PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Racconti dialettali

Pagine: 123tutte

Carmela

Bella la vite stasera como cela sta sfera
cu stu chiaro ti Luna
mo si osa Carmela
e nci conta sti giurne
tutte sti giurne ca spera
ca sta vita mo è nera
ma cu stu' russo si avvera

ci stu munno è nero non centra stasera
lu culure ti rosa cussi pare na sposa
lu culure ti verde ca mpota niente si perde


bella la vite como spicca sta' luna stasera
è carmela la vite como è nera eppuro è culurata
la vence la sciurnata


bella la vite como brilla ta luntano sta stella
ma po ci s'avvicina diventa ancora qiu' bella
è carmela ca ci lacchie ti sera ti confonde la luna

   2 commenti     di: ciro


A mia madre

Mia cara mammà,
te schivo sta littera,
te schifo, o te scribo,
inzomma vegno co chesta mia a dirti,
ca ma truvu buonu in salute,
in quantu a suordi, no; nun hai capitu,
I nun songu suordu, inzomma dinari,
nun ne tengu mancu unu.
E tu me rici che songu i danari, senza issi, nun m'accattu mancu na caramella.
E stongu ca, luntanu a vuje, senza arte ne parte e co e lacreme dinte l'uocchie, e vene Pasca, o Pasqua che sia e a Cuncittina mia nun aggiù mancu la camisella ca la prumuttitti, si avissi la pistola mi sparassi. Nu piezzu e panu, nu tarullu e nu bichieru e vinu miezzu a vuje e songu gran Signore. Mentre mia cara mammà, aggiu persu a vuje, l'onore e a Patria, nun songu mancu scrivere ma sentu Napule, te e tuti quanti vuje dintu a stu core che stranieru è divenuto e chiagne chiagne e sogna u cielu azzurru goppa o Vesuviu e nun s'azzittisce.



Eson'nata nim'Mugello ovvia

Sita (corriera che da Borgo San Lorenzo va a Firenze) O' sora Luigina oggi esono ih'morti, ormai glie' disciassett'anni che im'ih poero marito glie' morto, puerin d'Iddio, ma quella seggiola quando apparecchio glie' sempre vota, eh mi manca sempre, si e' vero ci si rassegna ma quella seggiola vota... Mi manca sempre im'mi poero Santi, vo hai c' cemitero di Soffiano sai! quello della Misericordia, glie' tanto bello, che pace, Oddio esto novo, si diho ip'prete novo che hanno mandaho non mi sconfinfera tanto, ma insomma gli portero' questi fiorellini haim'mio Santi.

   2 commenti     di: Isaia Kwick


Ovidio

La galassia di Sfinger era sotto attacco, i protostirioni della galassia Jughut avevano sfondato le barriere magnetogassiche, Sharap il silenzioso re del sistema stellare delle galassie riunite, una cooperativa galattica dedita al controllo dei dati sub-galassiali aveva inviato i medesimi ai Motrosteroidi di Haganet, l'impatto con i protostirioni era imminente.
«BAMMMMMMMM! »
O'grullo svegliati ett'hai dan'dare a scuola.
«Oh'mamma non mi dare quei ceffoni di prima mattina e'tu mi rimbischerisci tutto»
Ovidio diceva sempre che voleva fare lo scienziato, gli garbava il cielo, le stelle, l'universo, aveva tutti i libri e tutte le interviste fatte a Margherita Hacker, un poco ci assomigliava pure.

   0 commenti     di: Isaia Kwick


Trasteverino verace

Quant'è deprimente Roma... quanno uno soffre pe' amore e 'n più se deve sorbì sti tramonti colorati e ruffiani, sto ponentino che spira così languido che pe' conquistà na pischella nun devi nemmeno aprì bocca... è lei che te casca ai piedi! Funziona co' tutte... tranne che co' lei.
Ma sì, lei, l'amore mio, quella pe' cui potrei fa' pazzie!... Perchè io so' 'n tipo focoso sa'? Quanno me metto 'n testa 'na cosa... Me capite no? Pe' 'l momento 'n testa c'ho solo... 'n so manco come se chiama.
Come dite? Chi so' io? Nun ve l'ho detto? 'Nnanzi tutto so' romano, anzi, peggio, trasteverino, se non de sette generazioni almeno de tre o quattro e poi, ahimè, 'n innamorato sfigato. Da quanno l'ho vista pe' la prima volta... che ve devo di', nun so' stato più io.
Pure l'amici hanno notato che so' cambiato, prima ero l'allegrone della compagnia, mo' Romoletto dice che nun ne po' più de sentimme sempre sospirà e Nando che co' me nun se ride più, che c'ho sempre er muso. Te credo! Quella manco sa che esisto! È una dei quartieri arti, io 'nvece so' 'n vagabbondo... Mi' madre m'ha accannato ch'ero 'n pupo e mi' padre... me sa che nemmanco mamma sapeva chi era...
Ma mica me sto a lamentà eh? So' sempre stato felice, ho fatto quello che me pareva e ho conosciuto la vita mejo de quei rimbambiti dell'amici mia che 'n se moveno mai. Ce credereste che Romoletto nun è mai entrato nel Colosseo? Io 'nvece modestamente li monumenti me li so' fatti tutti, armeno quelli do' se po' annà senza pagà dazio.
Chiedete si lavoro? E che bisogno c'avrei? Uno come me 'n pezzo de pane lo trova senza lavorà. Er segreto è annà a bussà dai più sensibili. Po' capità che quarcuno te cacci 'n malo modo, ma de anime pietose ce n'è tante.
E poi li regazzini! Pe' me vanno pazzi, li faccio divertì... a loro nun je 'mporta che nun c'ho proprio un bell'aspetto. Sì, perchè io lo riconosco: so' uno de quei tipi... come di

[continua a leggere...]



Le ferie

Diciamolo francamente una volta per tutte; il livornese per le ferie non ama viaggiare: badate bene, non che non faccia le ferie, anzi, ma, normalmente, passa le ferie a Livorno.
Del resto un po' di ragione ce l'ha:
" Cosa ci 'ombina d'andà a giro peril mondo quando tutti velli che vengano a Livorno 'un se ne vanno più ! Il mare è stupendo, il mangiare bonò, la gente sempatia e poi l'ambiente... ! Belle piazze, strade esagerate pè nun parlà der Viale Italia, mia come a Lucca che 'un ti ci rigiri o a Firenze che è tutto vecchio! "
Comunque, come in tutte le buone regole, esistono rare eccezioni e sono proprio queste che comprendono i livornesi che per fare le ferie si spostano, magari a malincuore, da Livorno.
Ora il livornese che fa le ferie fuori città, pur singolare, sempre livornese rimane e, solitamente, sceglie località un po' particolari e, diciamo così anche molto diverse; o Piandinovello, o Sharm El Sheik; non ci sono vie di mezzo.
Il feriaiolo più attempato andrà sicuramente a Piandinovello in una pensione tranquilla da dove poter effettuare passeggiate tranquille per farsi venire tranquillamente un po' d'appetito.
Normalmente in quelle pensioni le porzioni che servono ai pasti sono molto abbondanti ma, per il livornese, questo non è un difetto ma, al contrario, un gran pregio.
Di solito al momento dell'apertura della sala da pranzo alle dodici e quarantaquattro, i livornesi occupano la pole position e cioè le posizioni subito a ridosso della porta della sala da pranzo in maniera da arrivare per primi al tavolo degli antipasti e insalate lasciati uso self-service.
" Boia deh! Che po, po' di piattata di robba hai preso. Vacci piano che senno dopo 'un mangi! " Dirà la moglie con il piatto strapieno guardando quello del marito.
" 'Un ti preoccupà che ner piatto 'un ci lascio nulla! " Dirà il marito avviandosi al tavolo con l'ultimo crostino in bocca perché nel piatto non c'entrava altro e l'altra mano gli serve per fendere controc

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: Marcello Piquè


Canti migranti

Giunse un torpedone sgangherato che fermò rumorosamente fischiando, come fosse una nave. Nel silenzio del porto il rumore riverberò fin sul mare piatto e chiotto di mistero. Ne discesero un numeroso gruppo di straccioni (così parvero ai pochi presenti), che estrassero dalle fiancate i bagagli. Finita l’operazione la corriera si allontanò e l’ammasso grigio di anime ristette in attesa muta e assorta.
Non passarono due minuti che un altro torpedone scaricò una varietà di grigio più scura ancora, una macchia da potersi definire nera. Questi altri senz’altro più rumorosi, comunque contenuti. Terminata l’attività di scarico, anch’essi sostarono in silenzio.
I rumori stridenti e frammentari del porto echeggiavano come discosti, remoti, con rifrazioni che andavano a frangersi sull’orizzonte minaccioso di nubi e rari guizzi di luci palesanti l’alba.
I due gruppi di migranti si fronteggiavano senza interesse, scrutandosi indolenti e sonnacchiosi in attesa degli imbarchi. Qualcuno sedette sulle valigie, altri iniziarono a conversare e i bambini giocarono a rincorrersi inseguiti dagli sguardi attenti e indulgenti degli adulti. Poche le parole, solo il tacere dell’attesa.
Come per magia dal primo gruppo si levò un canto incomprensibile agli altri. Cominciò un uomo alto che, alzando una mano, invitò i suoi conterranei a seguirlo. Parole lente, dal vago significato di preghiera, parole che non ebbero bisogno di traduzione tanto erano intuibili:
“Se tu vens cà sù ta' cretis,
là che lôr mi àn soterât,
al è un splàz plen di stelutis:
dal miò sanc 'l è stât bagnât…”
Cantarono composti e fermi con gli occhi bassi che rialzarono solo alla fine incontrando gli sguardi sorridenti degli altri.
Breve fu il silenzio, finché un altro canto si levò dal secondo gruppo, e anche questo parve a tutti una preghiera, forse ancora più intensa della prima, forse triste, ma che l’impegno e lo slancio del coro resero quasi festoso:
“Vi

[continua a leggere...]

   1 commenti     di: Rocco Burtone



Pagine: 123tutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene racconti scritti in vernacolo, storie tradizionali e non in dialetto