PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

Pierino

Promesso ha de esse bon Pierino
e nun fa li botti co' li mortaretti
sotto er culo de sor Luigino,
mentre fra le nuvolette sogna li regaletti.

Ma peste essendo sto Pierino,
spara tutti li mortaretti,
mandando in bestia er sor Luigino,
se la squaglia a razzo su li attigui tetti.

E così Babbo Natale, ne la calzetta a puà rossa
ce mette co' piacere sol nero carbone,
e Pierino senza pia

[continua a leggere...]



La privatizzazione

Per imbrigliar natura sua precaria
vollero infin privatizzare: il "caso"
per, in bottiglia, venderlo all'occaso
a chi ne urgesse. Come merce varia.

In tal visione rivoluzionaria
mi fu installato un contatore al naso
per misurar del polmonare invaso
il flusso in cubi e la capienza d'aria.

In questo modo il prossimo ventuno
pagata la bolletta assicurato
un altro mese avrò d'aria

[continua a leggere...]



Er pomodoro

l'innocenza de un bimbo su la strada
te fa penzà ch'er più grosso rimpianto
è che un giorno così come d'incanto
sarà grande e dovrai tenello a bada

sembra d'èsse un amico che t'aggrada
te stà vicino e mò te ne fai vanto
ma a l occasione domani stò santo
te mette er grugno e sfodera la spada

e che voi fa? beh, er monno è questo e basta.
L'ommini cianno ner drento de l

[continua a leggere...]



Nel dì del compleanno di Giuseppe

Quale la tua genìa che scese il monte
per fare di Partenope suo nido
tu scendi l’aere fino all’orizzonte
della vision pacata, in cui confido

anch’io in quei momenti di bisogno
di solida certezza, e se ragione
non mi acquieta il turbolento sogno.
Così, Giuseppe, tu mi sei di sprone

come in passato, all’ordine puntuale
di cui sei costruttore delicato
e a coltivare il genio na

[continua a leggere...]

   5 commenti     di: Nicola Saracino


Lontan 'ove pare limpido il mar

Lontan 'ove pare limpido il mar
le acque stabili cedon la pelle
dinnanzi al manto spoglio di stelle
solo per poter la Quiete amar.

Teme di pianger al solo ascoltar
nate or' le nere piante gemelle,
ogni fiore al vento è ribelle
cosicché Calma prese a lacrimar.

Immobile luogo col batticuore,
ma la luce che niente ha veduto
come sempre sorgerà per il fiore

Il nero adagio sarà

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Giulia



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti