PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Fiabe

Pagine: 1234... ultimatutte

La Fata e L'aquila

In una giornata di autunno fredda e piovosa , mentre l'aquila stava volando in mezzo ad una valle che non aveva mai visto, andò a sbattere contro una montagna, e si ritrovò in mezzo al bosco con un ala spezzata, ma soprattutto non si ricordava chi era e cosa fosse. Ormai stanca e provata dal freddo perse conoscenza, si ritrovò aprendo gli occhi una Donna che le disse : Io sono una Fata, la custode di questi luoghi, non ti preoccupare resterai qui il tempo necessario per guarire dalla tua ferita. Allora L'aquila rispose : si ma Io non so volare, come faccio? , F. si che sai volare, ma se vuoi ti aiuterò Io. ... e così passo l'inverno freddo e pieno di neve, ma l'aquila nel frattempo si ritrovò tra le cure della sua custode, e piano piano cominciò a guarire dal dolore a dalla sua ala spezzata. Quando arrivò la Primavera la sua Fata le insegnò giorno dopo giorno a sbattere le ali, ad aprirle e finalmente a fare i primi voli, e l'aquila tutto ad un tratto si ricordò chi era, cosa fosse, e da dove veniva. Con L'estate alle porte ormai l'aquila era guarita e poteva andare da qualsiasi parte ella volesse : Allora la Fata gli disse: Da oggi non mi vedrai più , perché rispose L'Aquila, perché non ti trasformi anche tu in un Aquila, F. perché non hai più bisogno di me, e poi io sono la custode di questo posto, non posso cambiare la mia natura , A. ma Io non posso stare senza di Te, F. Non ti preoccupare anche se non mi vedrai sarò con te per "Sempre" . Allora L'aquila prima di andarsene le disse : Grazie di avermi insegnato a volare, avevo dimenticato tutto, senza di te non c'è l'avrei fatta. Si alzò in volo e se ne andò , ma con la promessa che tutte le volte che avesse voluto sentirla vicina, sarebbe passato per quel bosco per farsi vedere e per condividere anche un istante con Lei.

   3 commenti     di: marco


Liscio come l'olio

Il vecchio camminava lentamente per i viottoli del parco cittadino con la bimba al fianco. Una pesante artrosi lo costringeva in una posizione ripiegata in avanti. Si muoveva lentamente sostenendosi con un bastone. La bimba, Alessia, lo teneva per mano e lo allietava con la sua fresca ingenuità. Lei voleva tanto bene al nonno, e lui adorava la piccola nipotina che chiamava la mia farfallina.
Era una bella giornata di primavera. Qua e là nel parco numerose persone passeggiavano godendosi la bella giornata di sole, chi a piedi chi in bicicletta chi perfino a cavallo. Due passerotti si inseguivano in acrobatici quanto incontrollati voli, finirono proprio per incrociare lo sguardo basso del nonno. Egli rimase per un momento disorientato, agitò le braccia spaventato, perse l'equilibrio e finì per cadere in avanti.
"Nonno!" Gridò la piccola. L'uomo mise avanti le mani e rotolò goffamente sul fianco lasciando cadere il bastone. La piccola gli girava attorno spaventata, non sapeva cosa fare, il nonno era troppo pesante per lei. Arrivarono subito in soccorso una coppia di giovani che stavano facendo jogging.
"Tutto bene signore?" Lo aiutarono ad alzarsi.
Uno dei due giovani inforcò delicatamente gli occhiali al vecchio e chiese di nuovo,
"Tutto a posto?"
Il vecchio abbozzò un sorriso, "Tutto liscio. Liscio come l'olio."
I due giovani spolverarono con le mani la giacca del vecchio e dopo un rassicurato sorriso ripresero la loro corsa rigirandosi più volte.
"Che paura che mi hai fatto nonno."
"Va tutto bene piccola." Rispose lui ancora in affanno.
Lei lo fissò puntando l'indice alla tempia e chiese, "Cosa vuol dire liscio come l'olio?"
Il nonno sollevò per lo stupore le sopracciglia, "Non sai cosa vuol dire liscio come l'olio? Quindi non conosci la storia della principessa Margarina?"
La bambina con le braccia dietro la schiena ondeggiò due volte sui fianchi "no..." disse con un filo di voce, cogliendo la gravità del fatto.
"Vieni sediamoci su quel

[continua a leggere...]

   3 commenti     di: Rudy Mentale


Le recchie e prevetu con bolognese alla nonnino

Attraverso i vetri colorati entravano nella nostra cucina raggi di sole variopinti. Oltre a calore portar nei piccoli cuori delle principessine nostre, Alice e Paoletta, che credo ben conoscete, gli effetti di quei raggi davano alla cucina un aspetto straordinario.

Accarezzando le bionde chiome di Alice e a voce sussurrante:

- Sei bella, principessina!

E la bionda chioma prende i colori dell'iride.

Poi furtivi si intersecano tra i rossicci capelli di Paoletta e a voce soave e tenera:

- Anche tu sei bella, un bocciolo di rosa appena schiuso, principessina mia.

Ed anche i capelli rossicci di Paoletta, dei colori più belli di un iride allegro e canzoniere si vestono, aleggiando tra i profumi di una cucina sempre in festa.
In questo mondo quasi irreale entra il nonnino, il nostro cuoco brillo, ma non troppo e con la solita fiaschetta di vino rosso locale.

Alle bambine:

- Principessine mie, è vero che mi aiutate anche oggi a preparare un pasto con i fiocchi?

Le bambine:

- Si nonnino! Cosa dobbiamo fare?

Il nonnino:

- Intanto io vi dico quello che mi serve, e voi mi dite se già sta sul tavolo di lavoro.

Le bambine:

- Bene!

Il nonnino:

- Incominciamo; farina, uova, formaggio grattugiato, sale, olio d' oliva e di extra vergine di oliva, pepe, noce moscata, carne mista tritata,(non macinata ma fatta a pezzettini con un bel coltello ben affilato) un peperone trattato allo stesso modo e mi sembra tutto.

Le bambine che avevano scrupolosamente controllato ed annuito ad ogni cosa, incuriosite:

- A nonò, cos'è 'sta specialità?

Il nonnino:

- Recchie e prevetu alla bolognese!

Alice:

- Cosa sono le recchie e prevetu?

Il nonnino:

- Veramente si chiamano orecchiette, ed è un tipo di pasta fatta in casa, che hanno appunto la forma di piccole orecchie.

Paoletta:

- Sono veramente curiosa di vedere come le fai!

Il nonnino:

- Non le farò mica da solo, anche voi due principessine (indicando con l

[continua a leggere...]



Il tegamino e il mestolo

Questa storia comincia in una cucina, dove tra i vari attrezzi e oggetti culinari, c' è un vecchio tegamino, che la fa da padrone.
Il cuoco vanitoso e fiero della propria arte culinaria, dei suoi prelibati piatti vantava spesso anche il tegamino. Certo è che quest'ultimo non figurava affatto tra le pentole ancora nuove e ben lucidate.
Comunque le tollerava, ci si era ormai abituato, pur se con un po' di stizza.
Così il tempo passava tranquillo tra piatti squisiti e buon vino rosso, ma eccoti di punto in bianco apparir un nuovo coso, che chi l'usa lo chiama mestolo, e si vantava di esser fatto di puro acciaio inossidabile.
Qui comincia un dibattito fra i due contendenti, che io ritengo alquanto interessante.

Tegamino:
- Chi sei? Che ci fai qua?
Mestolo:
- Non lo vedi scemo? Sono un mestolo e ben luccicante.
Tegamino:
- E a che servi? E di cosa sei fatto?
Mestolo:
- Sostituisco la vecchia e fu cucchiaia di legno che si è rotta. Sono fatto di puro, dico puro, acciaio inossidabile.
Tegamino:
- Inosso... che?
Mestolo:
- Inossidabile.
Tegamino:
- E che significa?
Mestolo:
- Significa che non arrugginisco mai, non arrugginendo sono sempre giovane ed eterno. E tu scemo prima o poi finirai, dai retta a me.
Tegamino:
- Stai attento a come parli, se no ti do una botta sulla testa.
Mestolo:
- Provaci!

Il tegamino aveva ben capito che non era certo il caso, visto che era fatto di terracotta, dove i cibi vengono più saporiti, questo è vero, ma con l'usura era destinato veramente a fare una brutta fine. Il poverino, tra l'altro, per quanto vecchio, da sentirsi il vero padrone della cucina, non sapeva la fine che avrebbe fatto, se per disgrazia cadeva dalla mensola o dalle mani del cuoco un poco brillo.
Ma l'odio che sentiva per questo nuovo intruso, lo portò a fare una mossa da trovarsi squilibrato. Il mestolo ne approfittò.

Mestolo:
- Allora cosa aspetti? Quanto sei brutto! Sei già tutto nero.

Il tegamino, che tutto nero era davvero,

[continua a leggere...]



Festa in cucina

Nella solita cucina si faceva un gran fracasso, tutti intenti, i piatti per primi, a festeggiare i nuovi venuti. Il signor mestolo, in puro acciaio inossidabile, era l'unico a non capirci un accidenti, e se ne stava muto e triste. Poi timidamente e a mezza voce chiese ad una forchetta:

- Che c' è? Mi sai dire che sta succedendo?
La forchetta:
- Ma come! Non lo sai? Sono appena arrivati nuovi di zecca un bel tegamino in terracotta e una cucchiaia di buon legno.

Il mestolo facendo una alzata di spalle alla forchetta non gli rispose neppure e brontolava fra se:

- Capisco il tegamino, il vecchio è andato a pezzi. Ma la cucchiaia, la cucchiaia maledetta, che ci fa qui? E io, che ci sto a fare?

Si mordeva il fegato, come si usa dire da queste parti, per la grande rabbia che si era, all'improvviso, impadronito di lui.
Intanto sul tavolo, il cuoco aveva fatto sposare il bel tegamino, con la lì presente pentola, pregandoli di adottare come figlia la cucchiaia di nobile legno. All'accenno affermativo dei due consorti, eccovi formata una bella ed utile famiglia.
Ma la festa vera e propria deve ancora venire, nonostante gli applausi scoscianti degli astanti.
Infatti, sempre sul tavolo c' erano degli ingredienti, ancora sconosciuti alla neo famiglia. A questo punto indicandoli uno per uno il cuoco li presentò. In ordine dunque:
Una bell'aglio, pomodori san Marzano, olio extravergine di oliva, sale, pepe (nel nostro caso inutilizzabile) e per finire delle bellissime foglie di basilico fresco.
Loro tutti:

- A cosa servono?
Il cuoco:
- Lo vedrete fra poco, sarete infatti protagonisti di eccezione.

La pentola conteneva già l'acqua necessaria per la cottura degli spaghetti, ma questi non erano ancora presenti, come mancava anche la fiaschetta di vino rosso e il bravo calice. Tutte queste ultime cose si trovavano dove abbiamo lasciato il mestolo, che capendo finalmente della macchinazione in corso, cercava di ostacolarli per non favorire la festiccio

[continua a leggere...]



L'angelo custode

C'era una volta una bambina bellissima, con i capelli color del sole, gli occhi color dell'erba fresca e le guance rosate e punteggiate come due fragole carnose.
Emma era spesso molto triste, perché la sua mamma non era mai a casa, doveva sempre lavorare e lei rimaneva a casa in compagnia della tata aspettando trepidante il momento in cui poteva finalmente correre incontro alla mamma che ritornava a casa.
Quel pomeriggio Emma era particolarmente giù di morale.. le veniva continuamente il magone e nemmeno la sua collezione speciale di magici cavallini del cuore riuscivano a farle tornare il sorriso.
Decise allora di uscire di nascosto e di fare una passeggiata nel bosco vicino a casa, tra le alte e robuste piante, l'erba verde, gli arbusti in fiore. Camminando, saltellava e canticchiava.. le era tornato il buon umore.
Ad un tratto lungo il suo cammino incontrò uno strano essere che le si fermò dinnanzi guardandola con due occhioni grandi e languidi. Le sembrava familiare.. il volto, il sorriso, l'espressione che aveva. "Chi sei?" chiese la piccola Emma, a metà tra lo stupore, l'ammirazione e lo spavento. L'essere si limitò a fissarla, in silenzio, senza proferire alcuna parola. Seguì un attimo lunghissimo di silenzio in cui entrambi rimasero fermi a fissarsi, scrutandosi a vicenda. Quello strano essere era bellissimo, circondato da una luce che lo rendeva aureo.
Non si dissero nulla, non si scambiarono parole, solo un lungo, intenso e carico sguardo.
Poi Emma ad un tratto si ritrovò nella sua cameretta, circondata dai suoi giocattoli, dalla sua collezione di magiki. E in lontananza senti la voce di mamma che urlava "sono a casa". Era tornata.

Emma non sapeva cosa era successo quel pomeriggio, e mai se lo riuscì a spiegare, non seppe mai chi fosse quell'essere, dove lo incontrò e se davvero lo incontrò.
Da quel giorno però Emma non si sentì mai più sola, non pianse più quando la mamma usciva per andare a lavoro. Si sentì sempre protetta, al

[continua a leggere...]



Piccoli desideri

C'era una volta, anzi no c'è una piccola comunità di gnomi, detti gnomi marini perché vivono in un angolo della pineta sul mare. Questi esserini sono leggiadri e felici sempre, ma ancor di più quando possono esaudire i desideri dei loro piccoli amici bambini.
Vivono con poco, si accontentano di qualche fungno, un po di pinoli, e quando sono fortunati le briciole delle merendine e torte dei loro amichetti, bevono la rugiada mattutina, anche se a volte non disdegnano un goccetto di coca-cola.
Questa storia parla di quando uno dei loro giovani amici, un bimbo di 5 anni di nome Piero, detto ercolino per via delle sue dimensioni e forza, arrivò di corsa presso il loro villaggio e... ma andiamo con calma.
Dicevamo che gli gnomi marini vivono nella pineta e precisamente sotto uno dei pini marini più vecchi ai cui piedi ci sono tre cespugli di alloro, qui vivono in capanne fatte di legnetti e foglie di alloro; un giorno di Luglio, caldo come non si ricordava da anni, arriva Piero, che d'ora in poi chiameremo Ercolino, tutto trafilato, ed inizia a fischiare per chiamare gli gnomi, i quali si fanno vedere solo se conosci la parola d'ordine che è appunto un fischio lungo e due corti. Appunto così fece Ercolino, ed ecco il guardiano, che quel giorno era lo gnomo Flick, che lo vide e riconoscendolo lo fece entrare nel villaggio; dovete sapere che gli gnomi sono grandi come passerotti, ossia alti una decina di centimeri, anche se si racconta di uno gnomo che arrivò addirittura a 15, ma secondo me sono solo leggende, e per stare insieme ad i loro amici umani fanno loro una magia per rimpicciolirli. Dicevamo appunto che Ercolino entrò nel villaggio e tutto ansimante, sia per la corsa che per l'eccitazione chiese di vedere il mago miracolante di giornata, ossia colui che in quel giorno possedeva la tavoletta magica per esaudire i desideri. Ora vi domandere, ma perché gli gnomi esaudiscono solo i desiderei dei bambini, perché loro sanno che gli umani possono

[continua a leggere...]

   2 commenti     di: mauro crisante



Pagine: 1234... ultimatutte



Cerca tra le opere

FiabeQuesta sezione contiene storie e racconti su fate, orchi, giganti, streghe e altri personaggi fantastici

Le fiabe sono un tipo di racconto legato alla tradizione popolare e caratterizzata da componimenti brevi su avvenimenti e personaggi fantastici come orchi, giganti e fate. Si distinguono dalle favole per la loro componente fantastica e per l'assenza di allegoria e morale - Approfondimenti su Wikipedia