PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetti

Pagine: 1234... ultima

Trilussa, Giordano Bruno, certi Storici e lo Spirito Moderno

Trì su Giordano Bruno scrisse un giorno
che credeva ner libbero pensiero
ma lo storico dice che n'è vero:
"n'è pe questo che fu che l'abbruciorno

si je fecero fa l'abbacchio ar forno
è perchè era un filosofo severo
e a le sue idee credeva pe davero
fino ar punto de di: "n'è vero un corno!""

ma lo storico a vorte si je pare
te gira la bistecca de cavallo
come fa er co

[continua a leggere...]



Il poeta incompreso

Mi dondolo su quel quarto di luna, e solo non sono,
su ogni stella brilla una sillaba d'oro,
scritta da una penna macchiata di sangue sono,
infinite appaiono, ma ben spartite e perciò non moro;

mi si guarda in sordina e nemmeno un suono
a la tromba emette il trombettiere perché non ha foro,
allora ne lo cielo scuro appare rabbioso un tuono,
mi presenta agli astanti come poeta coronato d

[continua a leggere...]



Quando la vita è vera

Roride di rugiada le parole
che ti escono di bocca mano mano;
profumano di dolce melograno
e s'alzano leggere verso il sole.

Le riconosco vere, non son fole
menzognere che sono nel pantano
del chiacchiericcio sciocco e sempre vano
di chi proprio al suo posto star non vuole.

Nell'umiltà c'è sempre anche fierezza
che si ottenebra quando non è vera;
confonde e grida forte irrequiete

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Verbena


BanaLove

Se d'amor legger volete
non si placherà la sete.
Dell'amor non si può dire
che non ne si voglia udire
Tutti parlano d'amore
come fosse soluzione
ad il male d'ogni giorno
alla cattiveria intorno.
Se d'amore non si muore
non si genera dolore
tutto il giorno e a tutte l'ore
parlami solo d'amore.
Se tu mangi solo amore
il tuo peso è già indolore
con l'amore tutto intorno
mi risve

[continua a leggere...]



Anni verdi

Ricordi, su quel prato pien di fiori,
sotto un limpido ciel di primavera,
come battevan forte i nostri cuori,
mia dolce amica, tenera e sincera?

Ma, dopo il tempo degli intensi ardori,
perché ti dissolvesti come cera
lasciandomi soltanto i tuoi odori?
Io, da quel dì, ti penso mane e sera,

mia cara e, ahimè, perduta giovinezza!
La mente ognor ritorna su quel prato,
ma

[continua a leggere...]

   6 commenti     di: Mario Olimpieri



Pagine: 1234... ultima



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti