PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Racconti di Oscar Wilde

Ti piace Oscar Wilde?  


da "De Profundis"

Mi biasimo senza riserve per la mia debolezza. Si è trattato puramente di debolezza.
Mezz'ora con l'Arte è sempre stata per me più di un'ora con te. In nessun periodo della mia vita, proprio nulla, se paragonato all'Arte, è stato per me della benchè minima importanza.
Ma nel caso dell'artista la debolezza non è minore di un crimine, quando si tratta di una debolezza che paralizza l'immaginazione.

   9 commenti     di: Oscar Wilde


L'usignolo e la rosa

- Ha detto che ballerà con me se le porterò delle rose rosse - si lamentava il giovane Studente - ma in tutto il mio giardino non c'è una sola rosa rossa.
Dal suo nido nella quercia lo ascoltò l'Usignolo, e guardò attraverso le foglie, e si meravigliò:
- Non ho una rosa rossa in tutto il mio giardino! - si lamentava lo Studente, e i suoi begli occhi erano pieni di lacrime.
- Ah, da qual sciocchezze dipende la felicità! Ho letto gli scritti di tutti i sapienti, conosco tutti i segreti della filosofia, ciononostante la mancanza di una rosa rossa sconvolge la mia vita!
- Ecco finalmente un vero innamorato - disse l'Usignolo. - Notte dopo notte ho cantato di lui, nonostante non lo conoscessi: notte dopo notte ho favoleggiato la sua storia alle stelle, e ora lo vedo. I suoi capelli sono scuri come i boccoli del giacinto, e le sue labbra sono rosse come la rosa del suo desiderio; la sofferenza ha reso il suo volto simile a pallido avorio e il dolore gli ha impresso il suo sigillo sulla fronte.
- Il Principe da un ballo domani sera - sibilava il giovane Studente - e la mia amata vi andrà. Se le porterò una rosa rossa ballerà con me fino all'alba. Se le porterò una rosa rossa la terrò fra le mie braccia ed ella piegherà il capo sulla mia spalla, e la mia mano stringerà la sua. Ma non c'è una rosa rossa in tutto il mio giardino, e così io siederò solo, ed ella passerà dinnanzi a me senza fermarsi. Non avrà nessuna cura di me. E il mio cuore si farà a pezzi.
- Ecco certamente un vero innamorato - disse l'Usignolo. - Ciò che io canto, egli lo patisce, ciò che per me è gioia, per lui è pena. Davvero l'Amore è una cosa straordinaria. È più prezioso degli smeraldi e degli splendidi opali. Perle e granati non possono comperarlo, e non è in vendita sulla piazza del mercato. Non possono comprarlo i mercanti, né pesarlo le bilance dell'oro.
- I musicanti siederanno nella galleria - proferiva il giovane Studente - e suoneranno i loro strumenti, e l

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Oscar Wilde


Il gigante egoista

Tutti, i giorni, finita la scuola, i bambini andavano a giocare nel giardino del gigante.
Era un giardino grande e bello coperto di tenera erbetta verde. Qua e là sulla erbetta, spiccavano fiori simile a stelle; in primavera i dodici peschi si ricoprivano di fiori rosa perlacei e, in autunno, davano i frutti. Gli uccelli si posavano sugli alberi e cantavano con
tanta dolcezza che i bambini sospendevano i loro giochi per ascoltarli.
-Quanto siamo felici qui!- si dicevano.
Un giorno il gigante ritornò. Era stato a far visita al suo amico, il mago di Cornovaglia, e la sua visita era durata sette anni.
Alla fine del settimo anno, aveva esaurito quanto doveva dire perché la sua conversazione era assai limitata, e decise di far ritorno al castello. Al suo arrivo vide i bambini che giocavano nel giardino.
-Che fate voi qui?- esclamò con voce berbera, e i bambini scapparono.
-Il mio giardino è solo mio! -disse il gigante- lo sappiano tutti: nessuno, all'infuori di me, può giocare qui dentro. Costruì un alto muro tutto intorno e vi affisse un avviso:
GLI INTRUSI SARANNO PUNITI
Era una gigante molto egoista.
I poveri bambini non sapevano più dove giocare. Cercarono di giocare sulla strada, ma la strada era polverosa e piena di sassi, e non piaceva a nessuno. Finita la scuola
giravano attorno all'alto muro e parlavano del bel giardino.
-Com'eravamo felici!- dicevano tra di loro.
Poi venne la primavera, e dovunque, nella campagna, v'erano fiori e uccellini.
Soltanto nel giardino del gigante regnava ancora l'inverno.
Gli uccellini non si curavano di cantare perché non c'erano bambini e gli alberi dimentica- rono di fiorire.
Una volta un fiore mise la testina fuori dall'erba, ma alla vista dell'avviso provò tanta pietà per i bambini che si ritrasse e si riaddormentò. Solo la neve e il ghiaccio erano soddisfatti.
-La primavera ha dimenticato questo giardino -esclamarono- perciò noi abiteremo qui tutto l'anno.
La neve copriva l'erba con il suo grande

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Oscar Wilde




Racconti Oscar Wilde (1854 - 1900) è stato un poeta, scrittore e drammaturgo irlandese. Oltre che per la straordinaria produzione letteraria, Oscar Wilde si è distinto per il suo stile di vita impudente, provocatore e contrario alle regole del tempo.
Amava ed utilizzava la scrittura aforistica con l'espressione dei paradossi; molti sono infatti gli aforismi di Oscar Wilde che vengono citati ancora oggi.
Fra le principali raccolti di poesie e di prosa di Oscar Wilde si ricordano ad esempio De Profundis, Il ritratto di Dorian Gray e L'importanza di chiamarsi Ernesto.

Potrebbero interessarti anche