PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

Grigia voraggine.

Grigia voraggine è l'cuore corroso
da Amore ch'è cemento e pietra e duro,
che m'offre da quel ciel di luna scuro
un gran rimorso di vista a ritroso.
Sul ciglio del passato doloroso
volgo la vista, ver quelli che furo
torbidi affanni ch'ancor oggi curo,
che brama di saper mi tien focoso.
Ripenso a quel color sbiadito e stanco
che l'anima di morte mi pittura,
ch'è spina ch

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Flavio Burni


Pino e Pina

Ora che sento questo suono,
come prima, me sento tutto solo,
ma 'na silhouette vedo in un tuono,
e penso al nostro tette a tette là al molo;

amore, tu impazzire mi fai e lo sai,
nascondi il tuo tesoro al fiuto mio canino,
e seppur co' n'osso duro, tu non lo dai,
e poi ti rigiri, quando ormai è già piccino.

E vola cinguettando piano il canarino,
più rosso che giallo da l'affare,

[continua a leggere...]



Mimesis

Corre d'attesa, voglia di paura
un ticchettio tremante risuona
nel rimbombante rumor di creature.
... Buio sta zitto col cuor scalpitante.

Piccolo augell in timore si lancia
mente se cade sù non tornerà,
m'al primo bacio rossastra è la guancia
più forte sul palco ritornerà.

Anime attendono quella finzione
tanto reale nell'essere suo,
vieta l'oscura cagion la reazione.

So

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: Andrea Palestra


Il mio teatro

Una scena di vita recitata,
e se l'attore è bravo, coinvolgente;
ti avvince, ti fa ridere e con niente,
ti sconvolge e ti senti conquistata.

La scena dall'autore è illuminata:
mette in luce l'aspetto irriverente
di coloro che in modo sconveniente,
saccenti, han fatto l'ultima bravata.

E la platea applaude soddisfatta;
come se fosse fatta già giustizia,
in verità è soltanto cosa

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Verbena


Al pascolo

Senza fiato trovommi al pié del monte
quando me parve de veder n'angiolo
che fra me e lo cielo pose no ponte
ma fra le mani avevo sol no pollo;

comunque la vision trovò la fonte
ne lo Pietro co le chiavi e me solo
il tutto bruscamente andò a monte
lasciandomi l'amaro de lo dolo;

il belare de la bella pecora
del tutto svegliandomi seppi de esse
uno vecchio e buono pastore ancora

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti