PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Favole per bambini

Pagine: 1234... ultimatutte

Il topolino coraggioso

Nascosto nella sua tana il piccolo topolino nero, dalla coda e dai baffetti lunghi, osservava il mondo passare. Era molto invidioso del suo amico che usciva a giocare senza paura, ma lui non ne aveva il coraggio.
Il tempo passava e lui era sempre chiuso lì mentre il suo compagno fuori conosceva una dolce topolina e si divertiva. La gran paura del piccolo topolino Tom era un gatto enorme bianco. Lo chiamavano il gatto delle nevi perché era un micio aggressivo, cattivo e come tutti i felini andava a caccia di topini e compariva all’improvviso.
Il suo amico ogni volta faceva la figura del coraggioso con l’amica, ma a volte l’apparenza inganna, in realtà il gatto non c’era sempre e aveva paura anche lui, anche se non lo dimostrava.
Un giorno decise di chiedere aiuto al suo amico, per superare il suo problema di paura, che sembrava tanto buono e coraggioso, ma ancora una volta rimase deluso.
Doveva rassegnarsi, finché non sentì una voce dispersa nell’oscurità della tana che gli sussurrava di affrontare la situazione. Questa voce gli diede la forza di uscire dalla tana, così si avvicinò pian piano al buco e il cuore cominciò ad aumentare il battito.
La tensione dentro di lui aumentava sempre di più e i brividi di paura gli torturavano il cuore. Chiuse gli occhi, cercò di respirare profondamente e si trovò davanti all’improvviso l’enorme gatto delle nevi. Lo fissò con i suoi occhi agghiaccianti e tirò fuori le unghie per attaccare, il topolino cadde nel panico profondo. Si sentiva sconvolto e senza forze, ma il cuore batteva ancora e lui era lì non poteva lasciar stare tutto adesso che aveva rischiato.
Così pensò alla sua amica e utilizzò la sua unica arma segreta che era la velocità, ma fuggendo e ritornando nella tana non avrebbe risolto il problema, la paura va affrontata non evitata.
Se ci pensava, capiva quanto era ignorante rimanere sempre chiusi dentro per paura e rinunciare alle meraviglie della vita. La topolina rimase affa

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: sara zucchetti


Diesis

Questa è la storia di una nota musicale, un Fa naturale.
Era paffuta, con l' astina lunga, una semiminima per niente brutta.
Se ne stava comodamente disegnata nel suo spazio tra il Mi e il Sol che invece, attaccate alle linee del pentagramma, sembravano soffrire di un certo mal di testa.
Ogni mattina, le sette note della scala, si mettevano in posizione, pronte per vibrare. In effetti, ogni tanto, qualcuna faceva confusione sbagliando postazione. Ma ecco che la " chiave ", attenta ad ogni svista, cominciava ad urlare:- Non mi hai vista? Sono la chiave di violino, torna la nota di prima! - Il nostro Fa aveva un suono limpido, ve lo posso assicurare, era proprio perfetto da ascoltare.
Ma era solo un Fa naturale e al quarto posto nella scala di Do maggiore!
Aveva un carattere particolare, avrebbe voluto essere qualcosa di più, giusto per farsi notare.
La sua voglia di stupire, la convinse che era ora di cambiare : corse al negozio musicale e comprò un bel fregio da tenere, al suo fianco sulla scala.
Con un " diesis "a tracolla, trovò spazio a malapena ; le notine esterrefatte dello strano nuovo acquisto, fatto solo per il gusto di sentirsi un po' più' alta, protestarono più volte con il loro "caposcala". -Maggiore Do - disse il Sol - Scusi se le parlo con un tono sostenuto, ma il Fa diesis è un intruso.-
- Non si può negare, la farò cacciare- sentenziò il Do.
Anche il "Re", interpellato, disse seccato : -Nella mia scala non c'è posto, il terzo grado è già occupato. -
Così la nota rifiutata si ritrovò sola e abbandonata; pianse e urlò fa diesis di disperazione per giorni interi. Forse aveva esagerato. Con la sua smania di protagonismo, aveva finito per darsi un tono sbagliato.
Ad un tratto però , ebbe un' illuminazione : - Sarò la "caposcala"- pensò e costruì' una progressione dove tutte le note erano diesis, tranne il "Si" , che tanto dice sempre di sì .
"Maggiore Fa diesis" veniva chiamata adesso dall

[continua a leggere...]



I due ruscelli



Oggi basti a te stesso

Quando avrai raggiunto la tua maturazione, la pioggia del cielo smetterà di sostenerti, fa che quel momento non ti induca in inganno è solo giunto il tempo di incontrare la tua fonte eterna.
In quel luogo immutabile, laddove i tuoi passi ti avranno condotto, le stagioni non si alternano, tutto è primavera, e quel giorno capirai che ognuno è fonte per la propria vita.
Questa è la promessa fattavi ai primordi, tutti giungerete ad alzar le radici dal mondo, solo così ogni cosa diventerà sole.


Alza il capo!

Gridò il sole al fiore, che ormai senza acqua da giorni a stento riusciva a tenersi diritto.

Alza il capo!

Ripeté.

Il fiore fece un grande sforzo, e nell’alzare il capo verso il sole disse con voce stanca:

È bello essere sole, ma tu non sei fiore e pertanto non puoi capire.

Fiore sei sorto al vivere per diffondere il tuo profumo, dai realizzo alla tua natura.

Lasciami stare non vedi non piove da tempo ed io ho sete.

Una grande risata giunse dal cielo, e con essa queste parole:

Non attendere più che cada la pioggia, per dissetare le tue radici terrene.

Cosa? Gridò il fiore? Allora mi vuoi vedere morto, sai che un fiore ha bisogno d’acqua, non potrò sopravvivere senza. Me lo potevi dire prima che ero destinato a morire, avrei evitato tanta fatica nel divenire da seme a fiore. Mi sarei lasciato morire quando ero lì nel ventre della terra. Perché solo ora che sono venuto alla luce, mi dici che non avrò più acqua.

Il fiore era davvero fuori di se dalla rabbia, calò di nuovo il capo e le forze presero a mancargli, aveva deciso di lasciarsi morire.

Piccolo fiore, non è la morte quella che ti sto offrendo ma la vera vita, perché non osservi prima di prendere decisioni, sei come sempre troppo affrettato nelle decisioni.

Il fiore sempre col capo chino disse:

Cosa dovrei guardare niente è cambiato intorno a me.

Allora rispondi, la tua visione delle cose è la stessa? Quando eri seme soffocat

[continua a leggere...]

   0 commenti     di: Cleonice Parisi


La stanza proibita (prima parte)

C'era una volta, una graziosa bimba di nome Nicole. Aveva gli occhi azzurri, i capelli biondi e lunghi che accarezzavano le spalle, come onde di mare poco mosse. Aveva circa dieci anni e viveva in una splendida villetta con il padre. La villa era molto grande, con un cancello in ferro decorato e due colonne di marmo, dove sulla cima c'erano le statue di due leoni seduti. Poi un incantevole giardino fiorito seguiva un sentiero che portava alla porta d'ingresso.

Il padre era un uomo serio e aveva un valore nella società, con capelli corti e baffi neri. Era molto affettuoso e affezionato a Nicole, perché aveva perso la madre da piccola e non ricordava nulla di lei, aveva solo un ritratto, che spesso osservava nel corridoio, dispersa nei suoi tristi pensieri. L'ammirava molto, perché era una bella donna e ne sentiva tanto la nostalgia. Purtroppo il padre era spesso in giro per lavoro e lei rimaneva con la balia e la servitù per la cura della casa.
La balia si occupava della sua istruzione e oltre ad istruirla, le dava lezioni di pianoforte con le quali lei sfiorando i tasti faceva vibrare dolci melodie e poi le dava lezioni di danza.

Una sera non riusciva a dormire e si sentiva sola, agitata e aveva più paura del solito. Aveva accanto il suo gattino come tutte le sere, ma non bastava così decise di uscire dalla stanza e andare a cercare qualcuno. Era buio, ma non accese la luce del corridoio, si prese un piccolo lumino e si avvicinò al quadro della mamma.
In giro non c'era nessuno e decise di osservare per qualche minuto il quadro, ricordando la sua dolce mamma, per farsi forza. Era una donna graziosa, bionda come lei e dagli occhi verdi, il viso delicato e un sorriso sincero. Aveva un piccolo ciondolo, che portava al collo di colore azzurro a forma di fiore.

Accanto al quadro, c'era una stanza, dove le era stato vietato di entrare, lei non osava neanche provare ad aprirla durante il giorno, perché sapeva che era chiusa a chiave. Era molto curiosa,

[continua a leggere...]

   13 commenti     di: sara zucchetti


Vedere tutto da lì

Quel giorno di primavera Lei nacque…
O meglio, quel pomeriggio, straordinariamente caldo pomeriggio di primavera Lei respirò per la prima volta l’aria di quella che sarebbe stata la sua terra, giacché il bozzolo, ripieno di vita, della Sua palpitante e impaziente vita, si trovava tra quei rami da diversi giorni.
Ovviamente la sua condizione non Le permetteva di rendersi conto di che razza, di che specie di animale era, a mala pena riusciva a percepire le prime vibrazioni dell’aria, il calore del luogo che la circondava, lo spazio che il Suo corpo, che le Sue ali occupavano nella dimensione reale di cui entrava a far parte.
Uno scienziato l’avrebbe definita uno splendido esemplare di Eurytides thyastes Dry, un bambino del posto semplicemente farfalla, una bellissima e grande farfalla di una delle molte specie presenti in Perù.
Lei quel giorno non si definì, Lei non apprezzò con occhio artistico le sfumature di gialli, di marroni, di bianchi che costituivano le sue aggraziate ali, non si soffermò a chiedersi il perché di quelle due chiazze rosse, non si chiese perché la Natura le dava la possibilità di vivere mostrando agli altri Esseri quei colori bellissimi e geometricamente organizzati.
Il suo primo pensiero, se così si può definire un innato riflesso vitale, fu dispiegare le ali, svegliarsi dal torpore che la attanagliava all’interno del bozzolo, interrompere quel periodo ovattato in cui tutto ciò che è Fuori viene percepito come molto lontano.
Lei ancora non lo sapeva…non sapeva una cosa, non sapeva Quella cosa.
Finalmente i primi battiti d’ali; una sensazione di libertà si impadronì della farfalla che per la prima volta assaggiò le potenzialità del volo…ancora mancava l’esperienza, il controllo, la stabilità, l’eleganza di quello che sarebbe stato un Volo.
Però il battito, il primo semplice battito, le conferì una forza e una sicurezza, la gioia che invade il neonato quando scopre di poter camminare solo.
Da

[continua a leggere...]



Il Sole nel Cuore

Sia l’uomo fonte di vita per il mondo e non arido deserto dove la vita langue.
Le lacrime versate nella comprensione, saranno il mare dal quale vi ergerete completi.
Occhi nuovi vi guideranno sino a quel Sole che ne avrà accresciuta la sapienza.

Quando la sorgente viva presente in ogni cuore avrà ripreso a scorrere copiosa,
la luce del Sole vi chiamerà per nome, solo allora le porte del vivere si schiuderanno al degno passo di un nuovo sovrano
che s’innalzerà al cielo con il Sole nel cuore.

***

Meriti di più!

Disse il Sole all’Acqua.

Tu tra tutte sei la limpida sorgente della verità, attraverso i tuoi allegri fluttui la luce dell’arcobaleno viaggia veloce nelle buie ferite della terra, e le aride zolle rivivono al tuo semplice scorrere.
Acqua vorrei che del vivere tu divenissi regina, perché nessuno più di te merita di ricevere tale onore.

Acqua, si ridestò dal suo elemento naturale, la sua limpida trasparenza e le sue fresche forme, incantarono il creato, scoiattoli volanti, uccelli variopinti, volpi dall’occhio vispo, e lupi affamati, fermarono la loro corsa, che incantati dalla sua rara bellezza, restarono a guardarne la nascita, riconoscendola degna regina già prima del suo divenire.
Quel silenzio innaturale racchiudeva nel suo intimo un concerto di melodie mai ascoltate prima, capace di rinfrancare le aride terre dimenticate da secoli.
Acqua non si accorse del clamore nascosto dietro a quel silenzio, aprì le sue ampie ali e prese a volare incontro al Sole per ricevere la sua corona.
Durante il volo, piccolissime particelle d’acqua scivolarono leggiadre dal suo meraviglioso abito, e al contatto con l’aria presero vita. Ogni goccia allungò le sue piccole manine e stringendosi ai raggi di luce del primo sole, incominciarono a danzare. Le loro acrobazie incantarono il viver del mondo, creando uno spettacolare arcobaleno di luci tra cielo e terra.
Quando Acqua giunse al cielo, il Sole degno sovrano del c

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: Cleonice Parisi



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

Questa sezione contiene favole e storie per bambini e adulti, racconti con morale e allegorie

Le favole sono dei racconti breve che trasmettono un insegnamento di carattere morale o didascalico. I protagonisti sono solitamente animali antropomorfizzati che rappresentano vizi e virtù degli uomini. La presenza di un intento morale le differenzia dalle fiabe - Approfondimenti su Wikipedia