PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

Il Kraken

Caccia il veliero la preda preziosa,
con arpioni ed uncini fa incetta di grasso.
Tra gelido ghiaccio purpureo è il tuo ammasso
e corre alla chiglia con fame curiosa.

Lunghissimi abbracci avvolgono in chiosa
chi era predator superbo e smargiasso
e strangoli nei flutti con grande sconquasso:
e chi col Kraken discutere osa?

Scienza o Menzogna, poco mi importa
se fuggi dall'Uomo che a te

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: Luciano cispi


Il vecchio

Quanta dolcezza nello sguardo di quel vecchio.
Quanto amore
Quanto dolore
Quanta gioia ha vissuto.
Oggi è solo e percorre traballante
Gli ultimi passi di una vita che gli sfugge.
Passa quasi non visto
E pur capisce l’indifferenza giovanile.
Passa silenzioso e con timido piglio
Non deve disturbare
Non deve ingombrare.
Con passo incerto, ma determinato
Va come sapesse dove…….
La v

[continua a leggere...]



Pino e Pina

Ora che sento questo suono,
come prima, me sento tutto solo,
ma 'na silhouette vedo in un tuono,
e penso al nostro tette a tette là al molo;

amore, tu impazzire mi fai e lo sai,
nascondi il tuo tesoro al fiuto mio canino,
e seppur co' n'osso duro, tu non lo dai,
e poi ti rigiri, quando ormai è già piccino.

E vola cinguettando piano il canarino,
più rosso che giallo da l'affare,

[continua a leggere...]



Precario

Che t'importa del gelo dell'inverno
se non avrai quel pasto sopraffino
va bene un quotidiano e un po di vino
per restituirti il caldo dell'inferno

con la carta sociale del governo
potrai pagarti un posto con cuscino
su una panchina al pubblico giardino
arredamento in stile ultramoderno

dovrai invocarti forse a un altro santo
che sia possibilmente un po più accorto
per insegnarti

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: augusto picci


Indifesi

Il mio cervello da tempo adeguato
a vuote pupille senza contorno,
frasi confuse e senza ritorno
vede con occhio diverso, mutato.

Illusioni nei vani risonanti!
Con le tue dita le pareti scruti
nelle tue mani giocattoli muti;
d'amor la lingua usan l'aiutanti.

Io pensavo che fossero pregiate
ma nessuno si è fermato a guardare
smorfie, voci rimbombanti nei vani,

indifesi, nudi e senz

[continua a leggere...]

   5 commenti     di: Vilma



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti