username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

Gli occhi della coscienza

Pur a tastoni, me menai li stesso pe' li antri scuri,
no lumino qua e là squarci de luce dando, m'accorava,
quanno a la fin trovai me stesso, nun furen po' colpi duri,
no sognatore ne la su argentea chioma, e le rughe nun scovava;

anzi un tono serio, su quel volto quasi stanco dava,
e da li occhi cangianti, for venian pensieri puri,
pochi son li amici che lo seguon, e a questo importanza

[continua a leggere...]



Lolita

Come incanta la voce della donna
che di notte dopo l'ora di cena
vestita solo di una minigonna
lascia capir la sua proposta oscena

di giovane fanciulla ancora incerta
da troppa voglia di denaro spinta
della vita sei tu già tanto esperta
dell'amore sei esercente convinta.

Sai bene cosa vuoi aver dal mondo
bella vita, molti agi e poi ricchezza
ma fermati a pensar per un seco

[continua a leggere...]



1° gennaio 2004

È stato l'anno dei viaggi lontani
dei più grandi e straordinari progressi
ma anche l'anno dei casi più strani
con dolorosi e inattesi regressi.

È stato un anno di sforzi immani
con risultati che lascian perplessi
e noi sapremo soltanto domani
se l'abbiam fatto per altri o noi stessi.

Tu penserai che io sia pessimista
o che non riesca a vedere lontano.
Non è così, non mi trema l

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: mauri huis


Io di parole sono a dieta stretta

Io di parole sono a dieta stretta
Sillabe poche, verbi non conditi
Un'insalata di tempi ritriti
E per dessert sospir di paroletta

Taccio di giorno pria ch'io ben connetta
Un sì un no di notte dal sen fuggiti
Sanno tener a bada gli occhi arditi
Di due padroni e pia donzelletta

Ma cerco quella più dolce parola
Ch'al Vostro cor esprima meraviglia
A mente mia legando il tempo anda

[continua a leggere...]



A la tristezza

Amarmi, t'alletta poi quanto?
In che t'entro il dì, seducente,
io che saccciar, tento, aspramente
te, dal cor mio strutto sì tanto?

D'un viver, che sento cotanto
urtato, da amor tuo cocente
non è nocuo l'esser nocente
che romper in stabile pianto.

Tu rea, ed importuna, ancor resti
nel tetro umor, me non avvezzo.
Or via, perchè non mi detesti?

E torna... l'allegro, nei mesti

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti