PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Sonetti

Pagine: 1234... ultimatutte

Non sol melodia, non solo amor

Ingegnoso e permeabile ordito
dalla cui trama, non sempre a lieto fine sbordano,
creativamente fuorviati, i nodi dei dubbi
di esistenze avvicinate, in un parallelo costretto.

È una sintonia, è una sinfonia, allor passione che ora langue.
Batte all’unisono, vibra come diapason.
Con picchi verticali raggiunge le vertigini celesti,
con sapiente occhio osserva gli sparsi segni.

Or

[continua a leggere...]



Sonetto triste

Sotto Natale mi prende tristezza
che non possan tutti esssere felici
poichè lor vita manca di agiatezza
dovendo fare salti e sacrifici.

Il tempo sfugge e sfugge giovinezza
quando si aveva lavoro ed amici:
tutto pareva lieto e l'incertezza
non disturbava gli animi felici.

Ma ti ritrovi oggi a stender mano
perchè la tua pensione è troppo poca.
La tua infelicità non fa baccano,

s

[continua a leggere...]

   4 commenti     di: marinella addis


Precario

Che t'importa del gelo dell'inverno
se non avrai quel pasto sopraffino
va bene un quotidiano e un po di vino
per restituirti il caldo dell'inferno

con la carta sociale del governo
potrai pagarti un posto con cuscino
su una panchina al pubblico giardino
arredamento in stile ultramoderno

dovrai invocarti forse a un altro santo
che sia possibilmente un po più accorto
per insegnarti

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: augusto picci


A tempo perso

Ancora scrivo e, a guisa di pedone,
fuggo dalla scacchiera allo scrittoio;
ma forse anch'esso è gelida prigione.
Siamo carogne avvezze all'avvoltoio,

mute comparse sull'immensa scena
vociante, quel trambusto che dilaga.
Pur te ignorando, in silenziosa arena
si getta ancor l'essenza mia, non paga

di nuovi affanni e polverosi intenti.
Così prosegue, amor mio, la battaglia
di chi segu

[continua a leggere...]

   13 commenti     di: Alessandro


Realeza

Por que em tudo quanto vejo cuido vê-la?
Por que não fico um segundo desta vida
sem pensar na minha amada e esquecê-la,
se é uma jóia que pra mim está perdida?

A cada fim-de-semana tão sofrido
me transformo nas flores que lhe oferto,
mágica forma que creio ter aprendido
para vê-la, pra senti-la, pra estar perto...

Abdico hoje da tristeza,
do sofrer e da amargura abdico,
qu

[continua a leggere...]




Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene una raccolta di sonetti