella bramava!

Adele, lacerata nel roseto,
nel quale belle rose sol cercava,
per scherzo del destino sì faceto,
soltanto spine irte ritrovava!

Così come un cane sol percosso,
azzanna chi gli fa una carezza,
oppure gli da acqua o un osso,

anch’ella non credeva

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Fiscanto.



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti