PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

Una bella vacanza a Garda

Il tempo beato passa in un attimo
si scioglie come neve sulla mano
vorremmo goderlo fino all'ultimo
e tentiamo di fermarlo, ma invano.

Hai portato il sorriso chiarissimo
di chi vive sul lago di Lemano
e lo sguardo che sa esser dolcissimo
di chi ha della bontà il talismano.

Sono stati giorni di gioia piena
nella cornice del lago di Garda
tra il verde curato e l'ottima cena.

È sta

[continua a leggere...]



Grigia voraggine.

Grigia voraggine è l'cuore corroso
da Amore ch'è cemento e pietra e duro,
che m'offre da quel ciel di luna scuro
un gran rimorso di vista a ritroso.
Sul ciglio del passato doloroso
volgo la vista, ver quelli che furo
torbidi affanni ch'ancor oggi curo,
che brama di saper mi tien focoso.
Ripenso a quel color sbiadito e stanco
che l'anima di morte mi pittura,
ch'è spina ch

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Flavio Burni


Visioni notturne

Mille violini e la voce mea stonata
ne l'aria se odono, pe' arrivar a te,
co lo vento mescendosi, calore te porta,
e fra tutte le stelle mo spuntate,

si l'unica pe' me veramente amata,
ne la luna vedo lo tu volto suadente,
na conchiglia mi fa sentì la tu' voce pacata,
su la spiaggia poi la lasso cadente.

Visioni doci visioni, in na notte speciale,
ed è tutta mea, me vedon sol, ma n

[continua a leggere...]



La scelta

Quale sventura è la libertà mia.
Se già battuto avessimo il sentiero,
non errerebbe convulso il pensiero,
rimirando all'una e all'altra via.

E se anche della costa mutilati,
co' ogni vento sapremmo navigare
e sempre retto il timone in mare,
sicuri i veleggi in alto spiegati.

Ma qui s'accalcano troppi destini
e più s'increpa lo squarcio alla testa,
mille volti irrompono repentini,

[continua a leggere...]



Maschera pallida e veste di caligine

Chiarore di giorno sollevatore di voci
dalla limpidezza nociva e velenosa,
ammirami come cavaliere del buio,
piegati al mio silenzio e spezza la tua lancia.

Oscurità di notte sollevatrice di echi
dalla naturalezza confortevole e leggera,
ammirami come libero fedele nel tuo regno,
incipriami di nero e abbraccia il mio volere.

Da maschera pallida son ornato all'alba
a fatica trascino

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Davide Ritorto



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti