PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

L'occhio depalpebrato di un lampione

L'occhio depalpebrato di un lampione
che a notte al canto d'un crocevia stando
vegliava pigramente ruminando
un flusso di elettron dopo elettrone,

vide ad un tratto un gruppo di persone
che forte si animavano parlando.
Ei non aveva orecchie e interpretando
le labbra fù che intese la questione.

Uno gridò: "occorre il nucleare,
sol questo è in grado di produr corrente
in quantit

[continua a leggere...]



Realeza

Por que em tudo quanto vejo cuido vê-la?
Por que não fico um segundo desta vida
sem pensar na minha amada e esquecê-la,
se é uma jóia que pra mim está perdida?

A cada fim-de-semana tão sofrido
me transformo nas flores que lhe oferto,
mágica forma que creio ter aprendido
para vê-la, pra senti-la, pra estar perto...

Abdico hoje da tristeza,
do sofrer e da amargura abdico,
qu

[continua a leggere...]



Sui monti

Palpiti azzurri di piccole farfalle,
da fiore a fiore volano leggere,
sugli anemoni, crochi e nigritelle
danno gentili il nettare da bere.

Tra gli anfratti rocciosi alpine stelle,
sono stille d'argento, gioie da godere:
vellutate, tra tutti le più belle
nell'ampio panorama a belvedere.

Respiri d'aria fina di montagna,
l'occhio si perde sui crinali bianchi;
assoluto silenzio ci accom

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Verbena


Una dieta ortolana

Noi tutti siamo in mano ad un Governo,
che a regalare è sempre poco incline
e delle tasse invece fa il suo perno:
fa mangiare insalata e poi zucchine

e le verdure pure nell'inverno,
che per noi poveri non han mai fine;
ci fa imprecar più volte il Padreterno
perché preferiremmo le fettine.

Solo gli ortaggi vedono i fornelli:
piselli, broccoli e q

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Mario Olimpieri


Tesoro nascosto

Lo capitan s'appresta
l'ancora ad abbordar,
e a bordo d'osservanza resta,
e a niuno importanza dar;

l'equipaggio in fretta va
e a volo la nave lascia,
seppur qualcosa ne la stiva
dimenticato han, seppur floscia;

affondata e senza spere,
quel qualcosa fore vene,
de brillanti a più carati,

a lo sole luccicano ancora,
seppur co' la melma intorno,
piena n'è n'antica anfora.




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti