PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

C'è sempre un TU

C'è sempre un TU tra i fiori del giardino,
corolle or rosa, or bianche, ora gialle;
occhi di cielo guardan le mie spalle
non le colgo, mi giro e non m'inchino.

Nel volto tuo lo sguardo di bambino
che corre per riprender le farfalle;
calpesti l'erba e giungi in quella valle
dove il sole ti guarda da vicino.

E tu smarrito perdi il tuo sentiero,
speravi ti portasse alla letizia,
or

[continua a leggere...]

   6 commenti     di: Verbena


In convento

Lu errante munaciellu de lo obolo
in cerca jeva senza voler dolo,
e quando lo saccotto pleno avea
retorno a lu cunventu ben facea.

A accoglierlo lu prior era solo
poiché tutti li antri stavano a molo,
ma anco a li stiissi tutt'uorno parea
che ogni cosa barcollando cadea.

E como mo alta mo bassa marea,
per poter sbirciare ne lo saccotto
se aspettava che la sbronza cedea.

A no ce

[continua a leggere...]



Un gioco

Ricordo l'intrecciarsi di tue dita
con le mie, sol per gioco, quando al fiume
l'infanzia esploravamo. Il mal di vita
scrutava inerte da remote brume.

Rimane adesso terra inaridita
dove sepolta giace gioia implume.
Quando allo specchio, stanca e impallidita,
ti scruti prìa del sonno v'è un barlume

di quel mio volto? So ch'è buffa cosa:
ad altri il tuo bel guardo di zaffiro
avrà

[continua a leggere...]

   5 commenti     di: Alessandro


Er filosofo Bernardino Telesio e la cardaja

Disse: - sur tema de la Conoscenza
tocca dà retta a li sensi e poi è ar dunque
scopri ch'er Callo e er Freddo sò la benza
de la Materia tutta ch'è dovunque

sti tre Princìpi a base de la scienza
te fanno la Sostanza de chiunque -
Mò a casa la cardaja ch'è na lenza
s'è letta nun sò quanno sto perdunque..

e jeri mentre stavo a fa na doccia
me s'è ita a spégne propio ner

[continua a leggere...]



Pensiero barocco

Dal tuo pensier sospeso manda Amore
veloci sguardi dove il Mondo sente
novello ardore e lieta e forte mente
che consigliò pur già vecchio dolore

Come il passato brividi dà al core
e di trovar astuzie gli consente
nel mentre pensa sol oggi l'assente
che bello e vago pare e non orrore

Così la fede l'amicizia pegno
chiedono al Re del Mondo, l'Universo
di non voler svelare propri

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti